Hit-Girl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la serie dedicata al personaggio, vedi Hit-Girl (fumetto).
Mindy McCready
Hit-Girl.jpg
Hit-Girl disegnata da John Romita Jr.
UniversoMillar-verse
Alter egoHit-Girl
Autori
Editore
1ª app. inKick-Ass #3
Interpretata daChloë Grace Moretz
Voce italianaAngelica Bolognesi
SessoFemmina
Abilità
  • Capacità psicofisiche superiori alla media umana
  • Abile in ogni tipo di arma da fuoco, da taglio ed esplosivi
  • Abile nel combattimento corpo a corpo
  • Svariate conoscenze in tecniche d'assassinio e di spionaggio
  • Esperta hacker
  • Esperta stratega
  • Abile escapologa
  • Poliglotta
  • Abile pilota di vari tipi di veicolo (stradali ed acquatici)
  • Vaste conoscenze scientifiche ed umanistiche

Mindy McCready (Macready nel film) è uno dei personaggi del fumetto Kick-Ass, creato da Mark Millar e John Romita Jr. per la linea Millarworld e pubblicato dalla Icon Comics[1]. Si tratta di una vigilante addestrata dal padre (Big Daddy) a combattere il crimine con armi letali e senza pietà[1]. Il suo addestramento inizia quando è solo una bambina e questo la porta ad una propensione alla violenza e un'assuefazione alla crudeltà[1]. Nel 2012 è protagonista di una miniserie a lei intitolata[2]. Dal 2018 le pubblicazioni relative a Kick-Ass e Hit-Girl vengono distribuite dalla Image Comics. Il personaggio è stato interpretato sul grande schermo dall'attrice Chloë Grace Moretz nel film Kick-Ass del 2010, diretto da Matthew Vaughn e nel sequel Kick-Ass 2 del 2013, diretto da Jeff Wadlow[1].

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Contesto e ideazione[modifica | modifica wikitesto]

Hit-Girl viene creata da Mark Millar e John Romita Jr. come personaggio di supporto nella prima miniserie dedicata a Kick-Ass. I due avevano già collaborato sulla serie Wolverine per la Marvel Comics, il loro primo arco narrativo è stato Enemy of the State[3]. Visto il successo ottenuto e la buona intesa nata tra i due autori, Millar vuole coinvolgere Romita in uno dei suoi progetti indipendenti del Millarworld[3]. Non appena gli accenna di voler creare una serie con dei ragazzini nerd che si vestono e agiscono da supereroi ma senza superpoteri, John accetta immediatamente[3]. Quest'ultimo arriva a dichiarare che dopo aver dedicato la sua carriera a disegnare supereroi e fumetti creati da altri sente il bisogno di dare sfogo alla sua creatività e poter dare la sua visione di un personaggio sin dai suoi albori[3]. Questo gli viene permesso da Millar che lo coinvolge pienamente come co-creatore dei soggetti legati alle serie e spin-off di Kick-Ass[3]. Lo stesso Romita sottolinea che Millar lo spinge a proporre idee per lo sviluppo delle storie ed eventuali cambiamenti da portare ai protagonisti della serie[3]. Hit-Girl è il personaggio preferito da Romita e la definisce <<una dei migliori personaggi nella storia del fumetto>>[3]. Il suo contributo al personaggio, oltre che all'aspetto grafico, viene dato al modo di combattere di Mindy[3]. Millar l'aveva descritta come una bambina sociopatica che uccide senza pietà con l'uso di due coltelli[3]. Romita ne vuole ampliare le doti di assassina rendendola un'esperta di arti marziali e dotandola di katanas[3]. Inoltre, nonostante la sua giovane età, il disegnatore la impegna in alcuni dei combattimenti più sanguinosi e violenti del fumetto[3]. Dichiara che per anni si è dovuto trattenere nel disegnare scene di violenza esplicite, in quanto dipendente della Marvel, ma adesso vuole provare qualcosa di inusuale ed estremo proprio con questa controversa vigilante[3]. Queste caratteristiche la rendono da subito una beniamina dei lettori, successo che porta il duo Millar-Romita una miniserie spin-off[2].

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Mindy Macready è una ragazzina di undici anni circa, che abita a New York con il padre. Ha capelli biondi, molto lunghi e lisci, e gli occhi azzurri; è minuta, agile e atletica grazie all'addestramento ricevuto dal padre, ex agente di polizia.

La madre di Mindy morì suicida dopo averla partorita prematuramente, poiché il marito Damon era stato incastrato da un noto boss, Frank D'Amico, in un traffico di droga, e condannato seppur innocente. Dopo il suicidio della madre, la neonata Mindy era stata data in affidamento a un collega del padre, che l'aveva cresciuta fino alla fine della pena carceraria. Appena tornato in libertà, Damon iniziò a meditare la sua vendetta nei confronti di D'Amico, e decise di diventare un supereroe urbano per cercare di limitare la dilagante delinquenza in città. Iniziò così ad addestrare la figlia a diventare una vera guerriera, una supereroina come lui. Mindy divenne così un'abile combattente sia a mani nude, che con armi da fuoco che soprattutto con armi da taglio come coltelli e spade.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Hit-Girl, miniserie di 5 numeri, Mark Millar (testi) - John Romita Jr. (matite), Tom Palmer (chine), Icon Comics, agosto 2012 -aprile 2013. Viene distribuita in volume anche con il titolo: Kick-Ass 2 Prelude: Hit-Girl. Dal 2018 viene pubblicata dalla Image Comics in una raccolta dal titolo Kick-Ass Book 2: The Dave Lizewski Years.
  • Hit-Girl, serie regolare mensile, Mark Millar (testi) - Ricardo Lopez Ortiz (disegni), Image Comics, febbraio 2018 -in corso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Hit-Girl(character), su comicvine.gamespot.com. URL consultato il 26 maggio 2018.
  2. ^ a b Mark Millar (testi) e John Romita Jr. (matite), Hit-Girl nn.1-5, Marvel Comics-Icon Comics, New York, agosto 2012 -aprile 2013
  3. ^ a b c d e f g h i j k l The Art of Millarworld,  pp.102-103

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., The Art of Millarworld, Berkeley (California), Image Comics, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]