Bingo Bongo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bingo Bongo
Bingo bongo film 1982.JPG
Adriano Celentano e la scimmia
Paese di produzioneItalia
Anno1982
Durata105 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia, comico, satirico
RegiaPasquale Festa Campanile
SoggettoEnrico Oldoini e Franco Ferrini
SceneggiaturaFranco Marotta, Laura Toscano, Enrico Oldoini e Franco Ferrini
ProduttoreMario e Vittorio Cecchi Gori
FotografiaAlfio Contini
MontaggioAmedeo Salfa
MusichePinuccio Pirazzoli
ScenografiaGiantito Burchiellaro
CostumiMario Ambrosino
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Bingo Bongo è un film italiano del 1982 diretto da Pasquale Festa Campanile.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un aereo precipita su una foresta e un bambino viene salvato da un albero, cosa che gli permette di atterrare senza farsi male. Decenni dopo, un gruppo di esploratori nella foresta pluviale del Congo ritrova quel bambino, cresciuto da solo tra gli animali della foresta.

È il dottor Muller, capo degli scienziati antropologi, a decidere di chiamarlo Bingo Bongo, e gli scienziati diventano subito oggetto della sfacciataggine dell'uomo. Il professor Fortis riceve calci nel sedere nel tentativo di visitarlo; e bucce di banana in faccia nel tentativo di studiare le sue reazioni agli stimoli esterni. Gli scienziati hanno paura perché vedono la forza delle mani di Bingo Bongo, che comincia a piegare le sbarre della grande gabbia nella quale è rinchiuso. Sta quasi per uscire, ma ad un tratto Bingo Bongo richiude le sbarre d'acciaio e torna in gabbia. Il motivo è che ha visto il professor Fortis imbracciare un fucile; quindi Bingo Bongo sbalordisce l'équipe medica per scatti di forza animale, ma anche per la sua umana intelligenza.

L'unico scienziato con cui Bingo Bongo va d'accordo è la bella dottoressa Laura, che ha il coraggio di entrare nella gabbia. L'apprendimento della lingua umana e delle regole di vita in una grande metropoli moderna deludono Bingo Bongo, ora ospitato a casa della dottoressa Laura, e invaghito di lei. Bingo Bongo fugge in giro per la città, creando una serie di guai: dall'arresto da parte della polizia, poi il rifugio tra le scimmie di uno zoo, il viaggio tentato per tornare in Africa, il dormire su uno dei rari alberi cittadini, e molte situazioni tragicomiche.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è composta di due brani dello stesso Adriano Celentano, Uh... uh... e Jungla di città. Entrambi fanno parte dell'album Uh... uh... uscito nello stesso anno.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il ruolo della partner femminile è coperto da Carole Bouquet, mentre i ruoli di spalla del "molleggiato" vedono impegnati Enzo Robutti e Felice Andreasi. La scena iniziale del film si svolge al Politecnico di Milano.

Celentano contrappone al linguaggio ed alle regole della civiltà urbana la fantomatica lingua che gli permette comici dialoghi con gli animali. Oltre alla scimmia Renato, che è un caro amico di Bingo Bongo, c'è l'asino che dorme in un letto, la gallina che ha voglia di astenersi dalle uova, il passerotto sull'albero che accarezza la mano di Bingo Bongo, il cane che chiede favori al suo portavoce. La lingua della comunicazione inter-species è formata dalla combinazione di uno o più versi del monosillabo uh, che ricordano il titolo dell'album Uh... uh.... Nel film, alla fine, Adriano parla con King Kong e lo calma.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne girato a Milano. Tra i luoghi visibili nel film:

Anche altri luoghi vennero utilizzati per le riprese:

  • Assago, presso il centro direzionale Milanofiori;
  • Arenzano, lungo la spiaggia e per le scene del ristorante affacciato al porto;
  • Piumazzo, per le scene della discoteca Kiwi Cathedral.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 23 dicembre 1982.[1][2]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film risultò 8º campione d'incassi nella stagione cinematografica italiana 1982-83.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cinema - Prime visioni a Roma, in L'Unità, n. 286, 1982, p. 18.
  2. ^ Cinema in Piemonte- Prime visioni ad Alessandria, in Stampa Sera, n. 327, 1982, p. 6.
  3. ^ Stagione 1982-83: i film di maggior incasso, su boxofficebenful.blogspot.com. URL consultato il 27 dicembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema