The Show Must Go On (Pink Floyd)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Show Must Go On
ArtistaPink Floyd
Autore/iRoger Waters
GenereRock progressivo
Folk rock
Pubblicazione originale
IncisioneThe Wall
Data30 novembre 1979
(Regno Unito)
Data seconda pubblicazione8 dicembre 1979
(USA)
Durata1:36

The Show Must Go On è una canzone dei Pink Floyd, scritta interamente da Roger Waters, pubblicata nel 1979 all'interno dell'album The Wall.

Questa canzone non è stata inclusa né nel film Pink Floyd The Wall né nel concerto di Waters del 1990 The Wall - Live in Berlin.

Inoltre nella versione registrata nell'album mancano quattro versi che, tuttavia, compaiono nel testo di copertina:

"Do I have to stand up
Wild eyed in the spotlight
What a nightmare Why!
Don't I turn and run"

Dopo questi c'è il verso che effettivamente apre la canzone nell'album.

La canzone completa è stata eseguita durante il tour del 1980-1981, in seguito pubblicato nell'album Is There Anybody Out There?: The Wall Live 1980-1981.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il brano dura 1 minuto e 36 secondi ed è aperto dalle voci di un coro, per il quale Waters chiese l'aiuto di Bruce Johnston, cantante dei The Beach Boys.

Gli strumenti accompagnano dolcemente la voce di Gilmour, senza mai sovrastarla.

Il brano termina con la parola "On" mantenuta a lungo da Gilmour, per poi introdurre In the Flesh.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Come le altre canzoni nell'album The Wall, "The Show Must Go On" narra una parte della storia di Pink, il protagonista.

Nel brano lo "show" è una metafora che indica la vita di Pink, che deve andare avanti anche se isolata dalla società. Tuttavia, lo stress che questa scelta comporta causa l'allucinazione che comincia in In the Flesh.

La canzone può essere anche interpretata letteralmente, vale a dire che, anche se Pink si oppone o se ha problemi di salute, viene costretto dai suoi produttori ad esibirsi.

Esecutori[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Vernon Fitch, Richard Mahon, Comfortably Numb - A History of The Wall 1978-1981, 1ª ed., PFA Pub, 2006, ISBN 0-9777366-0-1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vernon Fitch, Richard Mahon, Comfortably Numb - A History of The Wall 1978-1981, 1ª ed., PFA Pub, 2006, ISBN 0-9777366-0-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo