Dagr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dagr in sella a Skínfaxi, in un dipinto di Peter Nicolai Arbo.

Dagr è una divinità della mitologia norrena, più precisamente è una personificazione del giorno. Il suo ruolo è quello di cavalcare il suo destriero Skínfaxi e illuminare tutta la terra.

Figlio di Nótt, sua alter ego essendo la personificazione della notte, e di Dellingr, dio dell'alba.

Così viene citato nel Gylfaginning, il primo capitolo dell'Edda in prosa di Snorri Sturluson al canto 10:

(NON)
« Nörfi eða Narfi hét jötunn, er byggði í Jötunheimum. Hann átti dóttur, er Nótt hét. Hon var svört ok dökk, sem hon átti ætt til. Hon var gift þeim manni, er Naglfari hét. Þeira sonr hét Auðr. Því næst var hon gift þeim, er Ánarr hét. Jörð hét þeira dóttir. Síðast átti hana Dellingr, ok var hann ása ættar. Var þeira sonr Dagr. Var hann ljóss ok fagr eftir faðerni sínu. Þá tók Alföðr Nótt ok Dag, son hennar, ok gaf þeim tvá hesta ok tvær kerrur ok sendi þau upp á himin, at þau skulu ríða á hverjum tveim dægrum umhverfis jörðina. Ríðr Nótt fyrri þeim hesti, er kallaðr er Hrímfaxi, ok at morgni hverjum döggvir hann jörðina af méldropum sínum. Sá hestr, er Dagr á, heitir Skinfaxi, ok lýsir allt loft ok jörðina af faxi hans. »
(IT)
« Nörfi o Narfi si chiamava un gigante che abitava in Jötunheimr. Aveva una figlia che si chiamava Nótt, ella era nera e scura secondo la sua stirpe. Aveva per marito un uomo di nome Naglfari, loro figlio si chiamava Auðr. Poi ella fu data a un altro, che si chiamava Annarr, e la loro figlia si chiamò Jörðr. Infine la ebbe per moglie Dellingr, che era della stirpe degli Æsir, loro figlio fu Dagr ed era luminoso e bello come suo padre. Allora Allföðr prese Nótt e Dagr, figlio di lei, e diede loro due cavalli e due carri e li pose su nel cielo perché corressero intorno alla terra ognuno per la metà di un giorno. Nótt precede con il cavallo che è chiamato Hrímfaxi, che bagna la terra ogni mattina con la schiuma del suo morso. Il destriero che possiede Dagr si chiama Skínfaxi e illumina tutta l'aria e la terra con la sua criniera. »
(Snorri Sturluson - Edda in prosa - Gylfaginning X)

Mentre nel poema eddico Vafþrúðnismál, 25:

(NON)
« Vafþrúðnir kvað

"Dellingr heitir,
hann er Dags faðir,
en Nótt var Nörvi borin;
ný ok nið
skópo nýt regin
öldom at ártali." »

(IT)
« Disse Vafþrúðnir:

"Dellingr si chiama
colui che fu il padre di Dagr,
e Nótt da Nörfi nacque;
le fasi lunari
crearono gli dèi propizi
per segnare agli uomini il tempo." »

(Edda poetica - Vafþrúðnismál - Il discorso di Vafþrúðnir XXV - Traduzione di Dario Giansanti)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Snorri Sturluson (a cura di Giorgio Dolfini), Edda in prosa, Adelphi, 1975, Milano ISBN 88-459-0095-9
  • Gianna Chiesa Isnardi, I miti nordici, Longanesi, 1991, Milano ISBN 88-304-1031-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]