Parco regionale urbano del Pineto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°55′20.86″N 12°25′50.42″E / 41.922461°N 12.430672°E41.922461; 12.430672

Parco regionale urbano del Pineto
Parco del Pineto.jpg
Tipo di area Parco urbano
Codice EUAP EUAP0444
Stati Italia
Regioni Lazio Lazio
Province Roma Roma
Comuni Roma Capitale
Superficie a terra 240,00 ha
Provvedimenti istitutivi LL.RR. 21, 23.02.87 / 78, 12.12.89 / 29,06.10.97
Gestore RomaNatura
Presidente Maurizio Gubbiotti (Commissario straordinario)
Direttore Dott. Agr. Giulio Fancello
Sito istituzionale

Il Parco regionale urbano del Pineto è un'area naturale protetta del Lazio che si trova all'interno della città di Roma e fu istituita nel 1987.

Ha una superficie di circa 240 ettari, che comprende anche la Pineta Sacchetti.

Si trova nell'area nord-ovest della città di Roma, nella zona di competenza del Municipio Roma XIV (ex-XIX) , tra i quartieri Aurelio, Primavalle e Trionfale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Pineta Sacchetti.

Nell'agosto del 2007 si è sviluppato nel parco un incendio di considerevoli proporzioni, il cui spegnimento ha richiesto diverse ore, con l'intervento di 3 elicotteri di Forestale e Vigili del Fuoco[1]. Altri tre ettari sono andati a fuoco nel settembre 2009, in un incendio di probabile natura dolosa che, però, ha risparmiato il patrimonio arboreo[2].

Nell' agosto 2016, un incendio sviluppatosi da diversi focolai ha distrutto una considerevole area verde nel parco, a ridosso di Forte Braschi.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Cartello nella riserva

Domina la macchia mediterranea con alcune zone di sughereta. Si trovano erica arborea, cisto, lentisco, mirto e corbezzolo.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Si possono incontrare cinghiali, volpi, moscardini, topi selvatici e bisce dal collare, rane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parco del pineto in fiamme, incendio domato, romanotizie.it, 6 agosto 2007.
  2. ^ Parco del Pineto in fiamme, Romatoday.it del 9 settembre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]