Davide Moscardelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Davide Moscardelli
Davide Moscardelli.JPG
Moscardelli nel 2012
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Arezzo
Carriera
Squadre di club1
1997-2001 Maccarese 101 (19)
2001-2002 Guidonia 27 (17)[1]
2002-2003 Sangiovannese 30 (15)
2003-2005 Triestina 78 (23)[2]
2005-2007 Rimini 63 (15)
2007-2008 Cesena 40 (15)
2008-2010 Piacenza 77 (22)
2010-2013 Chievo 66 (10)
2013-2014 Bologna 26 (2)
2014-2016 Lecce 62 (25)[3]
2016- Arezzo 4 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 settembre 2016

Davide Moscardelli (Mons, 3 febbraio 1980) è un calciatore italiano, attaccante e capitano dell'Arezzo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato a Mons, in quanto suo padre, insieme alla sua famiglia, in quel periodo era in missione in Belgio per conto dell'aeronautica militare.[4][5] È poi tornato in Italia, precisamente a Roma,[4] città d'origine dei genitori,[6] dove ha mosso i suoi primi passi da calciatore.[6] Ha un fratello maggiore che in carriera ha ricoperto il ruolo di attaccante a livelli dilettantistici.[7]

Tifoso della Roma,[8] è sposato con Guendalina, dalla quale ha avuto due figli.[9] I due si sono sposati il 5 dicembre 2011 a Verona.[10][11] Il suo testimone di nozze, nonché suo amico ed ex compagno di squadra al Rimini, è Francesco Valiani.[9]

Nel febbraio 2014 è stato testimonial della campagna contro l'omofobia Diamo un calcio all'omofobia, chi allaccia ci mette la faccia, promossa da Paddy Power, la Fondazione Candido Cannavò e le associazioni per i diritti degli omosessuali Arcigay ed Arcilesbica.[12]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Attaccante mancino, mobile, forte fisicamente,[13] può essere impiegato come punta centrale.[13] Il suo ruolo naturale, tuttavia, è quello di seconda punta,[14] in grado di giocare su tutto il fronte d'attacco partendo da lontano.[15]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Maccarese, Guidonia e Sangiovannese[modifica | modifica wikitesto]

Ha debuttato nel 1997 nella società di calcio di Maccarese, con la quale ha giocato fino al 2001, disputando 101 incontri, con 19 gol totali. Nella stagione 2001-2002 ha giocato con la maglia del Guidonia nell'Eccellenza laziale siglando 20 reti in 27 partite, ottenendo con la formazione romana la promozione in Serie D attraverso i playoff.[16]

Nel 2002 passa nei professionisti, in Serie C2 con la maglia della Sangiovannese: mette a segno 15 reti in 30 partite.

Triestina, Rimini e Cesena[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 arriva in Serie B alla Triestina, e al primo anno segna 16 gol, terminando la stagione al decimo posto in campionato. Al secondo anno il suo rendimento cala e segna 7 reti, con la squadra che finisce la stagione al quart'ultimo posto; lascia Trieste con 79 presenze e 23 gol.

Nel 2005 si trasferisce al Rimini.[17] In Romagna rimane per due stagioni, nelle quali non riesce mai a diventare titolare stabilmente, partendo spesso dalla panchina. In totale segna 15 gol in 63 incontri totali.

Nel 2007 si trasferisce al Cesena,[18] dove ritrova il posto da titolare realizzando 15 reti; a fine stagione la squadra bianconera retrocede in Lega Pro Prima Divisione, concludendo all'ultimo posto in classifica.[13]

Piacenza[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2008-2009 passa in comproprietà al Piacenza.[19] Nei primi mesi incontra diverse difficoltà; a partire da novembre cambia ruolo in campo, giocando come attaccante esterno,[19] e inizia una crescita progressiva che lo porterà a disputare un girone di ritorno positivo, in linea con i risultati della squadra emiliana, che conclude al decimo posto.

Confermato anche per la stagione successiva, vive nuovamente un avvio di campionato sottotono. Dopo l'esonero di Castori con cui giocava come punta centrale, il nuovo tecnico Ficcadenti lo riporta nel ruolo di attaccante esterno[20] e gli consegna la fascia di capitano.[20][21] Il rendimento migliora e Moscardelli chiude la sua seconda stagione piacentina con 37 presenze e 14 reti, contribuendo alla salvezza ottenuta nel finale di stagione, con la squadra che termina due punti sopra la zona play-out.

Chievo Verona[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 agosto 2010 viene ufficializzato il suo passaggio al Chievo.[22] Il 29 agosto del 2010, all'esordio in campionato, mette a segno il suo primo gol in Serie A contro il Catania nella partita che i clivensi vincono per 2-1. Nella partita successiva contro il Genoa realizza il suo secondo gol in campionato. Il 21 novembre 2010 ha segnato il goal del momentaneo 2-0 contro l'Inter, sfida poi vinta 2-1.[23] Chiude la sua prima stagione nella massima serie con 6 reti in 34 partite. Nelle due annate successive trova meno spazio nell'attacco clivense, impiegato come riserva di Alberto Paloschi, Cyril Théréau e Sergio Pellissier, totalizzando rispettivamente 25 e 7 presenze in campionato.

Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Poco utilizzato tra i clivensi,[24][25] in quanto chiuso in attacco dagli altri attaccanti della rosa, il 31 gennaio 2013 viene ufficializzato il suo passaggio al Bologna,[26] con cui firma un contratto di un anno e mezzo, fino al 2014, su richiesta di Stefano Pioli che lo aveva già allenato al Piacenza e al Chievo.[27] Esordisce con i rossoblu alla prima partita utile, il 3 febbraio seguente in Pescara-Bologna (2-3), sostituendo Alessandro Diamanti al 34' della ripresa.[28]

Il 27 aprile, durante la partita disputata contro l'Atalanta, sostituisce tra i pali a tempo scaduto, con i cambi esauriti, il compagno di squadra Gianluca Curci, rimasto infortunato in precedenza.[29]

Mette a segno la sua prima rete in campionato il 12 maggio contro il Parma (vittoria per 0-2).[30] Conclude l'annata con 9 presenze e una rete in maglia felsinea.

Per la stagione 2013-2014 veste la maglia n° 10, lasciata libera dal partente Alberto Gilardino.[31] Alla seconda giornata della stagione 2013-2014, parte titolare e segna la prima rete stagionale del Bologna contro la Sampdoria; il risultato finale sarà 2-2. Parte nell'undici titolare anche nella successiva partita esterna contro l'Udinese, ed anche in questa occasione, il Bologna esce imbattuto e rimedia un pareggio per 1-1. Il 3 dicembre torna a segnare contro il Siena in Coppa Italia, ma la sua rete non basta ad evitare la definitiva sconfitta per 2-1 ai tempi supplementari. A fine stagione rimane svincolato.

Lecce[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º agosto 2014 viene tesserato dal Lecce,[32] in Lega Pro. Fa il suo esordio in giallorosso nella partita del primo turno preliminare di Coppa Italia del 10 agosto 2014 vinta per 5-0 contro il Foligno; nel corso dell'incontro segna anche il suo primo gol con il Lecce al 72' su calcio di rigore, fissando il punteggio sul definitivo 5-0. Gioca anche da titolare il secondo turno di Coppa il 16 agosto, dove il Lecce però viene eliminato contro lo Spezia con il risultato di 1-0.[33][34]

Il 29 novembre 2014 con la maglia del Lecce contro il Melfi (gara vinta 4-1 dai pugliesi) ha siglato il suo 150° gol in carriera.[35] Conclude la stagione con un bottino personale di 15 gol, miglior marcatore stagionale della sua squadra.

Arezzo[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 luglio 2016, dopo essere rimasto svincolato, firma con l'Arezzo.[36]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 22 maggio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1997-1998 Italia Maccarese Prom. 13 2 - - - - - - - - - 13 2
1998-1999 Prom. 28 4 - - - - - - - - - 28 4
1999-2000 Prom. 29 5 - - - - - - - - - 29 5
2000-2001 Ecc. 31 - - - - - - - - - 31 8
Totale Maccarese 101 19 - - - - - - - 101 19
2001-2002 Italia Guidonia Ecc. 27+2[37] 17+2[37] - - - - - - - - - 29 19
2002-2003 Italia Sangiovannese C2 30 15 CI-C 2 0 - - - - - - 32 15
2003-2004 Italia Triestina B 42 16 CI 1 0 - - - - - - 43 16
2004-2005 B 36+1[38] 7 CI 2 0 - - - - - - 39 7
ago. 2005 B - - CI 1 0 - - - - - - 1 0
Totale Triestina 78+1 23 4 0 - - - - - 83 23
ago. 2005-2006 Italia Rimini B 31 6 CI - - - - - - - - 31 6
2006-2007 B 32 9 CI 2 0 - - - - - - 34 9
ago. 2007 B - - CI 2 1 - - - - - - 2 1
Totale Rimini 63 15 4 1 - - - - - 67 16
ago. 2007-2008 Italia Cesena B 40 15 CI - - - - - - - - 40 15
2008-2009 Italia Piacenza B 40 8 CI 0 0 - - - - - - 40 8
2009-2010 B 37 14 CI 1 1 - - - - - - 38 15
Totale Piacenza 77 22 1 1 - - - - - 78 23
2010-2011 Italia Chievo A 34 6 CI 2 1 - - - - - - 36 7
2011-2012 A 25 4 CI 2 0 - - - - - - 27 4
2012-gen. 2013 A 7 0 CI 2 0 - - - - - - 9 0
Totale Chievo 66 10 6 1 - - - - - 72 11
gen.-giu. 2013 Italia Bologna A 9 1 CI - - - - - - - - 9 1
2013-2014 A 17 1 CI 2 1 - - - - - - 19 2
Totale Bologna 26 2 2 1 - - - - - 28 3
2014-2015 Italia Lecce LP 32 15 CI+CI-LP 2+0 1 - - - - - - 34 16
2015-2016 LP 30+2[37] 10+2[37] CI+CI-LP 2+0 0 - - - - - - 34 12
Totale Lecce 62+2 25+2 4 1 - - - - - 68 28
2016-2017 Italia Arezzo LP 3 0 CI+CI-LP 1+0 0 - - - - - - 4 0
Totale carriera 573+5 162+4 24 5 - - - - - 602 171

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 29 (19) se si comprendono i play-off.
  2. ^ 79 (23) se si comprendono i play-out.
  3. ^ 64 (27) se si comprendono i play-off.
  4. ^ a b Ecco Moscardelli: «Per il Bologna mi sono anche tagliato la barba», in Corriere della Sera - Bologna, 5 febbraio 2013. URL consultato il 29 giugno 2013.
  5. ^ Dal Circo Massimo a spalla di Gilardino tutta la cocciutaggine di Moscardelli, in La Repubblica, 6 febbraio 2013, p. 11 - sez.Bologna. URL consultato il 29 giugno 2013.
  6. ^ a b Davide Moscardelli, la barba dell'anti-divo che spopola sul web, Calcioblog.it.
  7. ^ Chievo, Moscardelli: "Sono nato come terzino", Calcionews.com.
  8. ^ Moscardelli: Roma da scudetto
  9. ^ a b La storia di Davide Moscardelli, meglio tardi che mai, Fantagazzetta.com.
  10. ^ Moscardelli è convolato a nozze, Tuttochievoverona.it.
  11. ^ “Sposami a Verona”: alla casa Giulietta matrimonio calciatore del Chievo Moscardelli, Veronaoggi.it, 5 dicembre 2011.
  12. ^ Lacci arcobaleno contro l’omofobia. Insulti online al calciatore Dessena. Lui: “È ignoranza, abbiate rispetto”, La Stampa.it, 27 febbraio 2014.
  13. ^ a b c CORRIERE ROMAGNA - Verso Cesena-Chievo, la rivelazione è l'ex Moscardelli Tuttomercatoweb.com
  14. ^ La scheda di Moscardelli Tuttomercatoweb.com
  15. ^ Giocatore del mese di Novembre: Davide Moscardelli Unionetriestina.it
  16. ^ Dal Guidonia al gol in Serie A, la storia di Davide Moscardelli Asguidoniacalcio.com
  17. ^ UFFICIALE: colpo del Rimini, Moscardelli Tuttomercatoweb.com
  18. ^ UFFICIALE: Davide Moscardelli è del Cesena Tuttomercatoweb.com
  19. ^ a b Rosa 2008-2009 Storiapiacenza1919.it
  20. ^ a b Rosa 2009-2010 Storiapiacenza1919.it
  21. ^ Non è tutta colpa di Moscardelli, Corriere Padano, 4 marzo 2010, pag.14
  22. ^ Mercato Chievocalcio.tv
  23. ^ Nicola Cecere, Pellissier+Moscardelli E l'Inter precipita a -9, in La Gazzetta dello Sport, 22 novembre 2010. URL consultato il 23 novembre 2010.
  24. ^ Futuro a Bologna per Moscardelli?, Tuttomercatoweb.com.
  25. ^ Ds Sartori: "Mercato condizionato da tre fattori. Acerbi ritorno gradito, Ujkani affidabile. Hauche...", Tuttomercatoweb.com.
  26. ^ Moscardelli al Bologna Bolognafc.it
  27. ^ Pioli rivuole Moscardelli Sport.it
  28. ^ Pescara 2-3 Bologna, Legaseriea.it.
  29. ^ Atalanta-Bologna 1-1: rossoblù a quota 40, nerazzurri vicino al traguardo. La Repubblica, 27 aprile 2013
  30. ^ Parma 0-2 Bologna, Legaseriea.it.
  31. ^ Bologna, la maglia numero 10 va a Moscardelli sportmediaset.mediaset.it
  32. ^ Ufficiale Moscardelli in giallorosso Uslecce.it
  33. ^ TIM CUP - SPEZIA vs LECCE: i giallorossi cadono nel finale. Il tabellino tuttomercatoweb.com
  34. ^ Coppa Italia: il Lecce di Moscardelli eliminato tuttomercatoweb.com
  35. ^ Moscardelli, 150° gol in carriera. E sui social sono tutti pazzi per lui Gazzetta.it
  36. ^ Davide Moscardelli è un giocatore dell'Arezzo usarezzo.it
  37. ^ a b c d Play-off.
  38. ^ Play-out.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]