Norne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Le norne tessono i fili del destino ai piedi di Yggdrasill, il grande frassino.
Questa rappresentazione delle norne ritrae una di loro con le ali, contrariamente alla tradizione.

Le norne (norreno: norn, plurale: nornir) nella mitologia norrena sono tre dísir chiamate Urðr, Verðandi e Skuld.

Le norne vivono tra le radici di Yggdrasill, l'albero della Vita al centro del cosmo (benché alcune fonti asseriscano che esse dimorino sotto l'arco formato da Bifröst, il ponte arcobaleno), dove tessono l'arazzo del destino. La vita di ogni persona è una corda nel loro telaio e la lunghezza della corda è la lunghezza della vita dell'individuo.

Poiché tutto è preordinato nel complesso universo norreno, anche le divinità hanno i loro fili nel telaio, benché le norne non permettano loro di vederli. Questa sottomissione degli Dèi a un potere esterno implica che un giorno anche loro avranno una fine e tale fine, il Ragnarök, è descritta ampiamente dalla letteratura nordica.

(NON)
« Þaðan koma meyiar

margs vitandi
þríar ór þeim sæ,
es und þolli stendr;
Urð hétu eina,
aðra Verðandi,
skáru á skíði,
Skuld ena þriðiu.
Þær lög lögðu,
þær líf köru,
alda börnum,
örlög seggia. »

(IT)
« Da quel luogo vengono fanciulle

di molta saggezza,
tre, da quelle acque
che sotto l'albero si stendono.
Ha nome Urðr la prima,
Verðandi l'altra
(sopra una tavola incidono rune),
Skuld quella ch'è terza.
Queste decidono la legge,
queste scelgono la vita
per i viventi nati,
le sorti degli uomini. »

(Edda poetica - Völuspá - Profezia della Veggente XX)

In altre culture si trovano figure analoghe alla Norne, ad esempio le Parche romane e le Moire greche.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel manga Oh, mia dea!, le norne rivestono un ruolo principale. Degno di nota è il nome di una delle protagoniste, Belldandy, tale nome infatti deriva da quello della norna Verðandi ed ha subito tale cambiamento a causa della traslitterazione prima da norreno a giapponese, con risultato Berudandī (ベルダンディー?), e poi nuovamente dal giapponese in caratteri occidentali. Il nome delle altre due sorelle di Belldandy è infatti Urd e Skuld. La prima si occupa di chimica e pozioni e la seconda invece ama la meccanica e si ingegna spesso a costruire strani marchingegni.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]