Dove vai tutta nuda?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dove vai tutta nuda?
Paese di produzioneItalia
Anno1969
Durata94 min
Generecommedia
RegiaPasquale Festa Campanile
SoggettoOttavio Jemma
SceneggiaturaSandro Continenza
Pasquale Festa Campanile
Ottavio Jemma
Luigi Malerba
ProduttoreMario Cecchi Gori
FotografiaRoberto Gerardi
MontaggioMarcello Malvestito
MusicheArmando Trovajoli
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Dove vai tutta nuda? è un film del 1969 diretto dal regista Pasquale Festa Campanile.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane bancario Manfredo Luna durante una trasferta a Londra, in preda ai fumi dell'alcool, conosce e subito sposa un'avvenente ragazza di nome Tonino, che candidamente dice sempre ciò che pensa, gira per casa senza vestiti e non esita a soccorrere il prossimo in difficoltà. Luna abita in un appartamento nello stesso condominio del superiore di Manfredo - il presidente - che concede a Luna l'uso della casa purché egli possa scendere al piano di sotto ogni volta gli si presenti un'occasione piccante, benché in pubblico ostenti un forte senso del pudore. Al piano di sopra, invece, dove vive con la moglie, riceve importanti personalità. La presenza della ragazza crea una serie di situazioni imbarazzanti nelle quali Luna si trova sempre in una posizione difficile.

Ad esempio, Tonino lascia inavvertitamente l'acqua aperta ed il tubo per annaffiare rivolto verso l'interno della casa, facendola allagare. In seguito, durante una serata mondana in casa del presidente, a Tonino si rompe inavvertitamente il vestito e il marito non trova di meglio per coprirla che una pagina dell'Osservatore Romano, suscitando lo sdegno di un ministro presente al ricevimento.

L'edificio è inoltre frequentato dal maldestro ladro Rufus Conforti che prima tenta di rubare qualcosa di valore e poi, avendo trovato solo delle lettere d'amore nascoste dentro una scrivania, di ricattare il presidente e sua moglie e finendo con il tentare di scucire qualche soldo al cameriere.

Quando Tonino fa recapitare nell'ufficio di Manfredo un quadro che la raffigura nuda i rapporti già tesi con il presidente arrivano alla rottura e Luna viene licenziato. Dopo qualche ora di smarrimento e dopo essersi ubriacato di nuovo, il signor Luna torna a casa e, stufo di essere parte integrante di un ingranaggio che ritiene moralista, decide di spogliarsi e girare per casa nudo come la moglie. A quel punto scopre di aver iniziato a volerle bene veramente ed il film si chiude con un tenero bacio tra i due mentre vengono portati via dalla polizia che li ha arrestati per oltraggio al pudore.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è composta da Armando Trovajoli. Il brano Dove vai tutta nuda?, sui titoli di testa del film, è cantato da Maria Grazia Buccella e, pubblicato in 45 giri, diviene il primo successo discografico dell'attrice in veste di cantante.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]