Mani di velluto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mani di velluto
Mani di velluto.jpg
Eleonora Giorgi in una scena del film
Titolo originaleMani di velluto
Paese di produzioneItalia
Anno1979
Durata100 min
Generecommedia
RegiaCastellano e Pipolo
SoggettoCastellano e Pipolo
SceneggiaturaCastellano e Pipolo
ProduttoreMario Cecchi Gori
FotografiaAlfio Contini
MontaggioAntonio Siciliano
MusicheNando de Luca
ScenografiaBruno Amalfitano
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mani di velluto è un film del 1979, diretto da Castellano e Pipolo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Guido Quiller è un ricco ingegnere separato dalla moglie ed inventore di un vetro anti rapina reso indistruttibile grazie ad un ingrediente segreto, un suo sputo.

Un giorno ha un incidente in vespa e finisce in un lago, qui viene soccorso da una bellissima ladra, Tilli, e da suo fratello falsario che a causa di un equivoco lo scambiano per uno scippatore. I due decidono di portarlo a casa loro per curarlo. Una volta a casa l'equivoco continua fino al punto che il fratello gli prepara un documento falso a nome Giacomo Leopardi, il tutto reso possibile dal fatto che Guido non può parlare a causa di una laringite. Tornato a casa non fa altro che pensare alla bella Tilli e decide di tornare a trovarla per poterla ringraziare e spiegare l'equivoco ma giunto a casa sua scopre che tutti i ladri lo odiano per colpa della sua invenzione. Al fine di poterla frequentare organizza una finta rapina in banca per poter reperire i soldi per far uscire di prigione il nonno di Tilli. A questo punto continua quindi a farsi credere ladro organizzando con lei svariati colpi molto fantasiosi. In realtà, di nascosto, si preoccupa di risarcire in modo anonimo tutte le sue vittime.

L'idillio tra i due finisce il giorno in cui Guido organizza un colpo in casa propria e dove, a causa dell'intervento della polizia, Tilli scopre la sua vera identità.

Per riconquistare la bella ladra Guido trascina Tilli con se per renderla testimone della vendita della sua fabbrica e del divorzio dalla moglie senza però rinunciare al fatto di organizzare un ultimo colpo ai danni della sua ex.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film incassò 2 miliardi e 463 milioni di lire dell'epoca.
  • Il molleggiato come già in Bluff accenna, senza musica, l'attacco della Quinta sinfonia di Beethoven.
  • La scena della telefonata del presunto sequestratore sardo è stata girata nella trattoria Novelli di Milano, in via Padova 344, ancora oggi esistente e insignita del diploma di bottega storica. Questa osteria è stata frequentata da Celentano e da altri personaggi milanesi come Renato Pozzetto, Enzo Jannacci e Piero Mazzarella.
  • La scena iniziale del film è girata a Sanremo tra corso Imperatrice, davanti al casinò, e corso Inglesi. Dove Guido Quiller prova a sfondare la vetrina della gioielleria è invece via Nuvoloni, sempre a Sanremo a due passi dal casinò.
  • Alcune scene furono girate all'interno dello stabilimento delle vetrerie Bosisio di Paderno Dugnano.
  • In una scena che si svolge nel salone della sua villa, mentre Guido è perso nei suoi pensieri, la televisione è accesa e va in onda il film "Altrimenti ci arrabbiamo" con Bud Spencer e Terence Hill, curiosità associata al fatto che l'attore che interpreta Benny il maggiordomo, John Sharp, in quel film aveva interpretato il ruolo del malvagio "capo"
  • Nella stessa scena Guido siede al pianoforte e strimpella le prime note del "Ragazzo della via Gluck", storica canzone interpretata da Celentano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema