Salicilato di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salicilato di sodio
SodiumSalicylate.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C7H5NaO3
Massa molecolare (u) 160,11 g/mol
Aspetto solido cristallino bianco
Numero CAS 54-21-7
Numero EINECS 200-198-0
PubChem 16760658
DrugBank DB01398
SMILES C1=CC=C(C(=C1)C(=O)[O-])O.[Na+]
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua ~ 1000 g/l (20 °C)
Temperatura di fusione 200 °C (473 K)
Indicazioni di sicurezza
Temperatura di autoignizione 250 °C (>523 K)
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H 302 - 319
Consigli P 260 - 305+351+338 [1]

Il salicilato di sodio è il sale di sodio dell'acido salicilico.

A temperatura ambiente si presenta come un solido cristallino bianco inodore.

Viene utilizzato in pirotecnica per composizioni del tipo "Whistle mix", cioè "miscele che fischiano", che contengono (in peso) il 70% di perclorato di potassio e il 30% di salicilato do sodio (oppure benzoato di sodio) e bruciano molto rapidamente.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: salicilati.

In medicina è utilizzato come analgesico e antipiretico, dal momento che agisce come un FANS, e induce apoptosi[2][3][4] e necrosi nelle cellule neoplastiche[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del salicilato di sodio su IFA-GESTIS
  2. ^ Lidija Klampfer, Jörg Cammenga, Hans-Georg Wisniewski, Stephen D. Nimer, Sodium Salicylate Activates Caspases and Induces Apoptosis of Myeloid Leukemia Cell Lines, in Blood, vol. 93, nº 7, 1º aprile 1999, pp. 2386–94, PMID 10090950. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  3. ^ Colin Rae, Susana Langa, Steven J. Tucker, David J. MacEwan, Elevated NF-κB responses and FLIP levels in leukemic but not normal lymphocytes: reduction by salicylate allows TNF-induced apoptosis, in Proceedings of the National Academy of Sciences of the USA, vol. 104, nº 31, 31 luglio 2007, pp. 12790–5, DOI:10.1073/pnas.0701437104, PMC 1937545, PMID 17646662. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  4. ^ Lesley A. Stark, et al, Aspirin activates the NF-κB signalling pathway and induces apoptosis in intestinal neoplasia in two in vivo models of human colorectal cancer, in Carcinogenesis, vol. 28, nº 5, 2007-05, pp. 968–76, DOI:10.1093/carcin/bgl220, PMID 17132819. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  5. ^ Paul Schwenger, Edward Y. Skolnik, Jan Vilcek, Inhibition of Tumor Necrosis Factor-induced p42/p44 Mitogen-Activated Protein Kinase Activation by Sodium Salicylate, in The Journal of Biological Chemistry, vol. 271, nº 14, 5 aprile 1996, pp. 8089–94, DOI:10.1074/jbc.271.14.8089, PMID 8626494. URL consultato il 21 febbraio 2011.
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia