Clometacina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Clometacina
Nome IUPAC
Acido 2-[3-(4-clorobenzoil)-6-metossi-2-metilindol-1-yl] acetico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC19H16ClNO4
Massa molecolare (u)357.78764 g/mol
Numero CAS25803-14-9
Numero EINECS247-271-3
PubChem33176
SMILES
CC1=C(C2=C(N1CC(=O)O)C=C(C=C2)OC)C(=O)C3=CC=C(C=C3)Cl
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeuticaFANS
Modalità di
somministrazione
Orale
Dati farmacocinetici
Metabolismo15% ca. epatico
Escrezionerenale e biliare
Indicazioni di sicurezza

La clometacina è un farmaco avente attività antinfiammatoria introdotto in Francia e successivamente in altri paesi europei a partire dal 1971.

Caratteristiche strutturali e fisiche[modifica | modifica wikitesto]

La clometacina è un analgesico strutturalmente simile all'indometacina.

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

Il farmaco viene rapidamente escreto nelle urine e nelle feci.[1][2][3]

Nel ratto oltre l'85% del farmaco viene escreto immodificato.[1]

Uno dei metaboliti, l'acido 1-(2-metil-3-p-cloro fenilcarbinol-6-idrossi) indolacetico è escreto esclusivamente per via renale.[1] Nelle scimmie e nell'uomo la clometacina non viene metabolizzata.

L'eliminazione urinaria nella scimmia varia dall'80% al 90% del farmaco somministrato, mentre nell'uomo la percentuale di escrezione per via urinaria è decisamente più bassa (dal 14% a 33%). L'escrezione urinaria è rapida (più dell'80% entro le prime 24 ore).[4]

Il legame della clometacina alle proteine plasmatiche, ed in particolare alla albumina cui si lega a diversi siti, raggiunge la percentuale del 99% ai livelli terapeutici.[5]

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

La clometacina è indicata per alleviare dolori acuti post-operatori, traumatici, o reumatici.

Posologia e vie di somministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Per via orale, in quantità di 900 mg al giorno, somministrati in più dosi. Non può essere assunta per più di 10 giorni consecutivi.

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

Effetti collaterali relativamente comuni sono gastralgia, nausea, vomito e vertigini.

In corso di trattamento con clometacina sono stati osservati casi di epatiti acute o croniche[6][7] di tipo citolitico o misto, colangiti e pericolangiti.[8][9][10]

I soggetti che sviluppano epatite sono tendenzialmente anziani,[11][12][13] e fra essi la predominanza del sesso femminile è notevole.[14]

La presenza di una serie di autoanticorpi (anti-muscolo liscio, anti-actina, anti-nucleo, anti-DNA nativo)[15] ha fatto ritenere che la clometacina determini lo sviluppo in alcuni soggetti di una sindrome molto simile alla epatite autoimmune cronica attiva (epatite lupoide)[13][14][16]

In letteratura sono stati inoltre segnalati casi di insufficienza renale reversibile,[17][18] di trombocitopenia,[19] di anemia emolitica,[20] di porpora[21][22] e di orticaria.

Controindicazioni e precauzioni d'uso[modifica | modifica wikitesto]

L'uso del farmaco è controindicato nei pazienti allergici alla clometacina e all'indometacina, nei bambini, nelle donne gravide o durante il periodo di allattamento.

La clometacina è inoltre controindicata nei pazienti con anamnesi positiva per epatopatia ed in tutti quei soggetti nei quali si abbia ragione di credere l'esistenza di lesioni epatiche o renali in atto.

Tutti i pazienti che si trovano in situazione di ipoperfusione renale presentano una probabilità più elevata di sviluppare insufficienza renale acuta in corso di terapia con clometacina.

Per tale motivo durante la somministrazione di clometacina è consigliabile mantenere una diuresi sufficiente e sorvegliare attentamente le funzioni renali.

Interazioni[modifica | modifica wikitesto]

È sconsigliata l'associazione sia con antinfiammatori non steroidei, che presentano gli stessi effetti nocivi sul rene, sia con sali di litio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (FR) Van Cantfort J, De Graeve J, Hercelin B, Gielen JE, [Clometacin--1. Metabolism and bioavailability of clometacin and its metabolites in the rat], in J Pharm Belg, vol. 37, nº 6, 1982, pp. 401–9, PMID 7161699.
  2. ^ (FR) Hercelin B, Mary I, Nung VN, Drouet A, Devissaguet JP, [Clometacin. 5. Pharmacokinetic study of a fast-acting form in man], in J Pharm Belg, vol. 40, nº 3, 1985, pp. 159–62, PMID 4032212.
  3. ^ (FR) Hercelin B, Mary I, Nung VN, Devissaguet JP, [Clometacin. IV. Research of a fast-acting oral pharmaceutic form; galenic and pharmacokinetic studies in animals], in J Pharm Belg, vol. 40, nº 1, 1985, pp. 14–8, PMID 3989658.
  4. ^ (FR) Van Cantfort J, Mary I, Gielen JE, [Clometacin--2. Metabolism and bioavailability in the monkey and in man], in J Pharm Belg, vol. 37, nº 6, 1982, pp. 410–7, PMID 7161700.
  5. ^ Zini R, Barre J, D'Athis P, Tillement JP, Binding of clometacin to human serum albumin. Interactions with clofibrate, indomethacin, salicylic acid and warfarin, in Biochem. Pharmacol., vol. 32, nº 19, ottobre 1983, pp. 2909–14, PMID 6626262.
  6. ^ (FR) Petit J, Moreau A, Legendre C, Bodin F, [Chronic active hepatitis caused by clometacin ; 2 cases], in Gastroenterol. Clin. Biol., vol. 5, nº 11, novembre 1981, pp. 1068–9, PMID 7308683.
  7. ^ (FR) Spreux A, Larousse C, [Clometacin hepatitis collected by pharmacovigilance hospital centers (author's transl)], in Therapie, vol. 36, nº 3, 1981, pp. 293–7, PMID 7292407.
  8. ^ (FR) Hillion D, Felsenheld C, Oberlin P, Eugène C, Bruet A, [Pericholangitis in an adult treated with clometacin], in Gastroenterol. Clin. Biol., vol. 7, nº 12, dicembre 1983, pp. 1038–9, PMID 6662324.
  9. ^ (FR) Furet Y, Breteau M, [Hepatic complications of clometacin], in Therapie, vol. 39, nº 5, 1984, pp. 523–9, PMID 6506009.
  10. ^ (FR) Andrieu J, Doll J, Gardon JD, Rambaud S, [Hepatitis caused by clometacin and asymptomatic primary biliary cirrhosis], in Ann Gastroenterol Hepatol (Paris), vol. 25, nº 6, novembre 1989, pp. 259–60, PMID 2619254.
  11. ^ Pessayre D, Degos F, Feldmann G, Degott C, Bernuau J, Benhamou JP, Chronic active hepatitis and giant multinucleated hepatocytes in adults treated with clometacin, in Digestion, vol. 22, nº 2, 1981, pp. 66–72, PMID 7274607.
  12. ^ (FR) Pariente EA, Hamoud A, Goldfain D, et al., [Hepatitis caused by clometacin (Dupéran). Retrospective study of 30 cases. A model of autoimmune drug-induced hepatitis?], in Gastroenterol. Clin. Biol., vol. 13, nº 10, ottobre 1989, pp. 769–74, PMID 2687071.
  13. ^ a b (FR) Braillon A, Capron JP, Quichaud J, [Acute hepatitis caused by clometacin. Value of the assay of antinuclear and anti-smooth muscle antibodies], in Gastroenterol. Clin. Biol., vol. 7, nº 3, marzo 1983, pp. 318–9, PMID 6602077.
  14. ^ a b Islam S, Mekhloufi F, Paul JM, et al., Characteristics of clometacin-induced hepatitis with special reference to the presence of anti-actin cable antibodies, in Autoimmunity, vol. 2, nº 3, 1989, pp. 213–21, PMID 2491606.
  15. ^ (FR) Métreau JM, André C, Zafrani ES, Saint-Marc Girardin MF, Caruana A, Dhumeaux D, [Chronic active hepatitis associated with anti-native DNA antibodies: incidence of drug etiology], in Gastroenterol. Clin. Biol., vol. 8, nº 11, novembre 1984, pp. 833–7, PMID 6396151.
  16. ^ (FR) Lamouliatte H, Quinton A, Becouard Y, Delteil L, [Clometacin, chronic active hepatitis and markers of autoimmunity], in Gastroenterol. Clin. Biol., vol. 6, 8-9, 1982, pp. 715–6, PMID 7129023.
  17. ^ (FR) Monnin E, Bories P, Canaud B, et al., [Acute renal failure and hepatitis induced by clometacin], in Gastroenterol. Clin. Biol., vol. 8, nº 3, marzo 1984, pp. 264–8, PMID 6714562.
  18. ^ (FR) Jacquot C, Hornych A, d'Auzac de la Martinie C, Bariéty J, [Acute renal insufficiency caused by clometacin. Relapse with diclofenac. Inhibition of the synthesis of prostaglandins], in Rev Med Interne, vol. 3, nº 4, dicembre 1982, pp. 349–51, PMID 7163673.
  19. ^ (FR) Seigneuric C, Oksman F, Tkaczuk J, Plantavid M, Damoran J, Lala JL, [Hepatitis and autoimmune thrombopenia during treatment with clometacin], in Presse Med, vol. 12, nº 2, gennaio 1983, pp. 106–7, PMID 6221316.
  20. ^ (FR) Rongere C, Raffin C, Homberg JC, Huguier M, [Immunoallergic hemolytic anemia. Discussion on the role of clometacin], in Presse Med, vol. 16, nº 17, maggio 1987, p. 831, PMID 2954109.
  21. ^ (FR) Monegier Du Sorbier H, Canault Y, Barbarin Y, [Acute thrombopenic purpura : responsibility of clometacin], in Nouv Presse Med, vol. 9, nº 7, febbraio 1980, p. 458, PMID 7189056.
  22. ^ (FR) Priollet P, Herson S, Sainte-Laudy J, Mouthon JM, Godeau P, [Thrombopenic purpura during treatment with clometacin], in Nouv Presse Med, vol. 10, nº 35, ottobre 1981, pp. 2904–5, PMID 7197353.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina