Parchi regionali d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Parco regionale)
Jump to navigation Jump to search

I parchi regionali italiani fanno parte delle aree naturali protette in Italia.

Sono costituiti da zone terrestri, fiume, lacustri ed eventualmente da tratti di mare prospicienti la costa, di valore ambientale e naturalistico, che rappresentano un sistema omogeneo, individuato dagli assetti naturalistici dei luoghi, dai valori paesaggistici e artistici e dalle tradizioni culturali delle popolazioni locali. Sono regolamentati dal D.P.R. 616/77 (che ha trasferito alle Regioni le competenze in materia di aree protette).

In base all'Elenco ufficiale delle aree naturali protette (EUAP) attualmente vigente (6º aggiornamento del 2010), in Italia si trovano 134 parchi regionali,[1] che coprono una superficie di ca. 1 300 000 ettari. L'elenco che segue include anche altri parchi regionali non inclusi nell'EUAP.

Abruzzo[modifica | modifica wikitesto]

Basilicata[modifica | modifica wikitesto]

Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Campania[modifica | modifica wikitesto]

Emilia-Romagna[modifica | modifica wikitesto]

Friuli-Venezia Giulia[modifica | modifica wikitesto]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Liguria[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia[modifica | modifica wikitesto]

Confini territoriali delle aree protette lombarde.

Marche[modifica | modifica wikitesto]

Molise[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte[modifica | modifica wikitesto]

Puglia[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Toscana[modifica | modifica wikitesto]

Trentino-Alto Adige[modifica | modifica wikitesto]

Provincia autonoma di Bolzano
Provincia autonoma di Trento

Umbria[modifica | modifica wikitesto]

Valle d'Aosta[modifica | modifica wikitesto]

Veneto[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) 6º Aggiornamento approvato il 27 aprile 2010 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 115 alla Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31 maggio 2010.
  2. ^ a b Condiviso tra Emilia-Romagna e Marche.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]