Clorato di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clorato di sodio
Sodium chlorate.jpg
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare NaClO3
Massa molecolare (u) 106,44 g/mol
Aspetto solido incolore o bianco
Numero CAS 7775-09-9
Numero EINECS 231-887-4
PubChem 24487
SMILES O=Cl(=O)[O-].[Na+]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 2,49 (15 °C)
Solubilità in acqua 1010 g/l (20 °C)
Temperatura di fusione 255 °C (528 K) (decomposizione)
Temperatura di ebollizione 300 °C (573 K) (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante comburente pericoloso per l'ambiente
pericolo
Frasi H 271 - 302 - 411
Consigli P 210 - 221 - 273 [1]

Il clorato di sodio è il sale di sodio dell'acido clorico.

A temperatura ambiente si presenta come un solido incolore o bianco inodore. È un composto nocivo.

Cristallizza in due tipi di cristalli chirali enantiometrici fra loro.

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Può essere sintetizzato facendo reagire del gas cloro con dell'idrossido di sodio ad alte temperature.

3Cl2 + 6NaOH → 5NaCl + NaClO3 + 3H2O

o far sintetizzare dalla elettrolisi una soluzione calda di cloruro di sodio in un serbatoio di elettrodo misto:[senza fonte]

NaCl + 3H2O → NaClO3 + 3H2

Usi[modifica | modifica wikitesto]

È un forte agente ossidante, viene impiegato negli esplosivi a base di clorato. Simile al clorato di potassio ma meno energico. Se riscaldato alla temperatura di 528 K si decompone in cloruro di sodio (NaCl) e in ossigeno allo stato gassoso.

È utilizzato come diserbante per erbe infestanti su piazzali, massicciate ferroviarie ecc. Viene applicato sul terreno diluito in acqua, alla dose di 20-80 grammi per metro quadrato.

Potenzialità[modifica | modifica wikitesto]

In sintesi chimica asimmetrica si può impiegare un enantiomero del clorato di potassio per catalizzare la formazione di prodotto enantiomericamente puro, così come dimostrato da diversi esperimenti[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del clorato di sodio su IFA-GESTIS
  2. ^ K. Soai et Al., Angew. Chemie, Int. Ed., 2000, 39, 1510

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia