Valdecoxib

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Valdecoxib
{{{immagine1_descrizione}}}
Nome IUPAC
4-(5-metil-3-fenilisossazol-4-il)benzenesulfonamide
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C16H14N2O3S
Massa molecolare (u) 314,364
Numero CAS [181695-72-7]
Codice ATC M01AH03
PubChem 119607
DrugBank DB00580
SMILES O=S(=O)(N)c3ccc(c2c(onc2c1ccccc1)C)cc3
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Orale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità 83%
Metabolismo Epatico
Emivita da 8 a 11 ore
Escrezione Renale
Indicazioni di sicurezza

Valdecoxib è un farmaco anti-infiammatorio non steroideo (FANS) appartenente alla famiglia degli inibitori selettivi della COX-2[1] usato nel trattamento del dolore in soggetti affetti da osteoartiti, artrite reumatoide, e nel trattamento dei sintomi mestruali.[2][3] Il farmaco è stato disponibile sul mercato americano dal 2001 al 2005, quando è stato ritirato per un possibile aumento del rischio di infarto del miocardio e ictus. In Italia ed Europa la molecola era venduta dalla società farmaceutica Pharmacia-Pfizer con il nome commerciale di Bextra, nella forma farmaceutica di compresse rivestite contenenti 20 mg di principio attivo. Nell'aprile 2005 l'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) disponeva il ritiro dal commercio del farmaco adottando il provvedimento a seguito della decisione autonoma della casa farmaceutica Pfizer, "a scopo cautelativo" ed in attesa della conclusione della procedura di rivalutazione dei profili di sicurezza di tutta la classe degli inibitori della Cox-2 in corso da parte di EMEA.[4]

Farmacodinamica[modifica | modifica sorgente]

Valdecoxib, come anche altre molecole appartenenti ai coxib, si caratterizza per l'inibizione selettiva dell'isoforma 2 dell'enzima ciclossigenasi (COX-2). L'inibizione della COX-2 determina una riduzione della formazione di prostaglandine (PG) a partire dall'acido arachidonico. Le prostaglandine esercitano diverse funzioni e fra queste in particolare svolgono un ruolo nell'infiammazione. Valdecoxib inibisce la sintesi dei mediatori prostanoidi che sono coinvolti nel dolore, nell’infiammazione e nella febbre. La molecola esercita un'azione decisamente meno marcata sull'attività dell'isoforma 1 (COX-1) dell'enzima ciclossigenasi. L'azione selettiva sulla ciclossigenasi 2 comporta una riduzione della tossicità gastrointestinale del farmaco rispetto ad altri inibitori non selettivi. Valdecoxib quindi si associerebbe ad una più bassa incidenza di sanguinamento dal tratta gastrointestinale superiore.

Farmacocinetica[modifica | modifica sorgente]

Valdecoxib dopo somministrazione per via orale è rapidamente assorbito dal tratto gastrointestinale. La concentrazione plasmatica massima viene raggiunta entro 3 ore. La biodisponibilità assoluta del farmaco a seguito di somministrazione orale si aggira intorno all’83 %. L'assunzione del farmaco con un pasto ricco di grassi non modifica significativamente il picco di concentrazione plasmatica (Cmax)e neppure il grado di assorbimento della molecola. Il tempo necessario per raggiungere il picco plasmatico (Tmax) risulta ritardato di un paio d'ore. Similmente l'assunzione di antiacidi non determina significative variazioni dei parametri citati.

Usi clinici[modifica | modifica sorgente]

Valdecoxib viene utilizzato nel trattamento sintomatico del dolore associato all’osteoartrosi[5][6] e all’artrite reumatoide.[7][8] Viene utilizzato anche in caso di dolore derivante da dismenorrea primaria e secondario ad interventi chirurgici,[9][10] in particolare del cavo orale.[11][12]

Effetti collaterali ed indesiderati[modifica | modifica sorgente]

In corso di trattamento con valdecoxib sono stati evidenziati effetti indesiderati a carico dell'apparato gastrointestinale, e fra questi dispepsia, eruttazione, secchezza delle fauci, senso di fastidio e pienezza gastrica, nausea e vomito, dolore addominale, flatulenza, diarrea, esofagite, gastrite, duodenite, ulcera peptica (gastroduodenale). Relativamente comuni anche alcune infezioni quali sinusite ed infezioni del tratto urinario. Sono possibili anche effetti avversi di natura psichiatrica e coinvolgente il sistema nervoso, quali capogiro, cefalea, sincope, ansia, insonnia, depressione, irrequietezza. Molro raramente sono state segnalate allucinazioni e stato confusionale. In alcuni soggetti sono stati segnalati rash cutaneo ed altre eruzioni cutanee, necrolisi epidermica tossica, anemia, innalzamento delle transaminasi epatiche (ALT ed AST), della fosfatasi alcalina e con minore frequenza ittero, epatite e pancreatite.

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

Il farmaco è controindicato nei pazienti con ipersensibilità nota al principio attivo oppure ad uno qualsiasi degli eccipienti utilizzati nella formulazione farmaceutica. Inoltre non deve essere assunto da soggetti con ulcera peptica attiva oppure sanguinamento gastrointestinale attivo, reazioni allergiche (quali a titolo d'esempio rinite acuta, polipi nasali, broncospasmo, orticaria, edema angioneurotico) dopo l'assunzione di aspirina o altri FANS (farmaci antiinfiammatori non steroidei). Ulteriori controindicazioni sono le malattie infiammatorie croniche dell’intestino, l'insufficienza cardiaca congestizia grave, la grave insufficienza epatica così come la gravidanza e l'allattamento al seno.

Dosi terapeutiche[modifica | modifica sorgente]

Valdecoxib viene assunto per via orale, con o senza cibo. I dosaggi giornalieri raccomandati nell'adulto sono:

  • Osteoartrosi e artrite reumatoide: 10 mg una volta al giorno. Un numero limitato di pazienti può ulteriormente migliorare impiegando 20 mg, sempre in monosomministrazione. In ogni caso la dose massima raccomandata è pari a 20 mg, una volta al giorno.
  • Dismenorrea primaria: la dose normalmente utilizzabile per il trattamento sintomatico è pari a 40 mg, una sola volta al giorno, esclusivamente in caso di bisogno. Il dosaggio massimo raccomandato non deve oltrepassare i 40 mg, sempre una volta al giorno.

Nei pazienti anziani (età superiore ai 65 anni), e in special modo negli anziani di costituzione fisica esile (indicativamente peso corporeo inferiore ai 50 kg), il trattamento deve essere iniziato alla dose più bassa consigliata per l’osteoartrosi e l’artrite reumatoide, ovvero 10 mg, una volta al giorno.

Sintesi[modifica | modifica sorgente]

Valdecoxib Rxn.png Fonte:[13]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Valdecoxib (Bextra)--a new cox-2 inhibitor. in Med Lett Drugs Ther, vol. 44, n. 1129, aprile 2002, pp. 39-40. PMID 11981510.
  2. ^ JJ. Talley, DL. Brown; JS. Carter; MJ. Graneto; CM. Koboldt; JL. Masferrer; WE. Perkins; RS. Rogers; AF. Shaffer; YY. Zhang; BS. Zweifel, 4-[5-Methyl-3-phenylisoxazol-4-yl]- benzenesulfonamide, valdecoxib: a potent and selective inhibitor of COX-2. in J Med Chem, vol. 43, n. 5, marzo 2000, pp. 775-7. PMID 10715145.
  3. ^ F. Camu, T. Beecher; DP. Recker; KM. Verburg, Valdecoxib, a COX-2-specific inhibitor, is an efficacious, opioid-sparing analgesic in patients undergoing hip arthroplasty. in Am J Ther, vol. 9, n. 1, Gen-Feb 2002, pp. 43-51. PMID 11782819.
  4. ^ AIFA, Ritirato dal commercio antinfiammatorio Bextra, 11.04.2005. URL consultato l'11 aprile 2013..
  5. ^ W. Makarowski, WW. Zhao; T. Bevirt; DP. Recker, Efficacy and safety of the COX-2 specific inhibitor valdecoxib in the management of osteoarthritis of the hip: a randomized, double-blind, placebo-controlled comparison with naproxen. in Osteoarthritis Cartilage, vol. 10, n. 4, aprile 2002, pp. 290-6. DOI:10.1053/joca.2001.0510, PMID 11950252.
  6. ^ D. Ormrod, K. Wellington; AJ. Wagstaff, Valdecoxib. in Drugs, vol. 62, n. 14, 2002, pp. 2059-71; discussion 2072-3. PMID 12269850.
  7. ^ W. Bensen, A. Weaver; L. Espinoza; WW. Zhao; W. Riley; B. Paperiello; DP. Recker, Efficacy and safety of valdecoxib in treating the signs and symptoms of rheumatoid arthritis: a randomized, controlled comparison with placebo and naproxen. in Rheumatology (Oxford), vol. 41, n. 9, settembre 2002, pp. 1008-16. PMID 12209034.
  8. ^ JE. Edwards, HJ. McQuay; RA. Moore, Efficacy and safety of valdecoxib for treatment of osteoarthritis and rheumatoid arthritis: systematic review of randomised controlled trials. in Pain, vol. 111, n. 3, ottobre 2004, pp. 286-96. DOI:10.1016/j.pain.2004.07.004, PMID 15363872.
  9. ^ GP. Joshi, Valdecoxib for the management of chronic and acute pain. in Expert Rev Neurother, vol. 5, n. 1, gennaio 2005, pp. 11-24. DOI:10.1586/14737175.5.1.11, PMID 15853470.
  10. ^ C. Fenton, GM. Keating; AJ. Wagstaff, Valdecoxib: a review of its use in the management of osteoarthritis, rheumatoid arthritis, dysmenorrhoea and acute pain. in Drugs, vol. 64, n. 11, 2004, pp. 1231-61. PMID 15161329.
  11. ^ SE. Daniels, PJ. Desjardins; S. Talwalker; DP. Recker; KM. Verburg, The analgesic efficacy of valdecoxib vs. oxycodone/acetaminophen after oral surgery. in J Am Dent Assoc, vol. 133, n. 5, maggio 2002, pp. 611-21; quiz 625. PMID 12036167.
  12. ^ J. Fricke, J. Varkalis; S. Zwillich; R. Adler; E. Forester; DP. Recker; KM. Verburg, Valdecoxib is more efficacious than rofecoxib in relieving pain associated with oral surgery. in Am J Ther, vol. 9, n. 2, Mar-Apr 2002, pp. 89-97. PMID 11897923.
  13. ^ John J. Talley, David L. Brown, Jeffery S. Carter, Matthew J. Graneto, Carol M. Koboldt, Jaime L. Masferrer, 4-[5-Methyl-3-phenylisoxazol-4-yl]- benzenesulfonamide, Valdecoxib: A Potent and Selective Inhibitor of COX-2 in Journal of Medicinal Chemistry, vol. 43, n. 5, 2000, pp. 775–777. DOI:10.1021/jm990577v.