Carlo Ubbiali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Ubbiali
17 Revival MV Agusta Cascina Costa 2010 - 296 - Carlo Ubbiali.jpg
Carlo Ubbiali nel 2010
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera nel Motomondiale
Esordio 1949 in classe 125
Stagioni dal 1949 al 1960
Mondiali vinti 9
GP disputati 74[1]
GP vinti 39
Podi 68
Giri veloci 34
 

Carlo Ubbiali (Bergamo, 22 settembre 1929) è un pilota motociclistico italiano, detentore di 9 titoli mondiali e per questo annoverato tra i più grandi campioni del motociclismo sportivo di tutti i tempi.

Ubbiali, solitamente passava oltre metà gara a studiare l'avversario e i suoi punti deboli, per poi attaccare nelle fasi finali o accontentarsi di un buon piazzamento, più attento alla classifica del campionato che alla singola vittoria. Per questa sua condotta, il pubblico e la stampa gli avevano assegnato il nomignolo "La volpe", mentre nell'ambiente era chiamato "Il cinesino", per la sua piccola statura, la corporatura minuta e gli occhi a mandorla.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Prese confidenza con le moto fin da ragazzino, lavorando nella concessionaria del padre. La prima gara di Carlo Ubbiali rappresentò la prima vittoria, ma anche la prima tragedia della sua vita. Dopo aver vinto con i fratelli Franco e Maurizio la Coppa di Bergamo del 1946, due amici rimasero uccisi in un incidente automobilistico, al ritorno dai festeggiamenti per la vittoria.

L'anno successivo partecipò al circuito di Mura, in sella a DKW 125 avuta in prestito, arrivando primo al traguardo; venne però squalificato quando si scoprì che non aveva ancora compiuti i 18 anni, al tempo l'età minima per gareggiare in moto.

Nel 1948, la sua presenza a Milano come meccanico della concessionaria MV Agusta del padre gli offrì l'occasione di proporsi a sostituire un pilota assente nella gara sul circuito della Fiera campionaria di Milano. Riuscì subito a ben figurare, conquistando il 2º posto, alle spalle di Nello Pagani. Sorpresi dalla grinta del giovane pilota, i responsabili della casa di Cascina Costa lo fecero partecipare anche alla successiva gara inaugurale per la riapertura del Circuito di Monza, dove ottenne il medesimo risultato, guadagnandosi un posto in squadra, pur con ingaggio al "minimo sindacale".

Nella stagione successiva la MV Agusta lo fece gareggiare in prestigiose competizioni di Regolarità come la "Sei Giorni" in Galles, durante la quale si aggiudicò una medaglia d'oro, e la massacrante "Valli Bergamasche", che concluse in 3ª posizione, oltre ad impiegarlo nel neonato Motomondiale, in classe 125, dove conquistò un promettente terzo posto in classifica, alle spalle di Renato Magi e del vincitore Nello Pagani. Visti i risultati conseguiti, Ubbiali avanzò la richiesta di aumento dell'ingaggio e fu rifiutata, lasciando spazio alle proposte della Moto Guzzi, della Mondial e della Moto Morini.

Nella stagione 1950 passò alla Mondial, con la quale riuscì a conquistare la prima vittoria iridata, vincendo il Gran Premio dell’Ulster sul circuito di Dundrod e giungere secondo nella classifica finale della 125, a pari merito con Gianni Leoni, entrambi alle spalle di Bruno Ruffo.

Durante la Milano-Taranto del 1950, Ubbiali fu protagonista di una gara rocambolesca, punteggiata da una serie di guasti improvvisi e di altrettante rimonte entusiasmanti, con le quali riguadagnava il tempo perduto. Giunto a due chilometri dalla tappa di Bari, dopo aver riagguantato la seconda posizione, la ghiera del contagiri si staccò, bloccando il motore della sua Mondial. Prese quindi a spingere la moto, anche aiutato dalla folla che faceva ala nella parte finale del percorso, fino a superare il traguardo, dove svenne stremato dagli sforzi. Non fece in tempo a conoscere il risultato per compiacersene, perché fu risvegliato dal direttore di gara che gli comunicava la squalifica a causa delle spinte ricevute.

La sua epopea ebbe inizio nel 1951, in un crescendo continuo di risultati che lo porteranno a vincere, in 10 stagioni, 9 campionati mondiali di velocità.

Nel 1952 accettò l'offerta della MV Agusta, nella cui squadra passò il resto della sua carriera sportiva. Al termine della stagione 1960, dopo aver ottenuto la nona vittoria iridata che lo poneva in cima alla graduatoria dei campioni plurititolati, annunciò il suo ritiro dalle gare.

I motivi del ritiro sono da ricercarsi nella prematura morte del fratello Maurizio, da sempre suo manager e consigliere tecnico, oltre alla decisione di sposarsi, ritenendo incompatibile la pericolosa professione del motociclista con quella del padre di famiglia. Ubbiali tornò a Bergamo ad occuparsi dell'officina paterna e, per diversi anni, continuò a frequentare il mondo del motociclismo sportivo, quale ascoltato consulente. Fu lui a prendersi cura del giovane conterraneo Giacomo Agostini e a caldeggiare il suo ingaggio al conte Domenico Agusta, nel 1964.

Il palmarès internazionale di Ubbiali si fregia di 6 mondiali della classe 125 e tre della classe 250; rimarchevole anche il fatto che in 5 occasioni si è aggiudicato il titolo con il massimo del punteggio raggiungibile in base ai regolamenti che prevedevano degli scarti. Ottenne in totale 39 vittorie e 68 podi, dimostrando un'intelligenza tattica non comune, senza per questo difettare di coraggio, come testimoniano le sue 5 vittorie al Tourist Trophy nell'Isola di Man. Occorre anche ricordare i 6 titoli nella classe 125 i 2 nella "250" conseguiti nel Campionato Italiano Velocità.

Risultati nel motomondiale[modifica | modifica sorgente]

Classe 125[modifica | modifica sorgente]

1949 Classe Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
125 MV Agusta NE 4 3 NE NE Rit 13[2]
1950 Classe Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
125 FB Mondial NE NE - NE 1 2 14[3]
1951 Classe Moto Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of France.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
125 FB Mondial 2 NE 2 NE Rit NE NE 1 20[4]
1952 Classe Moto Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Punti Pos.
125 FB Mondial NE 2 2 NE 2 Rit 2 Rit 24[5]
1953 Classe Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of France.svg Ulster banner.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Punti Pos.
125 MV Agusta Rit 2 NE 1 NE - NE 3 7 18[6]
1954 Classe Moto Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Ulster banner.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Punti Pos.
125 MV Agusta NE 2 - NE 3 3 NE 3 Rit 18[7]
1955 Classe Moto Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of Germany.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
125 MV Agusta 3 1 1 1 NE 1 NE 1 32[8][9]
1956 Classe Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
125 MV Agusta 1 1 1 2 1 1 32[10][11]
1957 Classe Moto Flag of Germany.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
125 MV Agusta 1 2 - - - 1 22[12]
1958 Classe Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
125 MV Agusta 1 1 5 1 3 1 Rit 32[13][14]
1959 Classe Moto Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of Germany.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
125 MV Agusta NE 5 1 1 1 2 2 30[15][16]
1960 Classe Moto Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
125 MV Agusta NE 1 1 3 NE 1 1 24[17][18]
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classe 250[modifica | modifica sorgente]

1955 Classe Moto Flag of Spain (1945 - 1977).svg Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of Germany.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
250 MV Agusta NE NE - - NE - - 1 8[19]
1956 Classe Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
250 MV Agusta 1 1 1 1 Rit 1 32[20][21]
1957 Classe Moto Flag of Germany.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
250 MV Agusta 1 Rit - - - Rit 8[22]
1958 Classe Moto Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Flag of Sweden.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
250 MV Agusta 2 2 NE Rit - Rit 3 16[23]
1959 Classe Moto Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of Germany.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Sweden.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
250 MV Agusta NE 2 1 2 NE 2 1 28[24][25]
1960 Classe Moto Flag of France.svg Flag of the Isle of Man.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of Germany.svg Ulster banner.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
250 MV Agusta NE 2 1 1 2 1 1 32[26][27]
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sono presi in considerazione solamente quelli in cui ha ottenuto punti validi per la classifica mondiale
  2. ^ Risultati del 1949 su Racingmemo.free
  3. ^ Risultati del 1950 su Racingmemo.free
  4. ^ Risultati del 1951 su Racingmemo.free
  5. ^ Risultati del 1952 su Racingmemo.free
  6. ^ Risultati del 1953 su Racingmemo.free
  7. ^ Risultati del 1954 su Racingmemo.free
  8. ^ I punti effettivamente conquistati sarebbero 44 ma, per le regole sugli scarti in vigore quell'anno, ne vengono conteggiati solamente 32
  9. ^ Risultati del 1955 su Racingmemo.free
  10. ^ I punti effettivamente conquistati sarebbero 46 ma, per le regole sugli scarti in vigore quell'anno, ne vengono conteggiati solamente 32
  11. ^ Risultati del 1956 su Racingmemo.free
  12. ^ Risultati del 1957 su Racingmemo.free
  13. ^ I punti effettivamente conquistati sarebbero 38 ma, per le regole sugli scarti in vigore quell'anno, ne vengono conteggiati solamente 32
  14. ^ Risultati del 1958 su Racingmemo.free
  15. ^ I punti effettivamente conquistati sarebbero 38 ma, per le regole sugli scarti in vigore quell'anno, ne vengono conteggiati solamente 30
  16. ^ Risultati del 1959 su Racingmemo.free
  17. ^ I punti effettivamente conquistati sarebbero 36 ma, per le regole sugli scarti in vigore quell'anno, ne vengono conteggiati solamente 24
  18. ^ Risultati del 1960 su Racingmemo.free
  19. ^ Risultati del 1955 su Racingmemo.free
  20. ^ I punti effettivamente conquistati sarebbero 40 ma, per le regole sugli scarti in vigore quell'anno, ne vengono conteggiati solamente 32
  21. ^ Risultati del 1956 su Racingmemo.free
  22. ^ Risultati del 1957 su Racingmemo.free
  23. ^ Risultati del 1958 su Racingmemo.free
  24. ^ I punti effettivamente conquistati sarebbero 34 ma, per le regole sugli scarti in vigore quell'anno, ne vengono conteggiati solamente 28
  25. ^ Risultati del 1959 su Racingmemo.free
  26. ^ I punti effettivamente conquistati sarebbero 44 ma, per le regole sugli scarti in vigore quell'anno, ne vengono conteggiati solamente 32
  27. ^ Risultati del 1960 su Racingmemo.free

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Roberto Patrignani, Carlo Ubbiali, Motociclismo d'Epoca n.5/1995, Edisport, Milano
  • Luca Delli Carri, Matti dalle gare, Fucina Editore, Milano, 2005
  • Alessandro Annoni, Roberto Colombo, un campione dimenticato. Brianze, n. 57 (marzo 2011), intervista a Carlo Ubbiali, p. 41-43.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]