Búri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Búri in una illustrazione di un manoscritto islandese del XVIII secolo.

Nella mitologia norrena Buri o Tuisto è un gigante primordiale della mitologia norrena, nato nel ghiaccio di Ginnungagap al principio dei tempi, dal quale fu liberato dalla vacca Auðhumla. Fu padre di Borr e quindi progenitore degli Æsir (gli dèi).

L'unica fonte documentaria di questo personaggio mitologico è l'Edda di Snorri Sturluson nel quale si narra:

(NON)
« Hon sleikti hrímsteina þá er saltir váru. Ok hinn fyrsta steinanna er hon sleikti, kom ór steininum at kveldi manns hár, annan dag manns höfuð, þriðja dag var þat allr maðr. Sá er nefndr Búri. Hann var fagr álitum, mikill ok máttigr. Hann gat son þann er Borr er nefndr. »
(IT)
« Leccava le rocce brinate, che erano salate, e nel primo giorno in cui essa le leccò, da quelle pietre spuntarono a sera i capelli di un uomo, il giorno dopo la testa e il terzo giorno vi fu l'uomo intero. Il suo nome era Búri. Era di bell'aspetto, grande e possente. Generò un figlio chiamato Borr. »
(Snorri Sturluson - Edda in prosa - Gylfaginning - Traduzione di Stefano Mazza)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]