Forte Braschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Forte Braschi
Campo Trincerato di Roma
Forte braschi.jpg
Ingresso principale
Ubicazione
StatoRegno d'Italia
Stato attualeItalia Italia
RegioneLazio
CittàRoma
Coordinate41°54′54.53″N 12°25′28.57″E / 41.915147°N 12.424603°E41.915147; 12.424603Coordinate: 41°54′54.53″N 12°25′28.57″E / 41.915147°N 12.424603°E41.915147; 12.424603
Mappa di localizzazione: Italia
Forte Braschi
Informazioni generali
Stileprussiano
Costruzione1877-1881
CostruttoreVittorio Emanuele II di Savoia
Informazioni militari
UtilizzatoreRegno d'Italia
Funzione strategicaDifesa di Roma
Termine funzione strategica1919
PresidioMinistero della Difesa
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Forte Braschi è uno dei 15 forti di Roma, edificati nel periodo compreso fra gli anni 1877 e 1891 per costituire il "Campo Trincerato di Roma". Si trova nel quartiere Q. XIV Trionfale, nel territorio del Municipio Roma XIV.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruito a partire dal 1877 e terminato nel 1881, su una superficie di 8,2 ettari, su via della Pineta Sacchetti. L'area sulla quale fu realizzato apparteneva al cardinale Braschi, dal quale prende il nome.

Ha ospitato la caserma "Casal Forte Braschi" è occupata da unità militari e ha ospitato dal 1925 i servizi segreti italiani militari, dal SIM[1], al SIFAR al SID. Dal 1977 al 2007 è stato sede del centro operativo dell'intelligence militare, il SISMI. Attualmente è la sede dell'AISE e del Raggruppamento unità difesa, ed è intitolato a Nicola Calipari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori vari (a cura di), Operare i forti. Per un progetto di riconversione dei forti militari di Roma, Roma, Gangemi Editore, 2010, ISBN 978-88-492-1777-3.
  • Elvira Cajano, Il sistema dei forti militari a Roma, Roma, Gangemi Editore, 2006, ISBN 978-88-492-1057-6.
  • Michele Carcani, I forti di Roma, Roma, Voghera Carlo tipografo di S.M., 1883.
  • Giorgio Giannini, I forti di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 1998, ISBN 978-88-8183-895-0.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Forti di Roma
Aurelia Antica · Boccea · Braschi · Monte Mario · Trionfale · Antenne · Pietralata · Tiburtina · Prenestina · Casilina · Appia Antica · Ardeatina · Ostiense · Portuense · Bravetta

Il portale Alarchitettura non esiste