Maccarese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maccarese
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
Città metropolitanaProvincia di Roma-Stemma.png Roma
ComuneFiumicino-Stemma.svg Fiumicino
Territorio
Coordinate41°50′19″N 12°23′30″E / 41.838611°N 12.391667°E41.838611; 12.391667 (Maccarese)Coordinate: 41°50′19″N 12°23′30″E / 41.838611°N 12.391667°E41.838611; 12.391667 (Maccarese)
Altitudinem s.l.m.
Superficie10,25 km²
Abitanti4 559 (2011)
Densità444,78 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale00054
Prefisso06
Fuso orarioUTC+1
PatronoSan Giorgio
Giorno festivo23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Maccarese
Maccarese

Maccarese è un piccolo borgo dei comuni di Fiumicino e Roma (Z. XLIII Maccarese Nord Municipio Roma XII), in provincia di Roma.

Fino al 1993 faceva parte della quarantatreesima zona di Roma nell'Agro Romano Maccarese Nord del comune di Roma, indicata con Z. XLIII, quando, in seguito all'istituzione del comune di Fiumicino, avvenuta con legge regionale n. 25 del 6 marzo 1992, gran parte della zona, comprensiva del borgo, fu scorporata dal comune di Roma[1].

Qui sorge il centro agricolo Maccarese SpA, su un ampio territorio bonificato negli anni venti da coloni provenienti prevalentemente dal Veneto.

La cittadina ha conosciuto un grande aumento di popolazione grazie alle nuove costruzioni edili, a quella di tipici casali colonici (spesso ristrutturati e adattati a lussuose abitazioni), ed alla presenza della stazione del treno metropolitano che ha ridotto il tempo di spostamento medio per il centro di Roma a quindici minuti.[senza fonte]

Maccarese è attraversata dal fiume Arrone che sfocia nel mar Tirreno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Festa di san Giorgio a Maccarese per celebrare la ristrutturazione del palazzo e della cappella della tenuta ad opera di Camillo Rospigliosi (fratello di Clemente IX), 1756.

Le prime testimonianze insediative stabili risalgono all Età del Rame(3400-2200 a.C.). In questo periodo viene impiantato un villaggio di capanne nella zona che attualmente è denominata Cerquete-Fianello situata nella parte meridionale del territorio di Maccarese (Manfredini et alii 2002). Il territorio prima della bonifica si presentava piuttosto paludoso, con due laghetti (ormai prosciugati), uno situato nella zona più lontana dal centro l'altro vicino al Castello denominato Villa San Giorgio.

Proprietà della famiglia romana dei Normanni nel secolo XIII, intorno al 1300 venne costruito il castello di Villa San Giorgio che ospitò gli Alessandrini, gli Anguillara e successivamente i Mattei i quali nel corso del secolo XVI riunirono a Vaccarese le tenute di Cortecchia e Castello S. Giorgio, raggiungendo l'estensione totale di circa 1.700 rubbi pari ad oltre 3.000 ettari[2], con altre famiglie della nobiltà romana ed enti religiosi[senza fonte].

Nel 1569 avvenne il restauro del Castello mentre nel 1574 venne realizzata la Torre Primavera.

Dai Mattei, nel secolo XVII passò in mano ai Rospigliosi che furono gli ultimi detentori della tenuta prima della bonifica integrale.

Nel 1925 ci fu la grande bonifica che fu promossa da una società formata da investitori finanziari che, invogliati dalle provvidenze messe a disposizione dello Stato, cercarono di bonificare la zona con lo scopo di mettere in produzione i terreni, frazionare la tenuta in poderi e passare alla vendita degli stessi.

Ma il progetto non poté andare in porto in quanto, grazie al consistente aumento dell'offerta di nuovi terreni lavorativi dovuto proprio ai lavori di bonifica, i prezzi delle proprietà fondiarie e dei prodotti agricoli nel frattempo erano crollati. E la terra agli inizi degli anni trenta non aveva più la caratteristica di bene di rifugio.

Si trovarono così a governare un'azienda che, date le grandi dimensioni, aveva costi di gestione troppo elevati e quindi furono costretti ad appoggiarsi all'IRI.

Nel frattempo giunsero numerosi coloni provenienti dal mantovano e soprattutto dal Veneto per coltivare campi, impiantare vigneti e custodire il numeroso bestiame da latte.

Nel corso degli anni Maccarese divenne la vetrina dell'agricoltura Italiana e fu visitata dalle più importanti delegazioni Italiane ed Estere.

Negli anni Cinquanta ci furono grandi problemi a livello economico in quanto la manodopera risultava essere in esubero acausa di scelte dirigenziali discutibili[senza fonte] che portarono una lunga crisi protratta fino al 1998, anno in cui l'azienda, che comprende oltre 45 k di terreno agricolo oltre al castello e altri edifici di grande rilevanza, viene privatizzata e acquistata da Edizione Holding dei fratelli Benetton per 94 miliardi di lire.

IPGRI - Il Mulino di Maccarese[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997, l'Unione europea riconobbe che la zona di Maccarese era adatta alla costruzione di un parco scientifico e tecnologico che avrebbe tratto vantaggio dai buoni collegamenti infrastrutturali e dalla vicinanza delle università per creare un ambiente favorevole allo sviluppo dell'innovazione scientifica, soprattutto nel settore agricolo (posizione su google maps)

Venne data la possibilità all'Istituto internazionale per le risorse fitogenetiche IPGRI (International Plant Genetic Resources Institute) essendo il più importante riferimento mondiale per la conservazione e l'utilizzo delle risorse genetiche vegetali[senza fonte], di costruire il suddetto parco scientifico.

IPGRI Maccarese

Da luglio del 2001 la sede ufficiale dell'IPGRI si trova a Maccarese, in un'area di grande tradizione agricola, all'interno di un ex mulino ristrutturato e concepito per fornire, con i suoi avanzati mezzi di comunicazione, tutta l'assistenza e le conoscenze utili agli Enti che vi fanno riferimento.

L'inaugurazione della nuova sede di Maccarese da parte del Presidente Ciampi è stata l'occasione ideale per analizzare sia il passato che il futuro dell'istituto ed in particolare per celebrare lo speciale rapporto che lega l'IPGRI all'Italia e l'Italia alle risorse fitogenetiche.

L'edificio che accoglie la sede dell'Istituto è un ex mulino progettato per immagazzinare cereali e trattare prodotti agricoli destinati alla distribuzione.

Area naturale[modifica | modifica wikitesto]

Le Vasche di Maccarese sono un'oasi gestita dal WWF Italia, parte della riserva naturale statale Litorale Romano.

Durante la stagione estiva diviene una delle mete più utilizzate (soprattutto dai giovani) dalle popolazioni del circondario, in virtù della vicinanza al litorale di Fregene/Maccarese, dove dalla fine degli anni settanta sono sorti lidi e strutture balneari (a Maccarese è ubicato anche il lido ufficiale della Polizia di Stato), e vi risiedono numerosi personaggi dello spettacolo e/o giornalismo (famosa la casa di Alberto Moravia in prossimità del litorale).

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Maccarese-Fregene.

Maccarese è collegata, attraverso la stazione di Maccarese-Fregene collegata con Roma dalla linea FL5, attraverso la linea Cotral ed inoltre ha a disposizione alcune linee di autobus (al momento alquanto fatiscenti e poco ricorrenti), del Comune di Fiumicino. È raggiungibile via A12 autostrada azzurra tramite l'uscita Fregene-Maccarese che la collega in meno di un'ora con la capitale distante circa 35 km.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è il Maccarese Giada. Fu fondata nel 1934.

In questa squadra di calcio sono cresciuti gli atleti Davide Moscardelli (Lecce) e Jacopo Ferri (S.P.A.L.).

Nella stagione 2015/2016 è presente solo il settore giovanile.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel film Borotalco Carlo Verdone salta giù dal treno a Maccarese, dopo aver simulato una trasferta di lavoro a Parigi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Con delibera del Commissario Straordinario n° 1529 dell'8 settembre 1993, esecutiva il 29 settembre 1993
  2. ^ Nicola Maria Nicolai, Pietro Ruga, Andrea Alippi, Memorie, leggi, ed osservazioni sulle campagne e sull'annona di Roma..., Roma 1803, p.97.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Manfredini (a cura di), Le dune, il lago, il mare. Una comunità di villaggio dell'età delrame a Maccarese, Firenze, Istituto Italiano di Preistoria, 2002, ISBN 978-88-6045-009-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN134037688
Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio