Saga degli Ynglingar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Saga degli Ynglingar (Ynglinga saga in norreno) è un'opera scritta in antico nordico intorno al 1225 dal poeta islandese Snorri Sturluson. Egli per la stesura si basò su un'altra opera precedente, l'Ynglingatal, attribuito al poeta norvegese scaldo del IX secolo Þjóðólfr da Hvinir e comparso anche nella Historia Norvegiae.

La saga[modifica | modifica sorgente]

La Saga degli Ynglingar è la prima parte dell'opera di Snorri sugli antichi re norvegesi, l'Heimskringla. Narra della storia più antica degli Ynglingar (gli "Scylfings" del Beowulf); fu tradotta per la prima volta in inglese e pubblicata nel 1844.

La saga narra dell'arrivo degli dei norreni in Scandinavia e di come Freyr fondò la dinastia degli Ynglingar a Uppsala. Poi la saga segue la linea dei re svedesi fino a Ingjald, dopo cui i suoi discendenti si stanziarono in Norvegia e divennero gli antenati del re norvegese Harald il Chiaro.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]