Marc Márquez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marc Márquez
Marc Marquez 2011 Brno 1.jpg
Dati biografici
Nome Marc Márquez Alentà
Nazionalità Spagna Spagna
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera nel Motomondiale
Esordio 2008 in classe 125
Scuderie 2008 e 2009 - KTM
2010 - Derbi
2011 e 2012 - Suter
dal 2013 - Honda
Mondiali vinti 3
GP disputati 107
GP vinti 42
Podi 65
Punti ottenuti 1643
Pole position 46
Giri veloci 35
 

Marc Márquez Alentà (Cervera, 17 febbraio 1993) è un pilota motociclistico spagnolo, campione del mondo della classe 125 nel 2010, della Moto2 nel 2012 e della MotoGP nel 2013. È il fratello di Álex Márquez, anche lui pilota professionista.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Inizia a correre in moto all'età di quattro anni, inizialmente in motocross e in minimoto. In seguito passa alle corse su strada. Nel 2004 giunge secondo nel campionato di Catalogna.

Classe 125[modifica | modifica sorgente]

Esordisce nella classe 125 del motomondiale nel 2008, ingaggiato dal team Repsol KTM 125cc alla guida di una KTM 125 FRR; il compagno di squadra è Esteve Rabat. Ottiene un terzo posto in Gran Bretagna e termina la stagione al 13º posto con 63 punti. In questa stagione è costretto a saltare i GP di Qatar, Spagna, Malesia e Comunità Valenciana per infortuni.

Nel 2009 passa al team Red Bull KTM Moto Sport; il compagno di squadra è Cameron Beaubier. Ottiene un terzo posto in Spagna e due pole position (Francia e Malesia) e termina la stagione all'8º posto con 94 punti.

Márquez sulla Derbi RSA 125 del team Red Bull Ajo Motorsport nel 2010

Nel 2010 passa alla Derbi RSA 125 con il team Red Bull Ajo Motorsport. Ottiene le sue prime vittorie (Italia, Gran Bretagna, Olanda, Catalogna, Germania, San Marino, Giappone, Malesia, Australia e Portogallo), due terzi posti (Qatar e Francia) e dodici pole position (Qatar, Spagna, Gran Bretagna, Olanda, Catalogna, Germania, Indianapolis, Aragona, Giappone, Malesia, Australia e Comunità Valenciana) e vince il titolo con 310 punti.[1]

Moto2[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011 passa in Moto2, ingaggiato dal team CatalunyaCaixa Repsol con una Suter MMXI. Dopo aver raccolto zero punti nelle prime tre gare (frutto di altrettante cadute con due ritiri ed un ventunesimo posto) ottiene la sua prima vittoria nella classe intermedia nel Gran Premio di Francia, sulla pista di Le Mans. Ottiene poi un secondo posto in Catalogna. Ottiene anche una pole position in Gran Bretagna. Vince in Olanda e in Italia e in quest'ultimo Gran Premio ha ottenuto anche la pole position. Nel GP di Germania vince la sua terza gara consecutiva (4º successo stagionale) partendo dalla pole position. In Repubblica Ceca giunge secondo dopo essere partito dalla pole position. Nel GP di Indianapolis ottiene la quinta vittoria stagionale partendo per la quinta volta dalla pole position. Nel GP di Misano ottiene la sua sesta vittoria stagionale.

Nel GP di Aragon ottiene la sua settima vittoria in Moto2 partendo per la sesta volta dalla pole position.

Nel Gran Premio d'Australia a Phillip Island viene penalizzato (con un minuto extra da aggiungere al tempo ottenuto in qualifica, relegandolo di fatto all'ultima posizione in griglia) a causa di un violento tamponamento ai danni del pilota tailandese Ratthapark Wilairot, durante il giro di rientro della prove libere a turno ormai finito. Conclude comunque in terza posizione.

In Giappone giunge secondo dopo essere partito dalla pole position. In questa stagione è costretto a saltare i Gran Premi di Malesia e Comunità Valenciana a causa di dolori e problemi alla vista a seguito di una caduta nelle prove libere del GP della Malesia. Termina la stagione al 2º posto con 251 punti.

Nella stagione 2012 rimane in Moto2, sempre in sella a una Suter del team CatalunyaCaixa Repsol, vince la prima gara stagionale in Qatar dopo essere partito in seconda posizione dalla griglia di partenza. Giunge secondo Spagna e primo in Portogallo, dopo essere partito in entrambi i GP dalla pole position. Anche in Francia e in Catalogna ottiene la pole position. In Catalogna e in Gran Bretagna giunge terzo. In Olanda e in Germania vince dopo essere partito dalla pole position. Vince a Indianapolis e in Repubblica Ceca. Vince anche nel Gran Premio di San Marino dopo essere partito dalla pole position. In Aragona giunge secondo. Vince in Giappone. Giunge secondo in Australia laureandosi campione del mondo per la seconda volta.[2] Vince anche a Valencia dopo essere partito dall'ultima posizione per una penalità, concludendo così la sua bella stagione in Moto2.

MotoGP[modifica | modifica sorgente]

Il 12 luglio 2012 viene ufficializzato il suo passaggio in MotoGP per la stagione 2013. Correrà per il team Repsol Honda in coppia con l'altro spagnolo Daniel Pedrosa.

Marquez nel 2013 davanti a Valentino Rossi

Nella prima gara in MotoGP, il 7 aprile 2013, ottiene un terzo posto nel Gran Premio del Qatar. Al secondo appuntamento stagionale, nel Gran Premio delle Americhe, stacca la pole position, diventando, a 20 anni 2 mesi e 3 giorni, il più giovane di sempre a partire davanti a tutti nella top class, cancellando il precedente di Freddie Spencer (20 anni, 5 mesi e 3 giorni), che reggeva da 31 anni,[3] e nella medesima gara abbatte un altro record, diventando il più giovane pilota a vincere una gara di MotoGP. In Spagna, il 5 maggio 2013, giunge secondo operando un sorpasso all'ultima curva, con conseguente (e discusso) contatto, ai danni di Jorge Lorenzo. In Francia sotto la pioggia giunge terzo dopo una splendida rimonta dall'ottavo posto. Dopo un ritiro al Gran Premio d'Italia, giunge terzo in Catalogna e secondo in Olanda, prima di vincere in Germania, dopo essere partito dalla pole position, così come negli Stati Uniti, primo pilota nella storia a vincere all'esordio sul circuito di Laguna Seca. Anche a Indianapolis vince dopo essere partito dalla pole position. Il 25 agosto 2013 vince la sua quarta gara consecutiva in MotoGP (quinta in totale) sul circuito di Brno. A Silverstone taglia il traguardo in seconda posizione dopo essere partito per la quinta volta dalla pole position e ottiene la certezza matematica del titolo di rookie dell'anno 2013.[4] Anche questo fine settimana vede Márquez protagonista di un episodio controverso durante la sessione mattutina di prove di domenica (warm-up): nonostante le bandiere gialle sventolanti, alla staccata della curva "gigler" cade rischiando di travolgere i commissari e il pilota Cal Crutchlow caduto poco prima; viene penalizzato di 2 punti sulla licenza per non aver rallentato in modo adeguato. Sul circuito di Misano arriva di nuovo secondo dopo essere partito per la seconda volta consecutiva dalla prima casella della griglia. Ad Aragon, in Spagna, vince dopo essere partito dalla pole position. In Malesia giunge secondo dopo essere partito davanti a tutti. Sul circuito di Phillip Island in Australia, circuito sul quale i piloti erano obbligati, in giri prestabiliti, ad effettuare un pit stop a causa dell'eccessiva usura delle gomme, un errore di decifrazione del comunicato della direzione gara da parte del team Honda fece sì che Márquez rientrasse ai box troppo tardi, quando ormai la possibilità di sostituire moto era sfumata. Márquez si vedrà sventolare bandiera nera dai commissari di gara, e abbandonare la corsa senza un cambiamento di punti in classifica, rispetto la gara precedente, dopo essere partito dalla seconda posizione in griglia. In Giappone giunge secondo. A Valencia conquista la nona pole della stagione. Nell'ultima gara, il Gran Premio di Valencia 2013, arriva terzo, vincendo il motomondiale al suo debutto in MotoGP, impresa riuscita solo a Kenny Roberts nel 1978, affermandosi inoltre come il più giovane vincitore nella classe regina, primato precedentemente detenuto da Freddie Spencer.[5]

Nel 2014 vince in Qatar, nel Gran Premio delle Americhe e in Argentina dopo essere partito dalla pole position. A Jerez conquista la sua quarta pole consecutiva da inizio stagione (quinta se consideriamo anche l'ultima del 2013), per poi vincere la gara. Vince anche in Francia e in Italia dopo essere partito dalla pole position per la settima volta consecutiva (record assoluto). Nel GP di Catalunya vince partendo dalla terza posizione, dopo una gara combattuta precedentemente con Valentino Rossi e poi con Dani Pedrosa. Vince anche in Olanda. In Germania vince dopo essere partito dalla pole position, arrivando quindi alla sosta estiva a punteggio pieno.[6] In occasione del GP di Indianapolis ottiene la sua decima vittoria consecutiva stagionale,[7] raggiungendo un risultato ineguagliato da 17 anni, ossia da quando Mick Doohan vinse consecutivamente dal quarto al tredicesimo GP nel 1997. Nella gara successiva, il GP della Repubblica Ceca, partito dalla pole position, giunge quarto al traguardo, interrompendo quindi la sua serie di vittorie consecutive.

Risultati nel motomondiale[modifica | modifica sorgente]

2008 Classe Moto Flag of Qatar.svg Flag of Spain.svg Flag of Portugal.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Catalonia.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of the United States.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of San Marino.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the Land of Valencia (official).svg Punti Pos.
125 KTM NQ 18 12 Rit 19 10 3 Rit 9 NE Rit 4 6 Rit 9 NP 63 13º
2009 Classe Moto Flag of Qatar.svg Flag of Japan.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Catalonia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United States.svg Flag of Germany.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of San Marino.svg Flag of Portugal.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the Land of Valencia (official).svg Punti Pos.
125 KTM Rit 5 3 Rit 5 5 10 NE 16 15 8 6 4 Rit 9 Rit 17 94[8]
2010 Classe Moto Flag of Qatar.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Catalonia.svg Flag of Germany.svg Flag of the United States.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of San Marino.svg Flag of Aragon.svg Flag of Japan.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Australia.svg Flag of Portugal.svg Flag of the Land of Valencia (official).svg Punti Pos.
125 Derbi 3 Rit 3 1 1 1 1 1 NE 7 10 1 Rit 1 1 1 1 4 310
2011 Classe Moto Flag of Qatar.svg Flag of Spain.svg Flag of Portugal.svg Flag of France.svg Flag of Catalonia.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of Germany.svg Flag of the United States.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of San Marino.svg Flag of Aragon.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the Land of Valencia (official).svg Punti Pos.
Moto2 Suter Rit Rit 21 1 2 Rit 1 1 1 NE 2 1 1 1 2 3 NP NQ 251
2012 Classe Moto Flag of Qatar.svg Flag of Spain.svg Flag of Portugal.svg Flag of France.svg Flag of Catalonia.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of San Marino.svg Flag of Aragon.svg Flag of Japan.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Australia.svg Flag of the Land of Valencia (official).svg Punti Pos.
Moto2 Suter 1 2 1 Rit 3 3 1 1 5 NE 1 1 1 2 1 Rit 2 1 328
2013 Classe Moto Flag of Qatar.svg Flag of Texas.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Catalonia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of the United States.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of San Marino.svg Flag of Aragon.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Australia.svg Flag of Japan.svg Flag of the Land of Valencia (official).svg Punti Pos.
MotoGP Honda 3 1 2 3 Rit 3 2 1 1 1 1 2 2 1 2 SQ 2 3 334
2014 Classe Moto Flag of Qatar.svg Flag of Texas.svg Flag of Argentina.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Catalonia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of San Marino.svg Flag of Aragon.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the Land of Valencia (official).svg Punti Pos.
MotoGP Honda 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 4 263
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Statistiche nel motomondiale[modifica | modifica sorgente]

Per stagione[modifica | modifica sorgente]

Stagione Classe Moto Gare Vittorie Podi Pole Giriveloci Punti Pos. fin.
2008 125 KTM 125 FRR 13 0 1 0 0 63 13º
2009 KTM 125 FRR 16 0 1 2 1 94
2010 Derbi RSA 125 17 10 12 12 8 310
2011 Moto2 Suter MMXI 15 7 11 7 2 251
2012 Suter MMX 17 9 14 7 5 324
2013 MotoGP Honda RC213V 18 6 16 9 11 334
2014 Honda RC213V 11 10 10 9 8 263 in corso

Per classe[modifica | modifica sorgente]

Classe Stagioni 1º GP 1º podio 1ª vittoria Gare Vittorie Podi Pole Giri più veloci Punti Titoli
125 2008-2010 Portogallo 2008 Gran Bretagna 2008 Italia 2010 46 10 14 14 9 467 1
Moto2 2011-2012 Qatar 2011 Francia 2011 Francia 2011 32 16 25 14 7 579 1
MotoGP 2013-2014 Qatar 2013 Qatar 2013 Austin 2013 29 16 26 18 19 607 1
Totale 2008-2014 107 42 65 46 28 1643 3

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Moto 125: Marquez campione del mondo, derapate.it. URL consultato l'11 agosto 2014.
  2. ^ Marc Marquez, Campione del Mondo Moto2 2012, motoblog.it, 30 novembre 2012. URL consultato l'11 agosto 2014.
  3. ^ MotoGP, Austin: Marquez strepitoso con una pole record. Vale solo 8°, gazzetta.it, 20 aprile 2013. URL consultato l'11 agosto 2014.
  4. ^ MotoGP: Marc Marquez è già il Rookie Of The Year 2013, motoblog.it, 8 settembre 2013. URL consultato il 20 agosto 2014.
  5. ^ MotoGP Valencia: Marc Marquez è nella storia! È il più giovane Campione del Mondo!, motograndprix.motorionline.com, 10 novembre 2013. URL consultato l'11 agosto 2014.
  6. ^ MotoGP Germania 2014: Marc Marquez vince ancora su Pedrosa e Lorenzo, Valentino Rossi 4°, Iannone 5°, motoblog.it, 13 luglio 2014. URL consultato l'11 agosto 2014.
  7. ^ MotoGP Indianapolis, Marquez eguaglia Agostini: 10° trionfo di fila. Podio Vale, 3°, gazzetta.it, 10 agosto 2014. URL consultato l'11 agosto 2014.
  8. ^ Non essendo stati percorsi i due terzi dei giri previsti, per il Gran Premio del Qatar è stata assegnata ai piloti la metà dei punti in palio.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]