Giancarlo Badessi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giancarlo Badessi in Squadra antitruffa (1977)

Giancarlo Badessi, all'anagrafe Giancarlo Badese[1] (Lecco, 21 settembre 1928Roma, 6 dicembre 2011[2]), è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativo della caratteristica “Curt d'Africa” di Lecco, tra Via Pizzi e Via Appiani, aveva iniziato a lavorare giovanissimo come Impiegato presso l'industria "Bonaiti" di Castello Brianza studiando la sera, allo stesso tempo, per ottenere il Diploma di Ragioniere. Si avvicinò al mondo dello spettacolo quasi per caso: durante il servizio militare di leva a Torino, nel 1950, quando, tra i commilitoni di fanteria, c'era il milanese Giancarlo Cobelli, aspirante attore e regista, con il quale instaurerà un rapporto di amicizia. Iniziò collaborando al testo teatrale La caserma delle fate[3], da cui in seguito viene tratto il film Fermate il mondo... voglio scendere!, diretto dallo stesso Cobelli. Lasciò quindi il suo tranquillo lavoro di Ragioniere, sentendo il fascino della recitazione e del cinema[4].

Nel 1958 lascia la città natale per trasferirsi prima a Milano e poi a Roma qualche anno dopo. A partire dal 1967 ha interpretato numerose pellicole, ricoprendo sempre parti di caratterista, diventando inoltre un volto noto della televisione soprattutto nell'ambiente pubblicitario. Il suo curriculum artistico lo vedrà lavorare anche con Alberto Sordi, ed interpreterà il ruolo dell'Imperatore Claudio nel discusso Io, Caligola (1979). Nel 1975 ha inoltre lavorato con Tinto Brass per la realizzazione del film Salon Kitty dove ha interpretato la parte di un gerarca[5]. Ebbe anche anche una partecipazione significativa, nella quale spicca la sua perfetta dizione, nel film Giordano Bruno, con la regia di Giuliano Montaldo e come protagonista Gian Maria Volontè[4].

Era legato da profonda amicizia con l'attrice Laura Antonelli, che aveva esordito in una pellicola, dove aveva fatto parte del cast. Nel 1998 aveva ricevuto il riconoscimento civico di San Nicolò, presso il Teatro della Società; in quella circostanza era stato premiato anche Nino Castelnuovo[4].

La scomparsa[modifica | modifica wikitesto]

Da anni ritiratosi dalle scene, si spegne a Roma, città dove risiedeva, il 6 dicembre 2011, all'età di 83 anni, a causa di un improvviso infarto. L'attore lascia a Lecco i fratelli minori Vittorino ed Annamaria. È sepolto a Lecco, nel Cimitero Monumentale di Via Parini, nella tomba dei genitori Mario e Giovanna[4].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giancarlo Badessi
  2. ^ La morte di Giancarlo Badessi
  3. ^ La caserma delle fate di Giancarlo Badessi e Giancarlo Cobelli
  4. ^ a b c d Aloisio Bonfanti - Una commemorazione a Lecco per l'attore Giancarlo Badessi Ilpuntostampa.info, 03/01/2012.
  5. ^ Giancarlo Badessi Mymovies.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Giancarlo Badessi, in Internet Movie Database, IMDb.com.

Controllo di autorità VIAF: (EN311709040 · GND: (DE1062325060
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie