Árvakr e Alsviðr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Cavalcature degli Æsir.

Árvakr e Alsviðr sono due cavalli della mitologia norrena, più precisamente sono i cavalli che tirano il carro di Sól.

Così se ne parla nel Gylfaginning, la prima parte dell'Edda in prosa di Snorri Sturluson, nel canto 11:

(NON)
« En goðin reiddust þessu ofdrambi ok tóku þau systkin ok settu upp á himin, létu Sól keyra þá hesta, er drógu kerru sólarinnar, þeirar er goðin höfðu skapat til at lýsa heimana af þeiri síu, er flaug ór Múspellsheimi. Þeir hestar heita svá, Árvakr ok Alsviðr, en undir bógum hestanna settu goðin tvá vindbelgi at kæla þá, en í sumum fræðum er þat kallat ísarnkol. »
(IT)
« Ma gli dèi si adirarono per quell'insolenza, presero due fratelli e li misero in cielo, e costrinsero Sól a guidare i cavalli del carro di quel sole che essi avevano creato, perché illuminasse i mondi, da quna favilla ch'era sprizzata da Múspellsheimr. Questi cavalli si chiamavano Árvakr e Alsviðr, e al di sotto delle loro spalle gli dèi misero due mantici che procurassero loro refigerio: in certe tradizioni ciò è detto "ísarnkol". »
(Snorri Sturluson - Edda in prosa - Gylfaginning XI)

Invece i cavalli sono così citati nel poema eddico Grímnismál ("il discorso di Grímnir") al canto 37:

(NON)
« Árvakr ok Alsviðr,

þeir skolo upp heðan
svangir sól draga;
en und þeira bógóm
fálo blíð regin
æsir, ísarnkol. »

(IT)
« Árvakr e Alsviðr,

da qui devono trascinare
faticosamente il sole;
ma sotto i loro petti
nascosero gli dèi
Æsir, un riparo di ferro. »

(Edda poetica - Grímnismál - Il discorso di Grímnir XXXVII)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Snorri Sturluson (a cura di Giorgio Dolfini), Edda in prosa, Adelphi, 1975, Milano ISBN 8845900959
  • Gianna Chiesa Isnardi, I miti nordici, Longanesi, 1991, Milano ISBN 8830410314
mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia