Er più - Storia d'amore e di coltello (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Er più - Storia d'amore e di coltello
Er più - Storia d'amore e di coltello.png
Il duello tra Nino e Bartolo
Paese di produzione Italia
Anno 1971
Durata 108 min
Colore colori
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Sergio Corbucci
Soggetto Mario Amendola
Sceneggiatura Mario Amendola, Sabatino Ciuffini, Sergio Corbucci
Produttore Salvatore Argento
Fotografia Pasqualino De Santis
Montaggio Eugenio Alabiso
Musiche Carlo Rustichelli, Adriano Celentano (Una storia d'amore e di coltello)
Scenografia Giantito Burchiellaro
Interpreti e personaggi

Er più - Storia d'amore e di coltello è un film del 1971 diretto da Sergio Corbucci.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma, 1900: il pescivendolo Nino Patroni è "Er Più de Borgo", ovvero la personalità più in vista del rione, colui che s'incaricava di difendere i deboli. Fra Nino e Augustarello, "Er Più" del rivale rione di San Giovanni, non corre buon sangue a causa di Rosa Turbine, una bella tintora che ama Nino e ripudia l'altro. Appena uscito di prigione Nino va all'osteria del Frascatano e subito ha una lite con Augustarello. I due stanno per accoltellarsi, quando l'improvviso arrivo di Rosa interrompe tutto. Il maresciallo decide di prendere provvedimenti e fa un patto col "Cinese" per tenere d'occhio Nino e Augustarello ed evitare guai.

Dopo un periodo di tranquillità, un giorno Augustarello ricomincia a tentare di sedurre Rosa per fare dispetto al nemico. Il Cinese li spia come sempre di nascosto e rivela tutto a Nino, che subito trascina Augustarello in una stanza della pescheria e lo malmena.

I fratelli di Augustarello decidono di vendicarlo; così Bartolo, Alfredo e Pietro Di Lorenzo raggiungono il negozio di Nino e lo mettono a soqquadro, riversando anche tutta la merce per la strada. Nino viene avvertito dell'accaduto e si precipita sul luogo, dove però è appena arrivato anche il Maresciallo. Questi eleva una consistente ammenda, ma Nino pur accollandosi la responsabilità degli eventi si rifiuta di pagare i danni, costringendo il Cinese a versare i soldi al posto suo.

Dopo un'altra rissa coi fratelli di Augustarello, Nino e Rosa fissano la data per le loro nozze. Al ballo organizzato per festeggiare l'evento, Augustarello tenta ancora di provocare Nino, ed infine lo accoltella tra la quarta e la quinta costola, ma inciampa e cade riverso in terra, trafiggendosi con la sua stessa lama e morendo sul colpo.

Non appena Nino si è ristabilito, Bartolo lo sfida a duello. Rosa intuisce tutto e dopo aver tentato invano di dissuadere il macellaio, impone una scelta all'uomo: o Bartolo o lei. Nino apparentemente opta per la seconda ipotesi, ma dopo essere andato a letto con lei, si sveglia di buon'ora al richiamo di Antonio e Verdicchio che lo aspettano e si dirige presso il luogo del duello.

Nel duello a colpi di coltello Nino sembra prevalere, ma improvvisamente arriva il Maresciallo, con l'intenzione di fare da conciliatore: spiega a Bartolo come è avvenuta realmente la morte di Augustarello.

Nino quindi si riappacifica con i fratelli Di Lorenzo e torna a casa.

Parodie[modifica | modifica wikitesto]

Storia di fifa e di coltello - Er seguito d'er più, film del 1972 diretto dal regista Mario Amendola e che vede protagonisti la coppia comica Franco e Ciccio, è un seguito e al tempo stesso una parodia di Er più - Storia d'amore e di coltello, del quale mantiene non solo l'ambientazione ma anche buona parte del cast di comprimari.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il film si ispira alla figura di Romeo Ottaviani, detto er Tinèa, un famoso bullo romano, Er più de Trastevere.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema