Regno d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Regno d'Italia (disambigua).
Frontespizio di libro del 1838, sui re incoronati con la Corona Ferrea, scritto per provare una continuità di re d'Italia fino a Ferdinando I

Con Regno d'Italia si intendono stati monarchici la cui sovranità territoriale ha riguardato, in periodi diversi, una parte ragguardevole, o la totalità, della regione geografica italiana.

Nella penisola italiana si sono infatti susseguiti diversi regni, i primi dei quali risalenti al Medioevo e successivamente durante il succedersi di varie dominazioni straniere, in taluni casi tali regni vennero indicati come "regno d'Italia" oppure il loro governante venne incoronato "Re d'Italia". Nel 1861 il Regno di Sardegna, dopo le annessioni di gran parte delle regioni facenti parte degli stati preunitari, ha dato vita al Regno d'Italia, uno stato che divenne pressoché coincidente con gran parte della penisola italiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I regni barbarici[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Caduta dell'Impero Romano d'Occidente, Regno ostrogoto e Regno longobardo.

Dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente nel 476, e scomparsa l'imperatoria potestas gran parte la penisola italiana si trovo' sotto il potere di Odoacre, che governava col titolo di "patrizio", per quanto esercitando un potere di tipo regio venne chiamato da molti cronisti del passato "rex Italiae"[1] tra questi Cassiodoro nel Chronicon, impropriamente non avendo mai indossato la porpora. Dopo Odoacre si susseguirono in Italia una serie di regni guidati da re Ostrogoti. In seguito, quando i Longobardi nel 568 invasero l'Italia, instaurarono un loro regno che durò fino all'avvento di Carlo Magno e dei re franchi. Durante il regno della regina Teodolinda venne realizzata la Corona Ferrea, da allora utilizzata per l'incoronazione solenne dei re d'Italia.

Sacro Romano Impero[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arduino d'Ivrea, Sacro Romano Impero e Regno d'Italia (781-1014).

Con la conquista del regno longobardo da parte di Carlo Magno, questi assegnò il titolo di Re d'Italia al figlio Pipino (781), attribuendogli altresì i territori del cessato regno. Dopo una breve parentesi in cui la dignità regale fu ereditata dal figlio di Pipino, Bernardo, il titolo fu appannaggio del primogenito dell'Imperatore Ludovico il Pio, Lotario, e in seguito del primogenito di quest'ultimo, Ludovico II. Con l'ascesa al trono imperiale di Ludovico II, la dignità regale divenne condizione necessaria per ottenere quella imperiale. Tuttavia, solo dopo l'incoronazione imperiale di Corrado II (1026) i due titoli divennero strettamente legati.

Pur rimanendo un mero titolo il ricordo del regno d'Italia tornava più volte. L'arcivescovo di Colonia aveva il titolo di Arcicancelliere per l'Italia.[2] Diversi imperatori furono coronati anche come re d'Italia.[3]

Una breve interruzione nella serie degli imperatori incoronati re d'Italia si ebbe nel 1002, quando approfittando della morte di Ottone III, un nutrito gruppo di vassalli ostili al potere imperiale elesse Arduino d'Ivrea re d'Italia nella basilica di San Michele Maggiore a Pavia, che venne poco dopo deposto da Enrico II che dopo averlo sconfitto alle chiuse della Valsugana, gli tolse il titolo regale, facendosi a sua volta incoronare a Pavia re d'Italia.

Napoleone e l'impero francese (1805-1814)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno d'Italia (1805-1814).
La Corona Ferrea usata per incoronare Napoleone I Bonaparte Re d'Italia. Tale corona, creata per i re longobardi e usata fin dal VII secolo, è oggi custodita presso il Duomo di Monza

Il 2 dicembre 1804 Napoleone si incoronò Imperatore dei Francesi. In conformità col nuovo assetto monarchico francese Napoleone trasformò anche la precedente Repubblica Italiana in Regno d'Italia e si autonominò Re d'Italia. Il 26 maggio 1805 a Milano vi fu l'incoronazione. Eugenio di Beauharnais, uomo del quale il Bonaparte si fidava ciecamente e del quale era sicuro di non dovere temere che perseguisse obiettivi politici propri, fu nominato Viceré.

La nuova forma data allo Stato italiano lo mise in contrasto con l'Imperatore del neonato Impero austriaco Francesco II che, essendo prima di tutto Imperatore dei Romani, risultava de iure anche Re d'Italia. La situazione si risolse con la guerra contro la Terza coalizione: l'Austria fu sconfitta (2 dicembre 1805) e il trattato di Presburgo (26 dicembre 1805) pose di fatto fine al Sacro Romano Impero che verrà però sciolto solo nel 1806.

Nel 1809 furono staccate l'Istria, la Dalmazia e le Bocche di Cattaro per formare le Province Illiriche sotto il controllo diretto francese, con capitale Lubiana.

Il regno cessò di esistere nel 1814 con la fine del periodo napoleonico: il 6 aprile 1814, Napoleone si disse pronto ad abdicare, atto che fu formalizzato il giorno 11. Il giorno 16 il Beauharnais comunicava di avere concluso anch'egli un armistizio con il feldmaresciallo austriaco Bellegarde, anche se sperava che il suo trono potesse essere salvato dalla disfatta napoleonica. Tuttavia, dopo i disordini milanesi del 20 aprile con il linciaggio a morte del ministro delle finanze Giuseppe Prina ad opera della folla inferocita, Beauharnais capì di non avere l'appoggio della popolazione. La gente lo identificava infatti con i detestati francesi e così il 26 abdicò, lasciando il giorno successivo l'Italia per ritirarsi in esilio in Baviera presso i suoceri.

Regno d'Italia (1861-1946)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno d'Italia (1861-1946).
Corona del Re d'Italia (Casa Savoia)

Il periodo del regno di Vittorio Emanuele II di Savoia che va dal 1859 al 1861 (ovvero il periodo che va dai primi plebisciti alla proclamazione del regno d'Italia) viene anche indicato come Vittorio Emanuele II Re Eletto.[4] Infatti, nel 1860 il Ducato di Parma, il Ducato di Modena ed il Granducato di Toscana votano dei plebisciti per l'unione con il Regno. Nello stesso anno vengono conquistati dai piemontesi il Regno delle Due Sicilie, tramite la Spedizione dei Mille, e la Romagna, le Marche e l'Umbria, tolte allo Stato della Chiesa. Tutti questi territori vengono annessi ufficialmente al regno tramite plebisciti, mentre il Nizzardo e la Savoia vengono ceduti alla Francia.[5]

stemma e gonfalone del nuovo regno

Con la prima convocazione del Parlamento italiano del 18 febbraio 1861 e la successiva proclamazione del 17 marzo, Vittorio Emanuele II è il primo re d'Italia. Nel 1866, a seguito della Terza guerra di indipendenza, vengono annessi al regno il Veneto e Mantova sottratti all'impero austro-ungarico. Nel 1870, con la presa di Roma, al regno viene annesso il Lazio, incorporando definitivamente lo Stato della Chiesa. Nel 1871, con legge 3 febbraio 1871 n. 33, Roma viene dichiarata ufficialmente capitale d'Italia (prima lo erano state in ordine Torino e Firenze).

Seguono i regni di Umberto I (1878-1900), ucciso in un attentato dall'anarchico Gaetano Bresci, e di Vittorio Emanuele III (1900-1946). Con quest'ultimo, nel 1919 dopo la Prima guerra mondiale vengono uniti al Regno il Trentino, l'Alto Adige, la Venezia Giulia, l'Istria, e Zara. Fiume è unita al Regno nel 1924.

Nel 1922 la monarchia non contrasta la presa del potere da parte del partito nazionale fascista che nel giro di pochi anni trasforma il regno in una dittatura. Nelle colonie, l'Italia prima consolida il suo dominio in Libia e poi conquista nel 1935 l'impero etiopico, in seguito al quale Vittorio Emanuele III viene proclamato imperatore d'Etiopia. Nel 1939 infine il regime fascista si annette l'Albania per "rimanere al passo" della Germania nazista di cui l'Italia era alleata e Vittorio Emanuele III aggiunge ai suoi titoli quello di Re d'Albania.

Successivamente allo scoppio della II guerra mondiale, l'Italia a causa della propria incapacità militare proclama lo stato di non belligeranza. Nel 1940 Mussolini, che da più parti era stato consigliato di non entrare in guerra, decide lo stato di guerra dell'Italia a fianco della Germania, convinto della brevità della guerra e dalla velocità di conquista dei vari territori europei da parte della Germania. Si susseguono tuttavia gli insuccessi italiani, e questo compromette il rapporto fra popolo e fascismo.

Nel 1943 il fascismo cade e il re riprende per breve tempo la centralità del ruolo politico come guida di uno Stato allo sbando. Ma poi gli eventi di un'imminente invasione nazista dell'Italia a causa del voltafaccia nella guerra, convincono Vittorio Emanuele III alla fuga con tutto il governo, compromettendo così definitivamente agli occhi degli italiani la figura dell'istituzione monarchica.

Successivamente, nonostante il ritiro di Vittorio Emanuele in favore del figlio Umberto (prima come reggente durante la fase finale del conflitto e poi come re nel maggio del 1946), la monarchia perde il referendum istituzionale del 2 giugno 1946, dopo il quale il regno diventa la Repubblica Italiana. Si conclude così la storia del regno d'Italia dopo 85 anni di esistenza. I Savoia saranno banditi dalla repubblica per un lungo periodo conclusosi con la riforma costituzionale del 2002.

Il dibattito[modifica | modifica wikitesto]

Il dibattito se sia corretta o meno l'impostazione di chi vede le varie entità statali, che nel corso dei secoli hanno assunto il nome di Regno d'Italia, come un qualche cosa di collegato è stato al centro dell'attenzione non solo degli storici, ma anche delle aule parlamentari nel 1861, in occasione della scelta del nome che doveva assumere Vittorio Emanuele nell'assumere il titolo di Re d'Italia.

In particolare fu Giuseppe Ferrari a sostenere che si doveva parlare di un unico regno e di conseguenza il re si sarebbe dovuto chiamare Vittorio Emanuele I, in quanto il primo di tale regno.[6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi pag. 20 Francesco Antolini, Dei Re d'Italia inaugurati o no con la Corona Ferrea, Tipografia e libreria Pirrotta e c. Milano, 1838.
  2. ^ Nuova geografia di Ant. Federico Busching
  3. ^ Secondo lo storico Zucchi lo furono, dopo Corrado (1024) : * Corrado III (1128) * Federico Barbarossa (1155) * Enrico VI (1186, in occasione delle nozze con Costanza d'Altavilla) * Enrico VII di Lussemburgo (1311) * Carlo IV * Carlo V d'Asburgo (1530, a Bologna).
  4. ^ Alcune monete toscane hanno l'espressione alternativa Vittorio Emanuele Re Eletto, saltando la numerazione [1]
  5. ^ All'epoca la tradizionale corona del Regno d'Italia (la Corona ferrea era stata portata dal sovrano austriaco a Vienna. (fu restituita all'Italia solo dopo la guerra del 1866). Re Vittorio Emanuele II continuò ad usar la corona del Regno di Sardegna.
  6. ^ Atti parlamentari.
  7. ^ Secondo una tradizione millenaria la corona del re d'Italia era la Corona ferrea. L'ultima incoronazione in cui fu usata è del 1838 per l'imperatore Ferdinando I.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]