Sulfinpirazone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sulfinpirazone
Sulfinpyrazone.svg
Nome IUPAC
1,2-di(fenil)-4-(2-fenilsulfiniletil)pirazolidina-3,5-dione
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C23H20N2O3S
Massa molecolare (u) 404,4815 g/mol
Numero CAS 57-96-5
Numero EINECS 200-357-4
Codice ATC M04AB02
PubChem 5342
DrugBank DB01138
SMILES C1=CC=C(C=C1)N2C(=O)C(C(=O)N2C3=CC=CC=C3)CCS(=O)C4=CC=CC=C4
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H 302
Consigli P ---[1]

Il sulfinpirazone è il principio attivo di indicazione specifica trattamento della profilassi post-infarto.

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

È utilizzato come medicinale in cardiologia nella previdenza delle complicanze cardiache in special modo dell'infarto miocardico acuto. Il Sulfinpirazone è usato anche nel trattamento dell'iperuricemia e della gotta cronica data la sua attività uricosurica,infatti tale farmaco inibisce,per competizione,il processo attivo di scambio anionico nel tubulo contorto prossimale prevenendo il riassorbimento dell'acido urico.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Controindicata in caso di continue perdite di sangue e sconsigliata durante l'allattamento.

Dosaggi[modifica | modifica wikitesto]

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Il sulfinpirazone inibisce il riassorbimento tubulare dell’acido urico, la cui escrezione renale viene quindi aumentata.

L’effetto uricosurico del sulfinpirazone, somministrato per bocca si prolunga fino a 10 ore.

Inoltre, il sulfinpirazone influenza le interazioni fra le piastrine del sangue ed i vasi sanguigni riducendo l’adesività e l’aggregazione delle piastrine in vari modelli in vivo, ex vivo, e in vitro ed inibendo la reazione di rilascio delle piastrine in certe malattie vascolari (per es. arteriosclerosi).

Probabilmente è importante in questo contesto la capacità del sulfinpirazone di interferire con la sintesi delle prostaglandine da parte delle piastrine.

Nell’uomo, l’inibizione dell’aggregazione piastrinica è più prolungata del periodo di circolazione del sulfinpirazone nel plasma; questa attività prolungata può essere ascritta al metabolita del sulfinpirazone escreto lentamente.

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni degli effetti indesiderati sono ipotensione, cefalea, dolore toracico, bradicardia, nausea, vomito, febbre, iperuricemia, affaticamento, rash.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 24.10.2012

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • British national formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.
  • Lusofarmaco, Farmabank 2006, Salerno, momento medico, 2005.
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina