Abissinia (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abissinia
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1993
Durata 87 min.
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, noir
Regia Francesco Ranieri Martinotti
Soggetto Michele Corsi
Sceneggiatura Fulvio Ottaviano, Francesco Ranieri Martinotti
Produttore Laurentina Guidotti
Fotografia Mauro Marchetti
Montaggio Annalisa Forgione
Musiche Fiorenzo Carpi
Scenografia Giantito Burchiellaro
Interpreti e personaggi
Premi

David di Donatello 1994: miglior regista esordiente

Abissinia è un film del 1993 diretto da Francesco Ranieri Martinotti.

Fu presentato nella Settimana Internazionale della Critica del 46º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Antonio è un cameriere in un vasto ristorante - rimpinzante torme di Turisti affamati. Un tavolo di Turisti ricomincia da capo: invece di servire un piatto di spagnetti, rifiuta, insudicia il muro con questi, e scappa con l'incasso. Inseguito in auto, viene malmenato, e i soldi tornano indietro. Sfortuna vuole il tutto avvenga davanti il Ristorante di Enzo che gli da lavoro, sempre come cameriere; qui, fa la conoscenza di personalità alquanto bizzarre: Enzo il proprietario, Armida la cuoca, Marco il lavapiatti e Francesca la sensuale cantante del locale. Da quel momento inizierà un graduale e complesso intreccio di intrighi tra i vari personaggi.

Farà una brutta fine: morirà bruciato dal proprietario, e con l'infamia di aver incendiato il locale dopo aver ucciso la moglie di enzo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) 32e Selection de la Semaine de la Critique 1993, semainedelacritique.com. URL consultato il 29 giugno 2011.
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema