Giantito Burchiellaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giantito Burchiellaro (...) è uno scenografo italiano, vincitore del Nastro d'argento alla migliore scenografia nel 1996 per il film Sostiene Pereira e nel 2003 per il film Prendimi l'anima.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera ha avuto inizio nel 1965, collaborando con i scenografi Piero Gherardi e Luciano Ricceri per il film Giulietta degli spiriti di Federico Fellini. Quindi ha lavorato con il regista Sergio Corbucci (per i film Di che segno sei?, Er più - Storia d'amore e di coltello, La mazzetta, La casa stregata). Ha anche firmato varie scenografie per il regista Pasquale Festa Campanile. Poi ha lavorato con Marco Bellocchio. Sul piano internazionale va ricordata la scenografia del fim I colori dell'anima - Modigliani, e quella del film russo La vita è bella di Grigori Chukhrai.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Scenografo[modifica | modifica wikitesto]

Architetto-scenografo[modifica | modifica wikitesto]

Arredatore[modifica | modifica wikitesto]

Dipartimento artistico[modifica | modifica wikitesto]

Costumista[modifica | modifica wikitesto]

Montatore[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]