Parco naturale delle Prealpi Giulie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco naturale
delle Prealpi Giulie
Resiatal 01.JPG
Tipo di areaparco naturale
Codice WDPA178980
Codice EUAPEUAP0963
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatiItalia Italia
RegioniFriuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia
ProvinceUdine Udine
ComuniResia, Chiusaforte, Moggio Udinese, Resiutta, Venzone e Lusevera.
Superficie a terra9.402,00[1] ha
Provvedimenti istitutiviL.R. 42, 30.09.96
GestoreEnte Parco
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale

Coordinate: 46°20′16.8″N 13°19′04.8″E / 46.338°N 13.318°E46.338; 13.318

Il parco naturale delle Prealpi Giulie è un parco regionale del Friuli-Venezia Giulia che si estende per circa 10.000 ettari in provincia di Udine sulle Prealpi Giulie.

Provvedimenti istitutivi[modifica | modifica wikitesto]

Il parco è stato istituito con la legge regionale n. 42 del 30.09.1996.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del parco si estende tra le prealpi e le alpi Giulie. Le cime principali sono il Monte Canin (2.587 m), il Monte Plauris (1.958 m), la catena dei Monti Musi (1.869 m).

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Si estende nei comuni di:

Flora[modifica | modifica wikitesto]

La vegetazione che si incontra nelle vallate del parco è il risultato dell'azione congiunta di due fondamentali fattori ecologici: il particolare regime climatico ed il substrato geologico. Ne consegue un patrimonio floristico costituito da circa 1200 specie e sottospecie e oltre 60 endesismi, tra cui la campanula di Zoys, la genziana di Froelich e il geranio argenteo.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Nell'area del parco convivono specie faunistiche di origine meridionale, circummediterranea ed orientale. Sono presenti tutti gli ungulati alpini (capriolo, cervo, camoscio, stambecco e cinghiale) oltre ad altri importanti mammiferi fra i quali il gatto selvatico, diversi specie di mustelidi, roditori ed insettivori. Il simbolo del parco è la Coturnice che grazie ai numerosi ambienti adatti alla sua sopravvivenza, è molto diffusa.

Strutture ricettive[modifica | modifica wikitesto]

Sede[modifica | modifica wikitesto]

La sede del parco si trova nella frazione Prato del comune di Resia.

Rifugi e bivacchi[modifica | modifica wikitesto]

Nel parco naturale sono presenti i seguenti rifugi:

Vie d'arrampicata[modifica | modifica wikitesto]

In Val Resia, sul torrione Mulaz 1804, parete NNE, il 18 ottobre 2013 è stata attrezzata la L. Ron Hubbard Route - Mulaz Climbing Route.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP) Archiviato il 4 giugno 2015 in Wikiwix. 5º Aggiornamento approvato con Delibera della Conferenza Stato Regioni del 24 luglio 2003 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 144 alla Gazzetta Ufficiale n. 205 del 4 settembre 2003.
  2. ^ Ricovero alpino Rio Nero Casera, su rifugi-bivacchi.com. URL consultato il 5 luglio 2013.
  3. ^ Ricovero alpino Borgo Miniera [collegamento interrotto], su rifugi-bivacchi.com. URL consultato il 5 luglio 2013.
  4. ^ Ricovero alpino Marsinska Planina, su rifugi-bivacchi.com.
  5. ^ Ricovero alpino Montemaggiore-Gran Monte, su rifugi-bivacchi.com. URL consultato il 5 luglio 2013.
  6. ^ Ricovero alpino Bellina Dino, su rifugi-bivacchi.com. URL consultato il 5 luglio 2013.
  7. ^ Marco Romelli, Vie lunghe roccia ITALIA, in UP Annuario di Alpinismo Europeo, vol. 2013, nº 1, Versante Sud Srl, pp. 109-110 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2015).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]