Sabato, domenica e venerdì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sabato, domenica e venerdì
Sabato Domenica Venerd FILM 1979 epis 2b placido bouchet.jpg
Michele Placido e Barbara Bouchet in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1979
Durata118 min
Generecommedia
RegiaCastellano e Pipolo
Pasquale Festa Campanile
Sergio Martino
SoggettoCastellano e Pipolo
SceneggiaturaCastellano e Pipolo
ProduttoreLuciano Martino
FotografiaAlejandro Ulloa
MontaggioEugenio Alabiso
Mario Siciliano
MusicheMariano Detto
ScenografiaMimmo Scavia
CostumiLuis Argüello
Adriana Bellone
Natalia Verdelli
Interpreti e personaggi
Primo episodio (Sabato)

Secondo episodio (Domenica)

Terzo episodio (Venerdì)

Doppiatori italiani
  • Antonio Guidi: direttore di La Brocca
  • Luciano De Ambrosis: gangster
  • Gianfranco Bellini: proprietario del negozio di uccelli
  • Sergio Fiorentini: Gustavo
  • Germana Dominici: Enza Paternò / Jacqueline
  • Arturo Dominici: padre di Enza
  • Sandro Iovino: Camillo Magnaghi
  • Gianni Marzocchi: coreografo delle ballerine
  • Manlio De Angelis: Carlo, socio di Mario
  • Episodi

    Sabato, domenica e venerdì è un film a episodi del 1979, diretto dai registi Sergio Martino, Pasquale Festa Campanile e Castellano e Pipolo.

    Trama[modifica | modifica wikitesto]

    Sabato[modifica | modifica wikitesto]

    Lino Banfi ed Edwige Fenech in un fotogramma del 1º episodio.

    Nicola La Brocca è ragioniere nella sede italiana di una grande azienda giapponese, la Zaikoto. Il capufficio con la scusa che egli è l'unico a conoscere l'inglese lo nomina addetto alle pubbliche relazioni per affibbiargli l'ingrato compito di accogliere l'ing. Tokimoto, rappresentante della multinazionale. Sorpresa: l'ingegnere in realtà è una splendida giapponese che porta con sé l'urna funeraria del nonno a cui intende dare sepoltura. Il ragioniere non sta più nella pelle al pensiero di accompagnarla per tutto il weekend e si dimentica di Clelia, la fidanzata, che comincia a tempestarlo di telefonate insospettendosi sempre di più. La fidanzata gelosa fa di tutto per far saltare i piani del ragioniere, ma nonostante tutto, dopo il licenziamento Nicola sposa l'ing. Tokimoto ed apre un ristorante a Tokyo.

    Domenica[modifica | modifica wikitesto]

    Barbara Bouchet e Michele Placido in un fotogramma del 2º episodio.

    Mario Salvetti è un camionista che lavora per la ditta di trasporti Bonelli & Salvetti. L'inquilina del piano di sopra, Enza, in seguito ad un tentativo di suicidio sventato da Mario, gli chiede di fare la parte del novello sposo nei giorni durante i quali il padre e la madre, siciliani e bigotti, la vengono a trovare. Infatti, il vero aspirante sposo non c'è: è sposato ed ha dei figli. Costretto a farsi passare per Camillo, Mario deve sopportare un gran numero di traversie per soddisfare la moglie ed i suoceri, ostacolato da un sonno arretrato fuori del comune.

    Venerdì[modifica | modifica wikitesto]

    Adriano Celentano in un fotogramma del 3º episodio.

    Mister Costantin è l'eccentrico impresario del famoso balletto di ragazze Les porte-bonheur (Ballet de Crazy Horse) che viaggia su un lussuoso jet privato, servito dal cameriere e dal tuttofare. La ribelle ballerina Jacqueline si innamora del gangster Fred ed intenderebbe sposarlo, ma Costantin è deciso nell'impedire che questo accada.

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]