Harry, ti presento Sally...

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Harry ti presento Sally)
Jump to navigation Jump to search
Harry, ti presento Sally...
Harry ti presento Sally.jpg
Meg Ryan e Billy Crystal nella celebre scena dell'orgasmo femminile simulato
Titolo originaleWhen Harry Met Sally...
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1989
Durata91 min
Generecommedia, sentimentale
RegiaRob Reiner
SoggettoNora Ephron
SceneggiaturaNora Ephron
ProduttoreRob Reiner, Andrew Scheinman, Nora Ephron
Casa di produzioneCastle Rock Entertainment, Nelson Entertainment
Distribuzione in italianoTitanus
FotografiaBarry Sonnenfeld
MontaggioRobert Leighton
MusicheMarc Shaiman
ScenografiaJane Musky
CostumiGloria Gresham
TruccoStephen Abrums, Joseph A. Campayno, Kenneth Chase, Peter Montagna
Interpreti e personaggi
  • Billy Crystal: Harry Burns
  • Meg Ryan: Sally Albright
  • Bruno Kirby: Jess
  • Carrie Fisher: Marie
  • Michelle Nicastro: Amanda Reese
  • Steven Ford: Joe
  • Harley Kozak: Helen Hillson
  • Kevin Rooney: Ira Stone
  • Lisa Jane Persky: Alice
  • Kyle Heffner: Gary
Doppiatori italiani

Harry, ti presento Sally... (When Harry Met Sally...) è un film del 1989 diretto da Rob Reiner.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Chicago, 1977. Dopo la conclusione del college, Harry Burns e Sally Albright decidono di trasferirsi a New York per intraprendere le rispettive carriere lavorative; il primo ha intenzione di diventare consulente politico, la seconda di studiare in una scuola per giornalisti. I due sono messi in contatto da Amanda Reese, fidanzata con Harry e migliore amica di Sally. Durante il lungo viaggio in auto, i due non solo hanno modo di dividersi le spese, ma anche di conoscersi attraverso numerose conversazioni; in particolare, Harry sostiene che ognuno possieda un lato oscuro, mentre Sally afferma di tenere costantemente un atteggiamento positivo. In seguito Harry confida alla compagna di viaggio di trovarla attraente, suscitando la contrarietà di quest'ultima, che teme di fare un torto ad Amanda. La ragazza propone tuttavia di rimanere amici, ma Harry rifiuta, sostenendo che:

(EN)

«Men and women can't be friends because the sex part always gets in the way.»

(IT)

«Uomini e donne non possono essere amici, perché il sesso ci si mette sempre di mezzo.»

All'alba, giunti al parco di Washington Square, i due si salutano, senza prevedere che si sarebbero incontrati nuovamente; cinque anni dopo, Harry vede infatti all'aeroporto un suo vecchio conoscente, Joe, che sta baciando Sally. Malgrado non la riconosca subito, i due si ritrovano a prendere lo stesso volo, cosicché ha occasione di parlare con lei; entrambi hanno inoltre una relazione stabile: Sally convive infatti con Joe, mentre Harry ha deciso di sposarsi con Helen Hillson, un avvocato. I discorsi di Harry sull'amore scandalizzano tuttavia nuovamente Sally e, quando viene da lui invitata a cenare insieme, rifiuta categoricamente.

Altri cinque anni dopo, i due si rincontrano casualmente in una libreria a Manhattan: Sally è stata lasciata dal compagno, mentre la moglie di Harry ha chiesto la separazione per convivere con un altro uomo, dicendo al marito che non era sicura di averlo mai amato. In particolare, Harry si trova profondamente giù di morale e soffre per l'accaduto, al contrario di Sally, che mantiene comunque un comportamento rilassato. Harry e Sally prendono così un caffè insieme e decidono di tenersi in contatto; tra loro si instaura un profondo legame di amicizia, che li porta a farsi confessioni reciproche e a discutere con estrema sincerità. Avendo avuto approcci diversi con l'amore, parlano anche della possibilità che la donna finga l'orgasmo; malgrado Harry sostenga di saper riconoscere la differenza, Sally gli dimostrerà il contrario, simulandolo in un ristorante davanti a tutti gli altri clienti.

Harry e Sally trascorrono insieme anche il Capodanno e si promettono che avrebbero fatto ugualmente anche l'anno successivo, nel caso entrambi fossero ancora rimasti single. Successivamente i due decidono di organizzare un incontro combinato insieme a Jess e Marie, rispettivamente i migliori amici di Harry e Sally, con lo scopo di parlare con il migliore amico dell'altro e verificare la possibilità di una relazione; l'appuntamento non ottiene il successo sperato, tuttavia Jess e Marie si innamorano a prima vista e decidono di andare a vivere insieme. In seguito Harry incontra di nuovo Helen: ciò lo scuote notevolmente, tanto da consigliare in preda alla rabbia a Jess e Marie di non confondere gli oggetti dell'uno con quelli dell'altro, in vista di una loro futura separazione.

Nel frattempo, sia Harry che Sally hanno delle brevi relazioni, delle quali non sono comunque troppo convinti. Una sera tuttavia Sally telefona disperata ad Harry per chiedergli di recarsi a casa sua, dopo essere stata informata da Joe che si sarebbe a breve sposato; Sally capisce che Joe con lei voleva esclusivamente la convivenza poiché in realtà non l'amava, così Harry cerca in ogni modo di consolarla ed i due finiscono a letto insieme. Tuttavia la mattina seguente Harry, imbarazzato, lascia rapidamente l'appartamento dell'amica. La sera stessa i due cenano insieme e convengono che l'accaduto è stato un errore; in seguito a ciò, i due smettono però di frequentarsi. Tre settimane dopo Jess e Marie si sposano ed entrambi sono invitati in qualità di testimoni; Harry cerca di riappacificarsi con Sally, ma la ragazza non è affatto intenzionata a perdonarlo e litiga con lui.

Durante le settimane successive, Harry telefona ripetutamente all'amica per chiedere di perdonarlo, ma Sally non risponde ad alcuna delle sue chiamate. Harry riesce infine a parlare con Sally e le propone di festeggiare insieme il Capodanno, come si erano promessi l'anno precedente; la ragazza tuttavia di rifiuta, sostenendo di non essere per lui un'ancora di salvezza. Sally trascorre così il Capodanno a una festa, insieme a Jess e Marie, nella quale però non si diverte affatto; Harry invece trascorre la serata da solo, girovagando per la città. Dopo avere visto una coppia baciarsi e aver ripensato a quello che era accaduto, Harry comprende infine i suoi sentimenti nei confronti di Sally, e corre da lei. Inizialmente la ragazza lo respinge, ma il giovane dichiara ugualmente il suo amore:

(EN)

«I've been doing a lot of thinking and the thing is, I love you. […] I came here tonight because when you realize you want to spend the rest of your life with somebody, you want the rest of your life to start as soon as possible»

(IT)

«Ci ho pensato tanto, e il risultato è che ti amo. […] Sono venuto stasera perché quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita cominci il più presto possibile.»

Ugualmente anche Sally capisce di amare Harry e i due si baciano appassionatamente, avendo capito di non essere più amici, bensì innamorati; tre mesi dopo Harry e Sally celebrano infatti il loro matrimonio.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Harry Burns è un ragazzo di Chicago che decide di trasferirsi a New York, dove intraprende la carriera di consulente politico. Sostiene che ogni persona abbia un lato oscuro e che un uomo e una donna non possano realmente diventare amici, a causa del sesso. Dopo la separazione dalla moglie Helen, instaurerà un profondo legame d'amicizia con Sally Albright, che si trasformerà infine in amore.
  • Sally Albright è una ragazza di Chicago che sogna di diventare giornalista, dal carattere ottimista ed estremamente preciso. Inizialmente non apprezza Harry a causa dei suoi ragionamenti cinici ed eccentrici; dopo essere stata lasciata da Joe, con il quale conviveva da cinque anni, entrerà tuttavia in sintonia con lui.
  • Jess è uno scrittore, migliore amico di Harry; in seguito a un incontro combinato, si innamora di Marie, con la quale poi si sposerà.
  • Marie è un'arredatrice, migliore amica di Sally; in seguito a un incontro combinato, si innamora di Jess, con il quale poi si sposerà.
  • Amanda Reese era la migliore amica di Sally e la ragazza di Harry durante il college; sarà lei infatti a metterli in contatto.
  • Joe è l'uomo con il quale Sally ha convissuto per cinque anni; dopo avere lasciato la ragazza, l'uomo convolerà rapidamente a nozze con Kimberly, una procuratrice distrettuale.
  • Helen Hillson è la moglie di Harry; dopo essere stata sposata per cinque anni, chiederà la separazione dal marito, sostenendo di non averlo mai amato e con lo scopo di vivere insieme a un altro uomo, Ira Stone.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 il regista Rob Reiner propose alla sceneggiatrice Nora Ephron di pranzare presso la Russian Tea Room di New York, per discutere insieme sulla possibile realizzazione di un film; quest'ultima – sebbene fosse interessata a lavorare con Reiner – non rimase tuttavia convinta dalla storia che le venne proposta. Durante il secondo incontro, nel quale era presente anche il produttore Andrew Scheinman, la discussione si incentrò prevalentemente sul significato dell'essere single e sul modo in cui tale situazione viene affrontata. Nel terzo incontro, Reiner propose infine una storia riguardante due amici che non volevano fare sesso per non rovinare il loro rapporto, ma che sarebbero infine finiti a infrangere questa "regola". Ephron accettò entusiasta l'idea, mentre Reiner iniziò a occuparsi della pre-produzione insieme allo studio Castle Rock Entertainment, che lasciò ai due piena libertà di realizzazione[1].

Ephron completò la prima stesura della sceneggiatura mentre Reiner dirigeva Stand by Me - Ricordo di un'estate; in seguito incontrò nuovamente il regista, prima che iniziasse le riprese de La storia fantastica. Per ottenere degli spunti riguardo al protagonista maschile della vicenda, Ephron fece a numerosi maschi e in particolare a Reiner domande sul loro modo di relazionarsi con l'altro sesso[1]. Quest'ultimo era infatti stato da poco lasciato dalla moglie Penny Marshall, dopo dieci anni di matrimonio, cosa che lo aveva portato – secondo Nora Ephron – ad essere depresso, ma allo stesso tempo orgoglioso della sua depressione, che lo aveva portato a sviluppare un senso dell'umorismo nero, cinico e corrosivo[2][3]. Al contrario, il personaggio di Sally fu basato sulla stessa sceneggiatrice, la quale si caratterizzava per essere attiva e controllata, oltre che per avere una visione prevalentemente ottimistica del mondo; nelle intenzioni di Ephron, l'atteggiamento di Sally doveva infatti essere un contrappeso al modo di fare nevrotico di Harry[4]. Sia la sceneggiatrice che il regista sottolinearono inoltre la fortuna di aver trovato Billy Crystal e Meg Ryan come protagonisti, ossia due attori che non si erano ancora affermati in ambito cinematografico; la loro scelta riuscì infatti a permettere che Harry, ti presento Sally... fosse sviluppato al costo relativamente contenuto di 14.5 milioni di dollari[1].

Durante la lavorazione della pellicola, furono considerati numerosi titoli: Blue Moon (Luna blu), Boy Meets Girl (Un ragazzo incontra una ragazza), Harry This Is Sally... (Harry, questa è Sally...), How They Met (Come si incontrarono), It Had To Be You (Dovevi essere tu), Just Friends (Solo amici), Playing Melancholy Baby (Suonando Melancholy Baby), Scenes from a Friendship (Scene da un'amicizia) e Words of Love (Parole d'amore)[5]. Per la scelta del titolo definitivo, Reiner organizzò anche un piccolo concorso tra i membri della troupe, nel quale sarebbe stato possibile vincere una cassa di Champagne[1]. Il regista scelse infine come titolo When Harry Met Sally… (Quando Harry incontrò Sally…), poiché a suo parere il cardine della vicenda sta proprio nell'incontro fra i due protagonisti. Come "filo conduttore" e intermezzo tra alcune scene del film, Reiner scelse inoltre di inserire storie vere riguardanti come alcune coppie si erano conosciute, ritenendo che ognuno abbia una meravigliosa storia da raccontare; per motivi di praticità, tali scene sono state tuttavia recitate da attori[6].

Sceneggiatura e regia[modifica | modifica wikitesto]

Nora Ephron ha più volte elogiato il cast per la sua creatività e inventiva, affermando che "è da pazzi non cambiare la sceneggiatura, quando hai a che fare con attori così"[1]; numerose parti della sceneggiatura furono comunque inserite solo dopo un confronto con i membri del cast, o furono frutto dell'improvvisazione di questi ultimi. In particolare, Billy Crystal improvvisò con Meg Ryan l'intera scena in cui i due fanno versi utilizzando le parole "pepe" e "paprica"; parte della dichiarazione d'amore finale; l'intero epilogo della vicenda, nel quale i due protagonisti parlano del loro matrimonio[7]. Le peculiari ordinazioni di Sally furono invece inserite per volontà del regista, sulla base del comportamento di Nora Ephron, la quale era solita in occasione dei pasti fare ai camerieri numerose e precise richieste[1]. La sceneggiatrice scelse inoltre di non aggiungere sottotrame lavorative, le quali secondo Ephron non coinvolgono gli spettatori, allontanandoli dal fulcro della vicenda; i mestieri dei vari personaggi vengono di conseguenza soltanto accennati[1].

Riguardo alla celebre scena dell'orgasmo simulato, nella stesura originale era previsto solo che i protagonisti parlassero di orgasmi non autentici; Meg Ryan si offrì tuttavia di simularne uno e propose di ambientare la scena in un luogo affollato, come un ristorante. La frase conclusiva della scena, Quello che ha preso la signorina – nella versione originale I'll have what she's having – fu invece suggerita da Billy Crystal e recitata dalla madre del regista, Estelle Reiner; tale battuta, che nelle intenzioni di Reiner doveva essere l'apice dell'intero episodio, è stata inserita al trentatreesimo posto nella classifica AFI's 100 Years... 100 Movie Quotes, comprendente le frasi più celebri della storia del cinema. Relativamente a ciò, Reiner ed Ephron sottolinearono che durante le proiezioni di prova le spettatrici ridevano di gusto, mentre al contrario gli spettatori di sesso maschile rimanevano in silenzio[1].

Rob Reiner ha affermato di aver diretto il film tenendo sempre in mente il concetto di amicizia, da lui intesa come "un rapporto in cui si condividono pensieri e sentimenti intimi" che trova la sua sublimazione nel matrimonio; tuttavia, per Reiner una reale amicizia tra uomo e donna è impossibile, essendo sempre presente una tensione sessuale di base, capace di condizionare il rapporto. Lo scopo del regista è quindi diventato "dire la verità su come stanno le cose tra uomini e donne", basandosi sulla propria esperienza e cercando di trasmettere le sue emozioni al pubblico, con un approccio empatico[8]. Sebbene la domanda principale della pellicola sia "Possono un uomo e una donna essere amici?", Nora Ephron ha affermato:

(EN)

«I don't really think that the movie is about friendship at all. I think the movie is about how men and women see everything, inclunding friendship, and sex, and everything else, from completely different vantage points. That is part of what makes the movie resonate, is that those differences persist. […] And when you see a movie that has that kind of thing, where people who are seventeen and eighteen see it as a rite of passage to adulthood, that it still works, it's beyond your wildest dreams.»

(IT)

«Non lo definirei affatto un film sull'amicizia. Riguarda piuttosto il modo in cui uomini e donne vedono le cose, l'amicizia, il sesso e tutto il resto, che è completamente diverso. Il film trae la propria forza proprio da questa costante differenza tra uomo e donna. […] Quando ti rendi conto che un film ha quel qualcosa in più, per cui diventa un rito di passaggio all'età adulta per chi ha diciassette o diciotto anni, e ancora funziona dopo tanto tempo, puoi solo emozionarti[3]

Secondo le idee della sceneggiatrice e del regista, al termine della pellicola Harry e Sally avrebbero dovuto semplicemente rimanere amici e non avrebbero sviluppato alcuna relazione romantica; entrambi, pur sapendo che commercialmente non sarebbe stata la decisione migliore, convenivano infatti che tale epilogo fosse estremamente realistico[1]. Sebbene tale conclusione fosse già stata girata, verso il termine delle riprese i due decisero di modificare il finale a favore di una conclusione maggiormente romantica[6]; tra i motivi che hanno portato a questa scelta, la decisione di Reiner di sposarsi nuovamente con Michelle Singer, fotografa conosciuta durante le riprese del film, e il ripensamento di Nora Ephron, la quale avrebbe in seguito affermato che il finale originario era "un totale disastro", assolutamente non in linea con le precedenti scene del film[1][6].

Cast[modifica | modifica wikitesto]

  • Billy Crystal è Harry Burns. L'attore fu contattato direttamente dal regista, che lo desiderava nel ruolo del protagonista[2]; i due infatti avevano precedentemente lavorato insieme in Arcibaldo ed erano rimasti ottimi amici[4]. Secondo Reiner "Billy diede molto al film, non solo come interprete, perché è anche un grande comico e autore: aggiunse alcune delle battute più belle del film"[4]; similmente Crystal ricorda positivamente la grande libertà di sperimentazione e di inventiva e ha ammesso che per lui "il film è stato una sorta d'illuminazione, […] è sempre attuale, senza tempo, perché fa vedere quando sia bello innamorarsi e chiunque spera che gli capiti"[3]. Per immedesimarsi maggiormente nel personaggio e accentuare il suo carattere cinico e solitario, durante le riprese Crystal chiese di poter passare parte del tempo in una stanza lontano dagli altri membri del cast[9]. Tra gli altri attori provinati per fare quella parte erano presenti Albert Brooks, Richard Dreyfuss, Tom Hanks, Michael Keaton e lo stesso Rob Reiner[10].
  • Meg Ryan è Sally Albright. L'attrice fu lieta di partecipare al progetto, poiché segnò un punto fondamentale nella sua carriera cinematografica. Secondo il suo parere, malgrado avesse interpretato numerosi ruoli interessanti e anche abbastanza variegati, non aveva mai avuto l'occasione di interpretare un protagonista; Ryan ritenne inoltre di essere stata fortunata ad aver recitato nella pellicola, poiché ebbe più tempo a disposizione per mostrare le sue qualità, non interpretando il ruolo della 'ragazza indifesa'[11]. Per recitare nella pellicola, Meg Ryan dovette rinunciare al ruolo di Shelby Eatenton in Fiori d'acciaio, che fu poi assegnato a Julia Roberts[12]. Fra le altri attrici che avrebbero potuto fare tale parte erano presenti Susan Dey, Elizabeth McGovern, Elizabeth Perkins e Molly Ringwald[13]; quest'ultima interpretò tuttavia Sally nel 2004, in occasione della trasposizione teatrale dell'opera, che ha ricevuto un'accoglienza tiepida[14].
  • Bruno Kirby è Jess. L'attore accettò di prendere parte al film, poiché conosceva Reiner e Crystal da oltre dieci anni ed erano rimasti amici stretti; per Kirby girare la pellicola fu infatti "cenare con i propri migliori amici, svegliarsi la mattina e lavorare nuovamente insieme ai propri migliori amici"[11]. Riguardo alla sceneggiatura, Kirby affermò di aver particolarmente apprezzato l'evoluzione che il suo personaggio subisce e che lo porta "dopo aver sposato Carrie Fisher, a smetterla con le proprie cattive abitudini, ad abbandonare la vita sedentaria […] e in definitiva a prendere davvero in mano la sua vita"[15].
  • Carrie Fisher è Marie. L'attrice ricorda positivamente le riprese della pellicola, la simpatia di Meg Ryan e l'ottima sceneggiatura; in particolare, Fisher apprezzò il fatto che il suo personaggio – pur essendo ironico e nevrastenico – le ricordasse quelli interpretati dall'attrice Eve Arden, di cui era un'ammiratrice[11]. Carrie Fisher notò inoltre che si era creato "una specie di gruppo tra maschietti, formato da Bruno Kirby, Rob Reiner e Billy Crystal, un vero trio di testosterone"[16]; in ogni caso, secondo l'attrice ciò contribui a un costante clima ilare e ricco di comicità durante la realizzazione del film[11].

Tra gli altri attori presenti nella commedia:

  • Michelle Nicastro è Amanda Reese.
  • Steven Ford è Joe.
  • Harley Kozak è Helen Hillson.
  • Kevin Rooney è Ira Stone.
  • Lisa Jane Persky è Alice.
  • Kyle Heffner è Gary.

Cameo[modifica | modifica wikitesto]

  • Estelle Reiner è una cliente del ristorante nel quale Sally simula l'orgasmo, madre del regista Rob Reiner; quest'ultimo si è in seguito definito lieto che la madre "abbia potuto recitare non solo la battuta più divertente della pellicola, ma probabilmente la più divertente di ogni film che abbia girato"[4].

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film ebbero inizio il 29 agosto 1988 e terminarono il 15 novembre dello stesso anno[17]; le riprese si svolsero quasi totalmente a New York, scelta dalla sceneggiatrice poiché in una tale città "insieme piccola e grande, era incredibile che due persone si incontrassero in un modo tanto strano"[17][18]. Secondo l'attrice Carrie Fisher "la città è un personaggio e dà al film un carattere cosmopolita"; similmente, anche Billy Crystal ha affermato che "il film poteva svolgersi solo a New York. È la città più romantica in quella stagione e in quel momento della loro vita. Quel tipo di intelligenza e di umorismo non poteva che esprimersi lì"[18]. Anche Rob Reiner ritenne la città cruciale per la realizzazione della pellicola, pur notando che la difficoltà "era trovare immagini di New York che non fossero già state sfruttate; […] scoprire nuove location e angolazioni diverse e nel farle apparire come qualcosa di nuovo"[18]. I primi giorni furono trascorsi dalla troupe e dal cast nelle città di Los Angeles e Chicago, per delle brevi riprese; a Los Angeles – presso l'Hotel Park Plaza, situato al 607 di South Park View Street – venne situato l'ingresso del palazzo in cui Sally si trova per festeggiare il Capodanno, dopo aver lasciato Harry, mentre le scene iniziali della pellicola furono girate presso l'Università di Chicago, situata al 5801 di Ellis Avenue[19][20]. La troupe si spostò quindi a New York, dove rimase fino al termine delle riprese[18].

Il luogo in cui i due protagonisti si separano per la prima vola dopo essere giunti a New York è l'Arco di Trionfo presso il Parco di Piazza Washington, all'angolo con la Quinta Strada di Manhattan[21]; i due si reincontrano per la prima volta presso l'Aeroporto John Fitzgerald Kennedy, e in seguito presso la libreria Shakespeare & Co., situata al 2259 di Broodway e non più esistente[22]. Lo stadio in cui Harry discute con Jess riguardo al suo divorzio è il Giant Stadium, situato ad East Rutherford, nel New Jersey; Sally parla invece con le amiche della fine del suo fidanzamento presso la Loeb Boathouse, ristorante situato all'interno di Central Park, all'angolo tra la Settantaquattresima e la Settantacinquesima Strada[21][22]. Central Park viene inoltre attraversato da Harry e Jeff mentre fanno jogging, oltre che dai protagonisti mentre discutono delle loro fantasie ricorrenti[22]; in particolare, Rob Reiner ha confessato di apprezzare particolarmente quest'ultima scena, nella quale "si vedono i vari colori delle foglie", che rendono Central Park "sempre meraviglioso"[18]. La scena in cui Harry e Sally scherzano tra loro usando le parole "pepe" e "paprica" è invece ambientata presso il Museo Metropolitano d'Arte, nella sala del Tempio di Dendur[21]; il regista e la scenografa Jane Musky scelsero tale location poiché apprezzavano "la sproporzione tra loro due e il mondo" che si veniva a creare al suo interno[18].

Jane Musky, in accordo con il regista e la sceneggiatrice, scelse per i vari personaggi degli appartamenti spaziosi, "che molti della loro età non avrebbero potuto permettersi", con lo scopo di far rimanere il pubblico estasiato. L'addetta alla scenografia affrontò inoltre numerose discussioni riguardanti il livello di bellezza delle immagini, temendo che immagini troppo belle avrebbero potuto sembrare agli occhi del pubblico poco credibili; in seguito si optò comunque per la "bellezza assoluta"[18]. L'appartamento di Harry è situato al numero 57 dell'Undicesima Strada, mentre quello in cui Jess e Marie si trasferiscono dopo essersi sposati si trova nella zona residenziale dell'Upper West Side, al 32 dell'Ottanovesima Strada[22]. Il ristorante in cui questi ultimi si incontrano per la prima volta è il Cafè Luxembourg, posto al numero 200 della Settantesima Strada, mentre il loro ricevimento di matrimonio è ambientato al settimo piano del Puck Building, situato al 295 di Lafayette Street; al primo piano del medesimo edificio è stato invece ambientata la scena finale della pellicola, nella quale i protagonisti si dichiarano il loro amore[19][21]. Questi ultimi, per trovare un regalo ai due amici, si recano inoltre all'interno di un negozio Sharper Image, situato al numero 4 della Cinquantasettesima Strada, il quale ha in seguito cessato le attività[22].

La scena dell'orgasmo simulato fu filmata al ristorante Katz's Delicatessen, comunemente conosciuto come Katz Deli e situato al 205 di Houston Street, nell'East Side[23]. Tale location fu scelta poiché Musky cercava "un posto frequentato quotidianamente da gente comune, che desse la sensazione di vulnerabilità e tranquillità", con lo scopo di amplificare ulteriormente la reazione degli spettatori all'insolito comportamento di Sally; in seguito all'interno del locale è stata posta una targa commemorativa, recante scritto Il luogo di Harry, ti presento Sally… Speriamo che anche voi prendiate quello che ha preso la signorina! (in inglese Where Harry Met Sally… Hope you have what she had!)[18]. Nel 2013, nello stesso luogo, la celebre scena è stata replicata da venti membri del gruppo Improv Everywhere, tra cui gli attori Zach Linder e Ashley Ward, rispettivamente nei ruoli di Harry e Sally[24].

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Harry, ti presento Sally... (colonna sonora).

Sono riportate brevemente tutte le canzoni e musiche presenti nel film coi loro esecutori riprese dai titoli di chiusura, comprese quelle non presenti nel CD della colonna sonora ufficiale.

Il CD è stato pubblicato nel giugno 1989 con brani jazz riarrangiati ed eseguiti dal trio di Harry Connick Jr. e con contributi di Ben Wolfe e Ralph Penland.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 l'American Film Institute lo ha inserito al 23º posto nella classifica delle migliori cento commedie americane di tutti i tempi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Da Tutto cominciò così, featurette presente tra i contenuti speciali del DVD della pellicola.
  2. ^ a b Da Come è nato il personaggio Harry, featurette presente tra i contenuti speciali del DVD della pellicola.
  3. ^ a b c Da Cosa ha significato Harry, ti presento Sally..., featurette presente tra i contenuti speciali del DVD della pellicola.
  4. ^ a b c d Da Commento di Rob Reiner, Nora Ephron e Billy Cristal, commento presente tra i contenuti speciali del DVD della pellicola.
  5. ^ (EN) The Screenwriter: When Harry Met Sally..., in The Most of Nora Ephron, Random House, 11 settembre 2014.
  6. ^ a b c Da Storie d'amore, featurette presente tra i contenuti speciali del DVD della pellicola.
  7. ^ Harry ti presento Sally, le cose da sapere di un film passato alla storia, su coccinema.com, 30 dicembre 2016. URL consultato il 10 giugno 2019.
  8. ^ Da E allora ci può essere una sincera amicizia tra uomo e donna?, featurette presente tra i contenuti speciali del DVD della pellicola.
  9. ^ (EN) Scott Anthony, A film to remember: When Harry Met Sally (1989), su medium.com, 26 marzo 2018. URL consultato il 10 giugno 2019.
  10. ^ (EN) Rob Reiner explains how he chose Billy Crystal over Tom Hanks and Michael Keaton for ‘When Harry Met Sally’, su siriusxm.com, 3 maggio 2016. URL consultato il 10 giugno 2019.
  11. ^ a b c d Da Come Harry ha incontrato Sally… (How Harry Met Sally...), documentario presente tra i contenuti speciali del Blu-Ray della pellicola.
  12. ^ 15 cose che non sapete di “Harry ti presento Sally”, su ilpost.it, 22 luglio 2014. URL consultato il 10 giugno 2019.
  13. ^ (EN) Favorite things about… When Harry Met Sally, su themotionpictures.net, 31 maggio 2014. URL consultato il 10 giugno 2019.
  14. ^ (EN) "When Harry Met Sally" extends to 4 Sep 2004 with new cast Molly Ringwald & Michael Landes, su londontheatre.co.uk, 15 maggio 2004. URL consultato il 10 giugno 2019.
  15. ^ (EN) Actor Bruno Kirby's Memorable Roles, su npr.org, 18 agosto 2006. URL consultato il 10 giugno 2019.
  16. ^ (EN) Lisa Liebmann, Remembering Carrie Fisher, su interviewmagazine.com, 28 dicembre 2016. URL consultato il 10 giugno 2019.
  17. ^ a b I 30 anni di Harry ti presento Sally, su italiastarmagazine.it, 4 aprile 2019. URL consultato l'11 giugno 2019.
  18. ^ a b c d e f g h Da Mi piace New York, featurette presente tra i contenuti speciali del DVD della pellicola.
  19. ^ a b (EN) When Harry Met Sally..., su movie-locations.com. URL consultato l'11 giugno 2019.
  20. ^ Harry ti presento Sally, tra Chicago e New York, su viaggidafilm.it, 30 luglio 2015. URL consultato l'11 giugno 2019.
  21. ^ a b c d Francesco Argento, New York Movies: Harry ti presento Sally. Alla scoperta delle location del film, su bestmovie.it, 3 agosto 2012. URL consultato l'11 giugno 2019.
  22. ^ a b c d e (EN) When Harry Met Sally (1989), su onthesetofnewyork.com. URL consultato l'11 giugno 2019.
  23. ^ Francesca Coppola, Ciak, But Where: Harry incontra Sally al Katz’s Delicatessen di New York, su newscinema.it, 15 maggio 2015. URL consultato l'11 giugno 2019.
  24. ^ (EN) When Harry Met Sally In Real Life – Movies in Real Life (Ep 7), su improveverywhere.com. URL consultato l'11 giugno 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN304961939 · GND (DE1037861418 · BNF (FRcb142949560 (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema