Andlangr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andlangr (reperibile anche nella variante grafica Öndlangr) è il secondo cielo secondo la mitologia norrena, posto direttamente fra quello in cui vivevano gli uomini e gli dèi e Víðbláinn, il terzo cielo.

Snorri Sturluson così ne parla nella prima parte dell'Edda in prosa, il Gylfaginning:

(NON)

« Svá er sagt at annarr himinn sé suðr ok upp frá þessum himni, ok heitir sá himinn Andlangr, en hinn þriði himinn sé enn upp frá þeim, ok heitir sá Víðbláinn, ok á þeim himni hyggjum vér þenna stað vera. En Ljósálfar einir hyggjum vér at nú byggvi þá staði. »

(IT)

« Così è detto, che un altro cielo si trovi a sud, al di sopra di questo, chiamato Andlangr; ma ancora sopra a questi c'è il terzo cielo, che si chiama Víðbláinn. In questo cielo noi crediamo che si trovi quella dimora, ma solo i Ljósálfar, noi pensiamo, fino a ora vi abitano. »

(Snorri Sturluson - Edda in prosa - Gylfaginning XVII - Traduzione di Stefano Mazza)

Nella versione del Codex Uppsaliensis, invece, la posizione di Andlangr e Víðbláinn sono invertite. In questo codice inoltre, a differenza degli altri dove si parla di himinn ("cielo"), si parla di heimr ("mondo")

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]