Benzidammina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Benzidamina)
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Benzidammina
Benzydamine-2D-skeletal.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C19H23N3O
Massa molecolare (u) 309,41
Numero CAS 642-72-8
Numero EINECS 211-388-8
Codice ATC A01AD02
G02CC03
PubChem 12555
DrugBank DB09084
SMILES CN(C)CCCOC1=NN(C2=CC=CC=C21)CC3=CC=CC=C3
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302 - 319
Consigli P 305+351+338 [1]

La benzidammina (o, meno correttamente, benzidamina) è un principio attivo anti-infiammatorio appartenente alla famiglia dei FANS, sottogruppo dei non-acidi. Agisce con due meccanismi: inibendo l'enzima fosfolipasi A2, che degrada i fosfolipidi di membrana per il rilascio di acido arachidonico e, a concentrazioni elevate, anche sulla ciclossigenasi rallentando quindi la conversione dell'acido arachidonico a prostaglandine, principali mediatrici endogene dell'infiammazione e del dolore. A differenza di altri FANS la benzidammina, se utilizzata alle dosi terapeutiche, non inibisce la ciclossigenasi né la lipossigenasi e non sarebbe causa della patologia ulcerosa gastro-duodenale.

Tossicità[modifica | modifica wikitesto]

In genere la benzidammina è ben tollerata, salva la possibilità, come per ogni farmaco, di reazioni allergiche. È stata segnalata occasionalmente una sensazione di pizzicore in caso d'impiego nel cavo orale. Sono segnalati casi d'intossicazione determinati da uso improprio e voluttuario della benzidammina, particolarmente in Brasile, Polonia e Romania. A dosaggi piuttosto elevati, dai 500 ai 3000 miligrammi, la benzidammina ha effetti psicotropi. A tali dosaggi agisce sul sistema dopamminergico, determinando sensazioni di euforia. A dosi più alte si riscontrano allucinazioni, ideazione paranoidea, secchezza delle fauci e convulsioni.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 20.09.2012, riferita al cloridrato

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]