Benzoato di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Benzoato di sodio
Formula di struttura
Sodium benzoate-substance.jpg
Nomi alternativi
E211
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC6H5COONa
Massa molecolare (u)144,11 g/mol
Aspettosolido bianco
Numero CAS532-32-1
Numero EINECS208-534-8
PubChem517055
SMILES
C1=CC=C(C=C1)C(=O)[O-].[Na+]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)1,44
Solubilità in acqua660 g/l (20 °C)
Temperatura di fusione410 °C (683 K)
Indicazioni di sicurezza
Punto di fiamma100 °C (>373 K)
Temperatura di autoignizione500 °C (>773 K)
Frasi H---
Consigli P--- [1]

Il benzoato di sodio è il sale di sodio dell'acido benzoico.

A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco inodore. Può essere prodotto facendo reagire idrossido di sodio con acido benzoico. È un conservante alimentare molto utilizzato, che viene indicato con la sigla E211.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Conservante[modifica | modifica wikitesto]

Il benzoato di sodio, insieme al paraidrossibenzoato fa parte della categoria dei conservanti antimicrobici a base di acido benzoico. Grazie alle sue proprietà batteriostatiche e fungistatiche, il benzoato di sodio è utilizzato come additivo alimentare (E211) in qualità di conservante, e svolge la sua azione a un pH ottimale acido, inferiore a 3,6. È utilizzato in alimenti acidi come le bevande gassate, le marmellate e i succhi di frutta, i sottaceti e in condimenti vari. È anche usato come conservante in medicinali e cosmetici.[2][3] La concentrazione come conservante alimentare è limitata dalla FDA negli USA allo 0,1% in peso.[4] Questo perché esistono degli studi della FDA secondo cui, in particolari condizioni, in presenza di acido ascorbico (vitamina C) si possono formare tracce di benzene, un noto cancerogeno [5]. Il benzoato di sodio è anche ammesso come additivo alimentare per animali fino allo 0,1%, secondo la pubblicazione ufficiale della commissione per gli affari costituzionali (AFCO) del Parlamento europeo.[6] Nel Regno Unito il benzoato di sodio è stato sostituito dal sorbato di potassio nella maggior parte delle bevande analcoliche.[7]

Applicazioni farmaceutiche[modifica | modifica wikitesto]

Il benzoato di sodio è usato come trattamento per i disturbi del ciclo dell'urea grazie alla sua capacità di legare gli amminoacidi.[8][9] Questo porta all'escrezione degli amminoacidi e alla diminuzione dei livelli di ammoniaca. Ricerche recenti dimostrano che il benzoato di sodio può essere utile come terapia aggiuntiva (1 grammo / giorno) nella schizofrenia.[10][11][12] I punteggi totali della scala della sindrome positiva e negativa scendono del 21% rispetto al placebo.

Altri usi[modifica | modifica wikitesto]

Il benzoato di sodio viene anche usato nei fuochi d' artificio per creare una polvere che emette un fischio quando viene compressa in un tubo e innescata.

Meccanismo di conservazione degli alimenti[modifica | modifica wikitesto]

L'acido benzoico viene inizialmente assorbito dalla cellula. Se il pH intracellulare scende a 5 o meno, la fermentazione anaerobica del glucosio attraverso la fosfofruttochinasi diminuisce bruscamente,[13] ciò inibisce la crescita e la sopravvivenza di microrganismi che causano il deterioramento del cibo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Separazione di benzoato di sodio con acqua

Il benzoato di sodio viene prodotto dalla neutralizzazione dell'acido benzoico con idrossido di sodio.[14] Il benzoato di sodio può anche essere preparato aggiungendo acido benzoico ad una soluzione concentrata calda di carbonato di sodio fino alla cessazione dell'effervescenza. La soluzione viene quindi evaporata, raffreddata e lasciata cristallizzare o evaporare a secchezza e quindi granulata.

Salute e sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti, il benzoato di sodio è riconosciuto come generalmente sicuro dalla Food and Drug Administration.[15] Il programma internazionale sulla sicurezza chimica non ha riscontrato effetti avversi nell'uomo per dosi di 647-825 mg / kg di peso corporeo al giorno.[16][17]

I gatti hanno una tolleranza significativamente inferiore nei confronti dell'acido benzoico e i suoi sali rispetto ai ratti e ai topi.[18]

Acido benzoico nelle bevande analcoliche[modifica | modifica wikitesto]

In combinazione con l'acido ascorbico (vitamina C, E300), il benzoato di sodio e il benzoato di potassio possono formare il benzene, un noto cancerogeno.[5] Secondo dei test effettuati dalla FDA, la maggior parte delle bevande contenenti acido ascorbico e benzoato avevano livelli di benzene inferiori a quelli considerati pericolosi per il consumo dall'Organizzazione mondiale della sanità (5 ppb).[19] Il calore e la luce possono aumentare la velocità con cui si forma il benzene.

Iperattività[modifica | modifica wikitesto]

Una ricerca pubblicata nel 2007 per la Food Standards Agency (FSA) del Regno Unito, suggerisce che alcuni coloranti artificiali, abbinati al benzoato di sodio, possono essere collegati al comportamento iperattivo. I risultati sono incoerenti per quanto riguarda il benzoato di sodio, quindi la FSA ha raccomandato ulteriori studi.[20][21][22] La FSA ha concluso che gli aumenti del comportamento iperattivo sono reali, ma sono più probabilmente collegati ai colori artificiali piuttosto che al benzoato di sodio.[23]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del benzoato di sodio su IFA-GESTIS
  2. ^ (EN) http://www.cosmeticsdatabase.com/product.php?prod_id=49779, su www.cosmeticsdatabase.com. URL consultato l'8 marzo 2018.
  3. ^ (EN) Robitussin (Guaifenesin) - RxMed.com, su www.rxmed.com. URL consultato l'8 marzo 2018.
  4. ^ CFR - Code of Federal Regulations Title 21, su www.accessdata.fda.gov. URL consultato l'8 marzo 2018.
  5. ^ a b FDA re-opens probe into benzene contamination of soft drinks, beveragedaily.com. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  6. ^ AFCO (2004). "Pubblicazione ufficiale": 262
  7. ^ Mike Saltmarsh, Recent trends in the use of food additives in the United Kingdom, in Journal of the Science of Food and Agriculture, vol. 95, nº 4, 15 marzo 2015, pp. 649–652, DOI:10.1002/jsfa.6715, PMID 24789520. URL consultato l'8 marzo 2018.
  8. ^ Johannes Häberle, Nathalie Boddaert e Alberto Burlina, Suggested guidelines for the diagnosis and management of urea cycle disorders, in Orphanet Journal of Rare Diseases, vol. 7, 29 maggio 2012, pp. 32, DOI:10.1186/1750-1172-7-32, PMID 22642880. URL consultato l'8 marzo 2018.
  9. ^ Bridget Wilcken, Problems in the management of urea cycle disorders, in Molecular Genetics and Metabolism, 81 Suppl 1, April 2004, pp. S86–91, DOI:10.1016/j.ymgme.2003.10.016, PMID 15050980. URL consultato l'8 marzo 2018.
  10. ^ (EN) Hsien-Yuan Lane, Ching-Hua Lin e Michael F. Green, Add-on Treatment of Benzoate for Schizophrenia, in JAMA Psychiatry, vol. 70, nº 12, 1º dicembre 2013, DOI:10.1001/jamapsychiatry.2013.2159. URL consultato l'8 marzo 2018.
  11. ^ (EN) Digest of Neurology and Psychiatry, Institute of Living., 1959. URL consultato l'8 marzo 2018.
  12. ^ (EN) University of Michigan Mental Health Research Institute, Mental Health Research Institute Staff Publications, UM Libraries, 1958. URL consultato l'8 marzo 2018.
  13. ^ H A Krebs, D Wiggins e M Stubbs, Studies on the mechanism of the antifungal action of benzoate., in Biochemical Journal, vol. 214, nº 3, 15 settembre 1983, pp. 657–663, PMID 6226283. URL consultato l'8 marzo 2018.
  14. ^ BENZOIC ACID AND SODIUM BENZOATE, su www.inchem.org. URL consultato l'8 marzo 2018.
  15. ^ CFR - Code of Federal Regulations Title 21, su www.accessdata.fda.gov. URL consultato l'8 marzo 2018.
  16. ^ BENZOIC ACID AND SODIUM BENZOATE, su www.inchem.org. URL consultato l'8 marzo 2018.
  17. ^ B. Nair, Final report on the safety assessment of Benzyl Alcohol, Benzoic Acid, and Sodium Benzoate, in International Journal of Toxicology, 20 Suppl 3, 2001, pp. 23–50. URL consultato l'8 marzo 2018.
  18. ^ P. G. Bedford e E. G. Clarke, Experimental benzoic acid poisoning in the cat, in The Veterinary Record, vol. 90, nº 3, 15 gennaio 1972, pp. 53–58. URL consultato l'8 marzo 2018.
  19. ^ Patricia J. Nyman, Gregory W. Diachenko e Gracia A. Perfetti, Survey Results of Benzene in Soft Drinks and Other Beverages by Headspace Gas Chromatography/Mass Spectrometry, in Journal of Agricultural and Food Chemistry, vol. 56, nº 2, 1º gennaio 2008, pp. 571–576, DOI:10.1021/jf072479l. URL consultato l'8 marzo 2018.
  20. ^ (EN) Food Standards Agency, Food Standards Agency - Food Standards Agency issues revised advice on certain artificial colours, su www.food.gov.uk. URL consultato l'8 marzo 2018.
  21. ^ (EN) Food Colorings and Hyperactivity - Myomancy, in Myomancy, 7 settembre 2007. URL consultato l'8 marzo 2018.
  22. ^ (EN) Food Standards Agency, Food Standards Agency - Agency revises advice on certain artificial colours, su www.food.gov.uk. URL consultato l'8 marzo 2018.
  23. ^ (EN) Food Standards Agency, Food Standards Agency - Agency revises advice on certain artificial colours, su www.food.gov.uk. URL consultato l'8 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia