Il ragazzo della via Gluck/Chi era lui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il ragazzo della via Gluck/Chi era lui
ArtistaAdriano Celentano
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1966
Dischi1
Tracce2
GenerePop
EtichettaClan Celentano ACC 24032
ProduttoreMiki Del Prete
Adriano Celentano - cronologia
Singolo precedente
(1965)

Il ragazzo della via Gluck/Chi era lui è un 45 giri di Adriano Celentano, pubblicato nel febbraio del 1966.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

La copertina raffigura Celentano a passeggio con un suo amico, entrambi di schiena; lo stesso scatto verrà usato per la copertina dell'album Il ragazzo della via Gluck, pubblicato a novembre.

Gli arrangiamenti sono curati da Detto Mariano.

Entrambi i brani sono stati inseriti dapprima nella raccolta La Festa, destinata esclusivamente ai lettori della rivista di fotoromanzi Bolero Film, e poi nell'album Il ragazzo della via Gluck.

Il ragazzo della via Gluck[modifica | modifica wikitesto]

« Là dove c'era l'erba ora c'è
una città,
e quella casa in mezzo al verde ormai
dove sarà? »

(Luciano Beretta, Miki Del Prete e Adriano Celentano)

Si tratta di una canzone autobiografica: la via Gluck del quartiere Greco di Milano era una via periferica adiacente alla linea ferroviaria[1] dove il cantante viveva da ragazzo con la famiglia, che nel dopoguerra conobbe un rapido processo di urbanizzazione. Dal testo emerge il nostalgico rimpianto di un mondo perduto, quello dell'infanzia e di parte dell'adolescenza, cioè di fino a quando Celentano dovette lasciare il quartiere con la famiglia per andare a vivere in centro, in casa del fratello[2].

Gli 8 anni passati (...passano gli anni, ma 8 son lunghi....) sono un riferimento al tempo trascorso, nel 1966, dall'inizio della carriera discografica di Celentano, nel 1958.

Il brano, una sorta di ballata folk, costituisce un superamento da parte dell'artista del ruolo di "urlatore" che lo aveva definito fino a quel punto, nonché uno dei primi tentativi di confrontarsi con tematiche più impegnative, in particolare quella ambientalista, prefigurando una sostanziale rottura rispetto al passato.

Alla vigilia del Festival di Sanremo del 1966 a Celentano fu proposta la canzone Nessuno mi può giudicare[3], ma il cantante preferì portare invece questo brano, presentato in coppia con il Trio del Clan (Gino Santercole, Ico Cerutti e Pilade). Sulle prime la canzone non sembrò convincere il pubblico, che ne decretò l'esclusione dal Festival dopo la prima serata[1].
Il successo di vendite del 45 giri fu tuttavia immediato: il disco raggiunse il secondo posto nella classifica della hit parade italiana nel 1966 e nel 1967, risultando il 10º più venduto nel 1966[4], e suggerendo a Celentano e al suo Clan l'idea di pubblicare un album con lo stesso titolo.

È diventata nel tempo una delle canzoni più note di Celentano, ed anche una delle più rappresentative, sia per i molti riferimenti autobiografici che per l'introduzione della tematica ambientalista che il cantante riprenderà in molte sue prese di posizione e in altre canzoni (tra le altre: Soli nell'album omonimo (1979); Mondo in mi 7a, Sognando Chernobyl, La situazione non è buona, I passi che facciamo, Svalutation, Io sono un uomo libero, Aria... non sei più tu, Un albero di trenta piani[5], C'è sempre un motivo, I want to know - parte I e II, L'ultimo degli uccelli, Uomo macchina, tutte contenute, assieme a Il ragazzo della via Gluck, in "Canzoni contro", secondo disco della raccolta L'animale, pubblicata nel 2008).

Per sfruttare il successo del brano vennero creati I Ragazzi della Via Gluck, che sono stati il gruppo musicale di supporto di Adriano Celentano dal 1966 al 1978.

Stante il costante successo nel tempo de Il ragazzo della via Gluck, che ha coinvolto varie generazioni, la canzone è presente in molti album antologici di Celentano, tra i quali: Me, live! (1979), Unicamente Celentano (2008 e 2011 in CD-Rom), L'animale (2008), Adriano Live (2012), ...Adriano (2013).

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 il cantante ne ha inciso una rivisitazione nell'album C'è sempre un motivo, intitolata Quel Casinha e cantata con un nuovo testo in creolo capoverdiano, in coppia con Cesaria Evora: il risultato è un mix di stili che va dal pop al jazz passando per il rock.

L'esecuzione del pezzo in duetto con Eros Ramazzotti durante il programma televisivo Rockpolitik del 27 ottobre 2005 ha fatto segnare la punta massima di share (69,45%) nel corso delle 4 puntate della trasmissione.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Nello stesso anno della pubblicazione Giorgio Gaber ne incise una cover, pubblicata su due 45 giri allegati alla rivista Pop, il primo a marzo, Il ragazzo di via Gluck (con sul retro Dio come ti amo cantata da Iva Zanicchi), ed il secondo a giugno, Il ragazzo della via Gluck (con sul retro Una casa in cima al mondo cantata da Utto Hammers.

Sempre a giugno Gaber pubblicò La risposta al ragazzo della via Gluck (con sul retro Ma voi ma voi ma voi), ironica risposta al brano di Celentano.

La canzone fu inoltre tradotta in diverse lingue.

In Gran Bretagna, nel 1966, la cantante statunitense Verdelle Smith cantò una versione in inglese dal titolo Tar and Cement. La canzone fu anche incisa nel 1966 da Caroline Munro e dal cantante irlandese Joe Dolan.

Sempre in inglese, ma con il titolo The story of a country boy fu cantata dai belgi The Cousins.

Nel 1967 la cantante Anna-Lena Löfgren cantò una versione in svedese dal titolo Lyckliga gatan ed una in tedesco dal titolo Immer am Sonntag.

La canzone fu adattata in ceco con il titolo Závidím' da Jiří Grossmann' e nel 1999 in spagnolo con il titolo La casa donde yo crecí dalle Seducidas y Abandonadas.

Una delle versioni più note è quella francese di Françoise Hardy, musa del Maggio francese, che, dopo averla sentita a Sanremo nel 1966, la interpretò nello stesso anno col titolo La maison où j'ai grandi[6] e il testo adattato dal noto paroliere Eddy Marnay, diventando un successo. Venne inclusa anche nell'album omonimo, pubblicato ad ottobre, che contiene altre cover in francese di brani italiani (come Se telefonando e Ci sono cose più grandi).

Cesária Évora ha pubblicato la versione in creolo capoverdiano dal titolo Quel casinha, cantata insieme allo stesso Celentano, nel suo album Cesária Évora – & ... del 2004.

Chi era lui[modifica | modifica wikitesto]

Una delle prime canzoni scritte da Paolo Conte e pubblicate su disco. Il testo, di Mogol e Miki Del Prete, è una riflessione sulla figura di Gesù (...dopo 2000 anni voi / non sapete ancora chi era Lui...).

Questo brano si può collocare nel filone (nato l'anno precedente) delle Messe beat.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il ragazzo della via Gluck (testo di Luciano Beretta e Miki Del Prete; musica di Adriano Celentano[7]) 4' 17"
  2. Chi era lui (testo di Mogol e Miki Del Prete; musica di Paolo Conte) 2' 49"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ezio Guaitamacchi, 1000 canzoni che ci hanno cambiato la vita, Milano, Rizzoli, 2009, pp. 915, ISBN 9788817033923.
  2. ^ Dario Cresto-Dina, La vera storia della via Gluck. Celentano: "Avevo 4 anni e pensai a quella canzone", repubblica.it, 18 Febbraio 2016. URL consultato il 20 Maggio 2017.
  3. ^ All'edizione su CD del 1995 dell'album Il ragazzo della via Gluck (Clan Celentano / RTI Music SP 60782) venne aggiunto, come bonus track, il provino inedito di "Nessuno mi può giudicare", ((EN) Il ragazzo della via Gluck, CD 1995, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 30 gennaio 2016.), canzone che Celentano avrebbe dovuto presentare al 16º Festival di Sanremo, ma che, scartata e affidata ad una ancora sconosciuta Caterina Caselli (in abbinamento con Gene Pitney), raggiungerà il secondo gradino del podio nella stessa manifestazione.
  4. ^ I singoli più venduti del 1966 on line su Hit parade Italia, hitparadeitalia.it. URL consultato il 20 Maggio 2017.
  5. ^

    « Ahia. non respiro più / mi sento / che soffoco un po' / sento il fiato, che va giù, / va giù e non viene su, / vedo solo che / qualcosa sta nascendo ... / forse è un albero / sì è un albero / di trenta piani »

    La canzone fu pubblicata la prima volta nell'album I mali del secolo del 1972, ma anche su 45 giri (con nel retro il brano Forse eri meglio di lei, sulla crisi della coppia).
    In Un albero di trenta piani Celentano attacca la speculazione edilizia e l'inquinamento, prendendosela in particolare, nel finale della canzone, con il grattacielo Pirelli di Milano (che ha, appunto, trenta piani).
    La canzone venne anche pubblicata in spagnolo con il titolo Un arbòl de 30 pisos (sul retro vi è Ready teddy) per il mercato spagnolo e latinoamericano.
    La canzone avrebbe ispirato all'architetto Stefano Boeri l'ideazione del cosiddetto "Bosco Verticale" (vedi (ITEN) p. 60 Stefano Boeri, Un bosco verticale; Libretto di istruzioni per il prototipo di una città foresta, a cura di Guido Musante, Azzurra Muzzonigro, Corraini Edizioni, 2015, ISBN 978-88-7570-541-1.).

  6. ^ Christian Calabrese, Il ragazzo della via Gluck, hitparadeitalia.it. URL consultato il 20 Maggio 2017.
  7. ^ Alla Siae la canzone però risulta firmata per la musica anche da Detto Mariano

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica