Enantiomero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Modelli molecolari dei due enantiomeri dell'acido lattico

Sono detti enantiomeri una coppia di entità molecolari che sono immagini speculari ciascuna dell'altra e non sovrapponibili.[1] I termini isomeri ottici[2] e antipodi ottici[3] sono sinonimi, ancorché deprecati.

Le molecole che manifestano questa isomeria sono dette chirali (dal greco χείρ, chèir, «mano»); la chiralità è la proprietà delle molecole non sovrapponibili alla propria immagine speculare. Tali molecole non posseggono né piani di simmetria né centri di inversione né assi Sn superiori.

Le molecole chirali presentano nella loro struttura almeno un elemento stereogenico tridimensionale. Esempio di elemento stereogenico è un atomo di carbonio legato a quattro gruppi funzionali diversi.

Un esempio macroscopico di chiralità può essere rappresentato dalle due mani di una persona o dalle due scarpe di un unico paio: ogni mano, o ogni scarpa, rappresenta un enantiomero.

Una miscela 1:1 di due enantiomeri viene detta racemo e rappresentata con i simboli (RS), (dl) o (±). I singoli enantiomeri sono invece rappresentati con (R) o (S), (d) o (l), (+) o (–)[4].

Proprietà e reattività[modifica | modifica wikitesto]

Due molecole enantiomere l'una dell'altra possiedono le medesime proprietà fisiche, tranne una: la capacità di ruotare il piano della luce polarizzata. Tale capacità, definita potere rotatorio, è uguale in valore assoluto ma opposta di segno per ognuno dei due enantiomeri.

Due molecole enantiomere l'una dell'altra manifestano anche la stessa reattività chimica in ambiente achirale o chirale racemico; ben diversa può invece essere la loro reattività nei confronti di un enantiomero di un'altra coppia.

(RS)-A* + X (non chirale) → (R)-A*X (50%) + (S)-A*X (50%)
(RS)-A* + (R)-B* (chirale) → (R,R)-A*B* (>50%) + (S,R)-A*B* (<50%)
L'asterisco indica che la specie è chirale, le indicazioni R e S sono arbitrarie.

Separazione[modifica | modifica wikitesto]

Una fonte di enantiomeri puri di composti chirali sono le sostanze naturali, da cui possono essere estratti, purificati e opportunamente modificati tramite reazioni che non alterino la configurazione stereochimica della molecola. Per quanto riguarda la sintesi di enantiomeri puri, occorre tener presente che le reazioni tra composti achirali producono sempre racemi.

Il processo attraverso cui da un racemo sono separati i due enantiomeri puri viene detto risoluzione. La risoluzione di un racemo può essere eseguita per via chimica. Ci sono due possibilità: la risoluzione classica e la risoluzione cinetica. Nella prima si esegue una reazione stechiometrica con un substrato enantiomericamente puro a dare un addotto che contiene entrambi i substrati:

(RS)-A* + (R)-B* (chirale) → (R,R)-A*B* + (S,R)-A*B*

I due prodotti della reazione qui sopra, non sono enantiomeri, ma diastereoisomeri e posseggono proprietà chimico-fisiche diverse, ad esempio: diversa solubilità nei solventi (possono quindi essere separati per cristallizzazione frazionata) o diversa forma fisica (uno dei due diastereoisomeri può essere un liquido e l'altro un solido cristallino). Dopo averli separati, viene eseguita una reazione che ripristina i composti iniziali, che saranno quindi enantiomeri puri:

(R,R)-A*B* → (R)-A* + (R)-B*
(S,R)-A*B* → (S)-A* + (R)-B*

Nella risoluzione cinetica si sfrutta invece la diversa velocità di reazione dei due enantiomeri con un reattivo stechiometrico o (molto più spesso) un catalizzatore (ad esempio un enzima) enantiomericamente puro. In questo caso in genere il reattivo enantiomericamente puro non è incorporato nei prodotti. Grazie alla diversa velocità di reazione, uno dei due enantiomeri (ad es. l'(R)) reagirà più lentamente. Quindi, arrestando al momento opportuno la reazione, il substrato non reagito sarà arricchito nell'enantiomero (R), mentre il prodotto sarà arricchito nell'enantiomero (S). Trattandosi di due sostanze del tutto diverse, la loro separazione sarà facile.

Un secondo metodo di separazione (fisico) di due enantiomeri è la cromatografia su fase stazionaria chirale: i due enantiomeri interagiscono diversamente con la fase stazionaria chirale della colonna e pertanto percorrono la colonna in tempi differenti.

Un terzo metodo di risoluzione può essere quello enzimatico. Gli enzimi sono chirali quindi interagiscono con i due enantiomeri in modo diverso (spesso reagiscono con uno solo dei due enantiomeri); ciò si traduce in una diversa velocità di reazione, molto veloce per uno, molto lenta (o praticamente nulla) per l'altro.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Sulle cause per cui, nel mondo vivente, le sostanze chirali sono generalmente presenti in forma enantiomerica si hanno solo ipotesi. La più accreditata vuole che l'enantiomeria sia stata originata dalla luce polarizzata circolarmente emessa da alcune formazioni stellari. Nella nebulosa di Orione è stata scoperta una forte sorgente di luce polarizzata circolarmente, e nel meteorite di Murchinson del 1969 in Australia si è riscontrato un eccesso di L-aminoacidi e ciò dimostrerebbe che l'asimmetria chirale era presente prima della vita sulla terra[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Enantiomer, definizione IUPAC Gold Book
  2. ^ (EN) Optical isomers, definizione IUPAC Gold Book
  3. ^ (EN) Optical antipodes, definizione IUPAC Gold Book
  4. ^ Per le regole di assegnazione dei prefissi R- e S-, si veda la sezione "Nomenclatura" della voce Stereoisomero.
  5. ^ Chemistry in Britain, ottobre 1998, 18

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia