Dakota Fanning

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dakota Fanning nel 2016

Hannah Dakota Fanning (Conyers, 23 febbraio 1994) è un'attrice statunitense.

All'età di otto anni, la sua performance nel film Mi chiamo Sam (2001), le ha valso una nomination allo Screen Actors Guild Award come miglior attrice non protagonista nel 2002, facendo di lei la più giovane candidata nella storia.[1] Come attrice bambina, ha continuato a comparire in film importanti, tra cui Man on Fire (2004), La guerra dei mondi (2005) e La tela di Carlotta (2006).

È vincitrice di tre Young Artist Award, due Critics Choice Award, un Satellite Award, un Saturn Award e due MTV Movie Award. I suoi film recenti includono Coraline e la porta magica (2009), The Runaways (2010), The Motel Life (2013), e la saga di film di Twilight (2009-12). Nota anche come modella, è apparsa in numerose copertine di diverse riviste tra cui Elle, Vanity Fair e Cosmopolitan, tra gli altri. Negli Stati Uniti gli incassi dei suoi film ammontano a più di 1,54 miliardi di dollari, con una media di 61,1 milioni a film, a livello internazionale hanno incassato circa 3,36 miliardi di dollari.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dakota Fanning nasce a Conyers, in Georgia, il 23 febbraio 1994, figlia di Joy Arrington,[2] che ha praticato tennis professionalmente e di Steve J. Fanning, che ha giocato in una lega minore di baseball per i St. Louis Cardinals. Suo nonno materno è il giocatore di football Rick Arrington e sua zia è la reporter di ESPN e Fox Sports Jill Arrington. Dakota ha una sorella più piccola, anch'ella attrice, Elle.

Dakota si è diplomata alla North Hollywood's Campbell Hall Episcopal High School nel nord di Hollywood[3], in California e attualmente frequenta l'Università a New York.

Sa lavorare a maglia, ed ha realizzato delle sciarpe per i colleghi Tom Cruise, Robert De Niro, Denzel Washington e Luke Evans[4][5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dagli inizi al 2003[modifica | modifica wikitesto]

Appassionata di recitazione fin da quando era bambina, inscenava spesso spettacoli alla playhouse dov'era iscritta. I suoi genitori, vista la particolare attitudine e i consigli degli amici, decisero di far intraprendere alla figlia la carriera di attrice.[6]

I Fanning quindi passarono sei settimane a Los Angeles, dove Dakota venne scelta tra tantissimi bambini per lavorare nello spot pubblicitario di una celebre marca di detersivo. Considerato che la carriera della bambina iniziava a procedere bene, i Fanning decisero di trasferirsi definitivamente vicino Hollywood, e dopo il trasloco Dakota fu scritturata per un ruolo nella commedia I gattoni e nel cortometraggio Father Xmas, oltre a partecipare ad un episodio della prima serie di C.S.I, Blood Drops, ma è con il film Mi chiamo Sam che la bambina si impone all'attenzione del pubblico e della critica.[7]

Dopo il film con Sean Penn e Michelle Pfeiffer, che le valse anche una nomination agli Screen Actors Guild Awards, Dakota ottiene un ruolo nel thriller 24 ore, quindi recita nei panni di una giovanissima Reese Witherspoon in Tutta colpa dell'amore e come Katie nel film Hansel & Gretel. Nel 2002 arriva forse il ruolo più impegnativo della sua carriera, quello di una bambina nata dall'incrocio con alieni nella serie televisiva Taken prodotta da Steven Spielberg.[7]

La Fanning ha ricoperto ruoli molto importanti in due film usciti nel 2003, interpretando una bambina viziata contrapposta alla tata immatura (interpretata da Brittany Murphy) in Le ragazze dei quartieri alti, e Sally in Il gatto... e il cappello matto.

Dakota Fanning ha prestato la voce a quattro progetti animati durante questo periodo: come Satzuki nella versione inglese pubblicata dalla Disney de Il mio vicino Totoro, come Kim Possible in età prescolare per il film di animazione Kim Possible: A Sitch in Time, come bambina in un episodio de I Griffin ed infine come giovane Wonder Woman in un episodio della Justice League Unlimited.

Partecipa al videoclip di Across the Universe di Rufus Wainwright.

2004-2011[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 recita accanto a Denzel Washington nel thriller Man on Fire - Il fuoco della vendetta, quindi in Nascosto nel buio[8] accanto a Robert De Niro dopo il quale presta la voce a Lilo in Lilo & Stitch 2 - Che disastro Stitch!. Ottiene anche una parte nel film 9 vite da donna di Rodrigo García.

Dakota Fanning a Londra per la prima di La guerra dei mondi (giugno 2005)

Dakota Fanning interpreta la protagonista nel film Dreamer - La strada per la vittoria[9] (film ispirato ad una storia vera) dopo il quale arriva il ruolo di Rachel Ferrier ne La guerra dei mondi ancora con Steven Spielberg. Dopo aver terminato La guerra dei mondi (pubblicato dopo Dreamer) Dakota inizia immediatamente le riprese de La tela di Carlotta e presta la voce alla protagonista del film d'animazione Coraline e la porta magica, pubblicato nel 2009.[10]

Nel 2007 prende piede una polemica su Internet e sui giornali che incolpa la Fanning di aver preso parte ad un film, Hounddog (girato durante l'estate del 2006), che suscita irritazione da parte di molti per le scene di violenza sessuale e abuso di minore alle quali l'attrice ha partecipato. La madre dell'allora dodicenne Dakota e l'agente dichiararono che il film rappresentava un punto di svolta per l'attrice e ribadirono di sperare che l'interpretazione valesse un Oscar alla bambina.[11] Dopo Hounddog interpreta Anne Hagen in Winged Creatures - Il giorno del destino (marzo e aprile 2007) e Lacy nel cortometraggio Cutlass (luglio 2007). Da settembre a dicembre del 2007 gira Push, un film che parla di persone con poteri paranormali ambientato ad Hong Kong. Nello stesso anno la rivista Forbes la inserisce al 14º posto delle star under 25 meglio pagate, con un guadagno di 4 milioni di dollari.[12]

Nel marzo del 2008 Dakota e la sorella Elle vennero scelte per il ruolo delle due giovani sorelle in La custode di mia sorella accanto a Cameron Diaz, ma le due rifiutarono quando Dakota apprese che avrebbe dovuto rasare i capelli per l'interpretazione. Furono immediatamente rimpiazzate da Sofia Vassilieva e Abigail Breslin[13] A febbraio del 2008 Dakota Fanning inizia le riprese de La vita segreta delle api, adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Sue Monk Kidd.[14] Ambientato nella Carolina del Sud del 1964, la storia è incentrata su una ragazza, Lily Owens, che scappa da una vita solitaria e da una complicata relazione col padre fuggendo con la sua tata ed unica amica (interpretata da Jennifer Hudson, con la quale la Fanning aveva già lavorato in Winged Creatures) fino a giungere in una città della Carolina del Sud dove le due ragazze vengono accolte in casa da un eccentrico trio di sorelle apicultrici (interpretate da Queen Latifah, Sophie Okonedo e Alicia Keys).

A inizio 2009 la giovane attrice prende parte al film New Moon, secondo capitolo della saga di Twilight, nel ruolo del vampiro Jane,[15][16] membro del corpo di guardia dei Volturi, capace di infliggere dolore con la forza della mente. Interpreta lo stesso ruolo anche l'anno successivo, nel terzo capitolo Eclipse, e nell'ultimo e quinto capitolo, The Twilight Saga: Breaking Dawn - Parte 2, uscito il 14 novembre 2012.

Nell'estate del 2009 Dakota Fanning interpreta Cherie Currie nel film The Runaways,[17] che narra la storia dell'omonimo gruppo rock composto esclusivamente da membri di sesso femminile, recitando nuovamente al fianco di Kristen Stewart (con cui ha girato anche New Moon e Eclipse), la quale veste i panni di Joan Jett. Cherie Currie è stata la voce principale del gruppo dal 1975 al 1977.

Dakota Fanning al Vanity Fair Party per il Tribeca Film Festival 2012.

Dal 2012[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la saga di Twilight, l'attrice iniziò a lavorare soprattutto in film indipendenti e a basso budget, nel 2012 fu protagonista nel film Now Is Good accanto a Jeremy Irvine, nel ruolo di una giovane ragazza malata di leucemia.[18] L'anno successivo fu protagonista del film Night Moves, presentato alla 70ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, accanto a Jesse Eisenberg[19]. Nel 2014 fu al cinema con il film Very Good Girls. La pellicola brnne presentata al Sundance Film Festival nel gennaio 2013,[20] e narra le vicende di due amiche che mettono a dura prova la loro amicizia quando entrambe iniziano a frequentare lo stesso uomo.

Nel 2014 fu nel cast del thriller psicologico Ogni cosa è segreta, accanto a Elizabeth Banks e Diane Lane, il film uscì nelle sale cinematografiche nel maggio 2015.[21] Inoltre fu protagonista del film Effie Gray - Storia di uno scandalo diretto da Richard Laxton e scritto da Emma Thompson. La pellicola narra la storia del misterioso matrimonio tra la giovane Effie Gray e il critico d'arte John Ruskin, dopo essersi sposata a 19 anni Effie si rende conto che il suo matrimonio è una farsa e al raggiungimento della maggiore età cercherà di lasciare, facendo di lei una delle prime donne nella storia a chiedere il divorzio dal marito.[22] Il film uscì nelle sale inglesi nell'ottobre 2014 mentre negli Stati Uniti ed in Italia nel 2015. Nello stesso anno fu protagonista del film Franny accanto a Richard Gere e Theo James.[23]

Nel maggio 2015 avrebbe dovuto iniziare le riprese, nel ruolo della protagonista, della trasposizione cinematografica di Brain on Fire: My Month of Madness, libro che racconta la storia di Susannah Cahalan, una ventiquattrenne alla quale vengono fatte quattro diverse diagnosi: psicotica, depressa bipolare, epilettica e schizofrenica.[24] Successivamente dovette abbandonare il progetto a causa dei troppi impegni lavorativi, e fu sostituita da Chloe Moretz.[25]

Nel 2016 venne presentato al Festival di Venezia il western Brimstone,[26] che la vide protagonista accanto a Guy Pearce; inoltre fu nel cast di American Pastoral, il film, che segnò il debutto alla regia di Ewan McGregor, narra la storia di una famiglia perfetta ma il cui mondo va in pezzi quando la figlia compie un atto terroristico.[27] Nel mese di ottobre prese parte al cortometraggio The Escape, accanto a Vera Farmiga e Clive Owen.[28]

Nel 2017 venne diretta da Neill Blomkamp in una serie di cortometraggi, dal titolo Oats Studios “Volume 1”, diffusi gratuitamente su YouTube.[29] Fu protagonista del film Tutto ciò che voglio, accanto a Toni Collette, dove interpretò Wendy, una giovane ragazza autistica che intraprende un viaggio on the road per partecipare ad un concorso ad Hollywood. La pellicola, diretta da Ben Lewin, fu presentata al Festival di Roma nella sezione Alice nella Città.[30] Inoltre fece parte nel cast de L'alienista, una serie TV in costume ambientata nella New York del 1896,[31] dove interpretò il ruolo di Sara Howard, l'ambiziosa segretaria di un giovane Theodore Roosevelt a capo della polizia di New York, determinata a diventare la prima donna detective.[32]

Nel 2018 fece il suo debutto come regista dirigendo il cortometraggio Hello Apartment, realizzato per il brand Miu Miu e presentato in anteprima alla settimana della moda di Londra e successivamente nelle sezioni autonome e parallele della 75ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[33][34] Inoltre tornò a lavorare in grandi produzioni hollywoodiane, fu infatti nel cast di Ocean's 8 di Gary Ross.[35] Il 6 giugno dello stesso anno entrò nel cast di C'era una volta a... Hollywood, diretto da Quentin Tarantino,[36] dove ricopre il ruolo di Lynette "Squeaky" Fromme, membro della Famiglia Manson. Il film, incentrato sugli orribili fatti di sangue avvenuti per mano di Charles Manson sul finire degli anni '60, fu presentato in concorso alla 72ª edizione del Festival di Cannes.[37] L'uscita nelle sale, inizialmente prevista per il 9 agosto 2019, nel 50º anniversario della strage avvenuta al 10050 Cielo Drive, fu anticipata al 26 luglio 2019.

Nel novembre 2018 entrò nel cast di Sweetness in the Belly del regista Zeresenay Berhane Mehari, in sostituzione di Saoirse Ronan. Nella pellicola interpreta Lilly Abdal, una bambina di sette anni rimasta orfana in Africa e cresciuta lì come musulmana, che fugge in Inghilterra come rifugiata a causa della guerra civile.[38] Le riprese si svolsero in Irlanda e in Etiopia. Il film fu presentato in anteprima al Toronto International Film Festival e ancora prima dell'uscita nelle sale l'attrice è stata attaccata poiché interpreta il ruolo una musulmana non essendolo anche nella vita reale.[39]

Immagine pubblica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 fu scelta per essere testimonial del profumo Oh Lola di Marc Jacobs,[40] campagna che fu censurata in Gran Bretagna poiché l'Advertising Standards Authority ritenne le immagini e le pose dell'attrice non adatte alla sua età.[41] Nel 2017 fu la protagonista della campagna pubblicitaria primavera/estate di Jimmy Choo.[42]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Dakota Fanning è stata doppiata da:

  • Erica Necci in Le ragazze dei quartieri alti, La guerra dei mondi, La tela di Carlotta, Push, The Twilight Saga: New Moon, The Twilight Saga: Eclipse, The Twilight Saga: Breaking Dawn - Parte 2, Now is Good, Effie Gray - Storia di uno scandalo, L'alienista
  • Giulia Franceschetti in Friends, Il gatto... e il cappello matto, Man on fire - Il fuoco della vendetta, Nascosto nel buio, Dreamer - La strada per la vittoria, Winged Creatures - Il giorno del destino, La vita segreta delle api, Tutto ciò che voglio, C'era una volta a... Hollywood
  • Rossa Caputo in 24 ore, Franny, American Pastoral
  • Sofia Ciccarone in Mi chiamo Sam
  • Claudia Mazza in 9 vite da donna
  • Benedetta Gravina in Taken

Da doppiatrice è sostituita da:

  • Lilian Caputo in Lilo & Stitch 2 - Che disastro Stitch!
  • Valentina Mari in Kim Possible - Viaggio nel tempo
  • Eva Padoan in Coraline e la porta magica

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Alliance of Women Film Journalists

Critics' Choice Movie Awards

Fangoria Chainsaw Awards

Festival del film Locarno (Pardo di Bronzo)

  • 2005 – Miglior attrice (condiviso con gli altri membri del cast) per 9 vite da donna (2005)

Golden Schmoes Awards

Gotham Awards

Hollywood Film Awards

Irish Film and Television Awards

Las Vegas Film Critics Society Awards (Sierra Awards)

MTV Movie Awards (MTV Movie Award)

Nickelodeon Kids' Choice Awards (Blimp Award)

Online Film & Television Association

  • 2002 – Candidatura alla miglior giovane interpretazione per Mi chiamo Sam
  • 2006 – Candidatura alla miglior giovane interpretazione per La guerra dei mondi
  • 2001 – Candidatura alla miglior giovane interpretazione per The Runaways

Palm Springs International Film Festival

  • 2009 – Rising Star Award

Phoenix Film Critics Society Awards

Relly Awards

  • 2005 – Miglior giovane talento

Satellite Awards (Special Achievement Award)

Saturn Award (Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films, USA)

Screen Actors Guild Awards

Teen Choice Awards

Women Film Critics Circle Awards

Young Artist Awards (Young Artist Award)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Screen Actors Guild™ Honors, Screen Actors Guild, 3 ottobre 2002. URL consultato il 5 giugno 2012 (archiviato il 23 agosto 2012).
  2. ^ Sarah Tieck, Dakota Fanning: Talented Actress, pag 6, ABDO, 2010, ISBN 978-1-60453-971-4.
  3. ^ Dakota Fanning si è diplomata, su gossippando.it, 7 giugno 2011. URL consultato il 12 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2018).
  4. ^ Dakota Fanning - Curiosità e citazioni, su movieplayer.it. URL consultato il 27 novembre 2017 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  5. ^ The Alienist: Il dolcissimo regalo di Dakota Fanning a Luke Evans, su telefilm-central.org, 15 novembre 2017. URL consultato il 27 novembre 2017.
  6. ^ Dakota Fanning biografia, su comingsoon.it. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 28 ottobre 2018).
  7. ^ a b Movieplayer.it
  8. ^ “Nascosto nel buio”, la star del thriller, encanta, 2005. URL consultato il 18 maggio 2015 (archiviato il 9 agosto 2010).
  9. ^ Kurt Russell E Dakota Fanning Nel Film Dreamer - La Strada Per La Vittoria, su movieplayer.it. URL consultato il 18 aprile 2015 (archiviato il 28 maggio 2016).
  10. ^ Cast e personaggi del film Coraline e la porta magica, su movieplayer.it. URL consultato il 23 ottobre 2018 (archiviato il 23 ottobre 2018).
  11. ^ ,cinefile, su cine-fille.com. URL consultato il 10 gennaio 2012 (archiviato il 5 marzo 2016).
  12. ^ Belli, giovani e ricchissimi: Forbes svela le fortune degli Under 25, su ilmessaggero.it, 6 dicembre 2007. URL consultato il 19 novembre 2014 (archiviato il 29 novembre 2014).
  13. ^ Abigail Breslin Is My Sister's Keeper Archiviato il 22 gennaio 2009 in Internet Archive., Rotten Tomatoes
  14. ^ La vita segreta delle api con Dakota Fanning e Jennifer Hudson, su comingsoon.it. URL consultato il 18 aprile 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  15. ^ New Moon: Dakota Fanning nel cast, mymovies, 9 marzo 2009. URL consultato il 18 maggio 2015 (archiviato il 1º gennaio 2015).
  16. ^ The Twilight Saga: ecco Dakota Fanning nei panni di Jane, screenweek, 5 giugno 2009. URL consultato il 18 maggio 2015 (archiviato il 4 marzo 2016).
  17. ^ Kristen Stewart e Dakota Fanning per The Runaways, su 10elol.it, 25 febbraio 2010. URL consultato il 18 aprile 2015 (archiviato il 4 settembre 2014).
  18. ^ Now Is Good: Dakota Fanning È Tessa, Una Giovane Malata Di Leucemia, su movieplayer.it. URL consultato il 28 novembre 2018 (archiviato il 28 novembre 2018).
  19. ^ Venezia 2013, Jesse Eisenberg e Dakota Fanning eco-terroristi in Night Moves, bestmovie.it, 31 agosto 2013. URL consultato il 1º settembre 2013 (archiviato il 6 febbraio 2015).
  20. ^ Very Good Girls - Il film dramma con Dakota Fanning ed Elizabeth Olsen, Cineblog, 5 giugno 2014. URL consultato il 6 aprile 2015 (archiviato il 12 aprile 2015).
  21. ^ Every Secret Thing: trailer del thriller con Elizabeth Banks e Dakota Fanning, cineblog, 29 aprile 2015. URL consultato il 2 maggio 2015 (archiviato l'11 luglio 2015).
  22. ^ Effie Gray: nuovo trailer del dramma biografico con Emma Thompson e Dakota Fanning, su cineblog.it. URL consultato il 15 gennaio 2014 (archiviato il 6 febbraio 2015).
  23. ^ Dakota Fanning e Theo James nel nuovo film indipendente Franny, su tralerighedibreakingdawn.it. URL consultato il 6 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2015).
  24. ^ Brain on Fire - Gerard Barrett dirige una Dakota Fanning che punta agli Oscar, cineblog, 22 gennaio 2015. URL consultato il 28 gennaio 2015 (archiviato il 26 gennaio 2015).
  25. ^ Brain on Fire: Chloe Moretz sostituisce Dakota Fanning come protagonista, su meltyfan.it, 29 giugno 2015. URL consultato il 27 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  26. ^ Venezia 73, Dakota Fanning su Brimstone con Kit Harington: «Ecco perché ho fatto un western così violento», su bestmovie.it, 3 settembre 2016. URL consultato il 7 settembre 2016 (archiviato il 4 settembre 2016).
  27. ^ American Pastoral: il trailer italiano del film con Ewan McGregor, Dakota Fanning e Jennifer Connelly, su comingsoon.it, 8 agosto 2016. URL consultato il 30 agosto 2016 (archiviato il 13 settembre 2016).
  28. ^ THE ESCAPE: ECCO IL TRAILER CON CLIVE OWEN, DAKOTA FANNING E JON BERNTHAL, su blog.screenweek.it, 3 ottobre 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016 (archiviato il 13 ottobre 2016).
  29. ^ Neill Blomkamp presenta i suoi Oats Studios, nel teaser Dakota Fanning e Sigourney Weaver, su badtaste.it, 30 maggio 2017. URL consultato il 28 giugno 2017.
  30. ^ FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2017: ANNUNCIATI I PRIMI FILM DELLA SEZIONE ALICE NELLA CITTÀ, su gingergeneration.it, 25 agosto 2017. URL consultato il 28 agosto 2017 (archiviato il 28 agosto 2017).
  31. ^ The Alienist – Rilasciato il trailer della Serie Tv con protagonista Dakota Fanning: eccolo!, su hallofseries.com, 3 settembre 2017. URL consultato il 21 settembre 2017 (archiviato il 21 settembre 2017).
  32. ^ L’alienista su Netflix: un giallo di fine ottocento con Daniel Brühl e Dakota Fanning, su tvzoom.it, 9 aprile 2018. URL consultato il 12 aprile 2018 (archiviato il 12 aprile 2018).
  33. ^ Dakota Fanning: «A 24 anni debutto come regista… e poi mi laureo», su iodonna.it, 16 febbraio 2018. URL consultato il 3 marzo 2018 (archiviato il 3 marzo 2018).
  34. ^ Dakota Fanning: Il mio ‘Hello Apartment’ per Miu Miu, su amica.it, 19 febbraio 2018. URL consultato il 3 marzo 2018 (archiviato il 4 marzo 2018).
  35. ^ Ocean’s 8, quando la rapina è un gioco da ragazze, su notizieora.it, 22 luglio 2018. URL consultato il 28 novembre 2018 (archiviato il 28 novembre 2018).
  36. ^ New entry nel cast del film di Tarantino, su rollingstone.it, 7 giugno 2018. URL consultato il 9 giugno 2018 (archiviato il 12 giugno 2018).
  37. ^ Cannes, in concorso anche 'Once Upon A Time In Hollywood' di Tarantino, su tg24.sky.it, 2 maggio 2019. URL consultato il 23 maggio 2019 (archiviato il 2 maggio 2019).
  38. ^ Sweetness In The Belly: Dakota Fanning nel cast del film sui rifugiati, su cinematographe.it, 2 novembre 2018. URL consultato il 20 novembre 2018 (archiviato il 20 novembre 2018).
  39. ^ Sweetness In The Belly: Dakota Fanning stronca le polemiche sul suo nuovo film, su mondofox.it, 6 settembre 2019. URL consultato il 13 settembre 2019.
  40. ^ DAKOTA FANNING È LA MUSA DI OH! LOLA, IL NUOVO PROFUMO DI MARC JACOBS, su stylosophy.it, 19 settembre 2011. URL consultato il 27 novembre 2017 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  41. ^ Polemiche per Marc Jacobs, censurata la campagna di Oh! Lola con Dakota Fanning, su stylosophy.it. URL consultato il 12 aprile 2018 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  42. ^ (EN) That's shoe-business: Dakota Fanning shows off some serious leg in beautiful yet daring summery dresses as she stuns in Jimmy Choo shoot, su dailymail.co.uk, 13 marzo 2017. URL consultato il 23 marzo 2017 (archiviato il 24 marzo 2017).
  43. ^ (EN) 7th Critics' Choice Awards (2002), su digitalhit.com. URL consultato il 18 ottobre 2018 (archiviato il 18 ottobre 2018).
  44. ^ (EN) 10th Critics' Choice Awards (2005), su digitalhit.com. URL consultato il 18 ottobre 2018 (archiviato il 18 ottobre 2018).
  45. ^ (EN) 11th Critics' Choice Awards (2006), su digitalhit.com. URL consultato il 18 ottobre 2018 (archiviato il 18 ottobre 2018).
  46. ^ (EN) 12th annual Critics Choice Awards nominees, su hollywoodreporter.com. URL consultato il 18 ottobre 2018 (archiviato l'8 giugno 2018).
  47. ^ (EN) critics choice awards 2009, su mtv.co.uk, 9 gennaio 2009. URL consultato il 18 ottobre 2018 (archiviato il 2 ottobre 2018).
  48. ^ (EN) Golden Schmoes Winners and Nominees (2004), su joblo.com. URL consultato il 5 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2017).
  49. ^ (EN) Golden Schmoes Winners and Nominees (2005), su joblo.com. URL consultato il 5 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2018).
  50. ^ (EN) MTV Movie Awards 2010 winners: A complete list, su nj.com, 6 giugno 2010. URL consultato il 20 ottobre 2018 (archiviato il 20 ottobre 2018).
  51. ^ (EN) 23ª edizione dei Satellite Awards, su pressacademy.com. URL consultato il 7 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2018).
  52. ^ Saturn Awards 2006: i vincitori, su fantascienza.com, 15 maggio 2006. URL consultato il 23 ottobre 2018 (archiviato il 23 ottobre 2018).
  53. ^ (EN) ‘Black Panther,’ ‘Walking Dead’ Rule Saturn Awards Nominations, su variety.com, 15 marzo 2018. URL consultato il 4 ottobre 2018 (archiviato il 15 marzo 2018).
  54. ^ (EN) The 8th Annual Screen Actors Guild Awards, su sagawards.org. URL consultato il 25 ottobre 2018 (archiviato l'11 agosto 2011).
  55. ^ a b (EN) 2010 TEEN CHOICE AWARD NOMINEES!, su justjaredjr.com, 14 giugno 2010. URL consultato il 4 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2018).
  56. ^ (EN) The Women Film Critics Circle Award Nominations 2015 Revealed, su newsblaze.com, 8 dicembre 2015. URL consultato il 17 ottobre 2018 (archiviato il 20 dicembre 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85560122 · ISNI (EN0000 0000 7845 0862 · LCCN (ENno2002103925 · GND (DE135494214 · BNF (FRcb14633796w (data) · NLA (EN42358392 · WorldCat Identities (ENno2002-103925