Formazioni Comuniste Armate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Formazioni Comuniste Armate, F.C.A, o Formazioni Armate Comuniste, F.A.C., furono una organizzazione armata terroristica di sinistra, che si rifaceva all'idea comunista, portando avanti le tesi della lotta di classe e della rivoluzione proletaria, compiendo azioni contro ditte capitaliste, carabinieri, ed enti statali considerati capitalisti. Nacquero nel Lazio nel 1975 e furono attive, attribuendosi anche denominazioni diverse, fino al 1977.

Azioni principali[modifica | modifica wikitesto]

La prima azione compiuta da questa organizzazione fu l'incendio di uno stabilimento petrolifero della Texaco Oil Company presente a Firenze nell'aprile del 1976, dove lasciarono volantini in cui accusarono le ditte petrolifere di speculare sul prezzo del petrolio ai danni dei ceti popolari.Dopo qualche mese compiono un altro attentato a Roma, dove sparano a Giovanni Theodoli dell'Unione petrolifera Italiana, accusata di aver creato con l'Opec il caro-benzina per speculere sui bisogni dei lavoratori.Nel mese di Maggio del 1976 fanno deflagrare un ordigno di fronte alla cineteca Rai di via teuleda a roma per protestare contro la tv di regime che viene accusata di fare propaganda contro il movimento dei lavoratori. Dopo un anno di silenzio realizzano un attentato contro la caserma dei Carabinieri di Piazza del Popolo a Roma, lasciando dei volantini in cui accusano i carabinieri di essere al servizio della borghesia. Tra i membri del gruppo armato il più noto è Valerio Morucci, anch'egli poi confluito nelle Brigate Rosse

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]