Ditionato di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ditionato di sodio
formula di struttura
Nome IUPAC
ditionato di sodio
Nomi alternativi
metabisolfato di sodio
iposolfato di sodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareNa2S2O6
Massa molecolare (u)206,11
Aspettopolvere cristallina bianca
Numero CAS7631-94-9
Numero EINECS231-550-1
PubChem146045
SMILES
[O-]S(=O)(=O)S(=O)(=O)[O-].[Na+].[Na+]
Indicazioni di sicurezza
Frasi R-
Frasi S-

Il ditionato di sodio Na2S2O6 è un composto importante in chimica inorganica. È noto anche con altri nomi quali iposolfato di sodio e metabisolfato di sodio.

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Si può produrre con le seguenti reazioni chimiche di ossido-riduzione:

2 NaHSO3 + MnO2 → Na2S2O6 + Mn(OH)2[1]

3 Cl2 + Na2S2O3·5H2O + 6 NaOH → Na2S2O6 + 6 NaCl + 8 H2O[senza fonte]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Lo ione ditionato rappresenta lo zolfo ossidato relativamente allo zolfo elementare ma non totalmente ossidato. Lo zolfo può essere ridotto a solfuro o totalmente ossidato in solfato con stati di ossidazione intermedi in parti inorganiche, esattamente come in composti organo-solforici. Esempi di ioni inorganici sono il solfito e il tiosolfato.

Il ditionato di sodio è un composto molto stabile che non è ossidato dal permanganato, dal dicromato o dal bromo. Si può ossidare in solfato in condizioni estremamente ossidanti come per esempio facendolo bollire per un'ora in 5 M di acido solforico con un eccesso di dicromato di potassio o trattandolo con un eccesso di perossido di idrogeno quindi facendolo bollire con acido cloridrico concentrato. Il mutamento in energia libera di Gibbs per l'ossidazione equivale a circa −300 kJ/mol.[senza fonte] Non si dovrebbe confondere con il ditionito di sodio, Na2S2O4, che è un composto molto diverso e che è un potente agente riduttore largamente usato in chimica e biochimica. Sono frequenti le confusioni tra ditionato e ditionito, anche nei cataloghi delle case produttrici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ W. G. Palmer, Experimental Inorganic Chemistry, CUP Archive, 1954, pp. 361–365, ISBN 0-521-05902-X.
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia