Piazza San Babila

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piazza San Babila
Milano piazza San Babila vista.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàMilano
CircoscrizioneMunicipio 1
Informazioni generali
Tipopiazza
Intitolazionedalla basilica di San Babila
Collegamenti
IntersezioniCorso Europa, Corso Matteotti, Corso Venezia, Corso Vittorio Emanuele II
TrasportiLinea 1 della metropolitana
(stazione di San Babila)
Mappa

Coordinate: 45°28′00.01″N 9°11′51.19″E / 45.466669°N 9.197553°E45.466669; 9.197553

Piazza San Babila è una piazza sita nel centro storico di Milano; corso Vittorio Emanuele II la collega a piazza del Duomo. San Babila è stata a lungo il punto d'incontro favorito dall'alta borghesia milanese. Larga parte delle architetture che la delineano risalgono agli anni trenta, in epoca fascista. La piazza viene ricordata per essere stata la cosiddetta "trincea nera" del neofascismo milanese degli anni settanta. Prende il nome dalla basilica di San Babila.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Corso Venezia dal sagrato della basilica di San Babila a Milano in un dipinto del 1850 di Luigi Premazzi. Sulla destra si scorge la basilica di San Babila prima delle modifiche del XIX e del XX secolo, mentre la colonna che si vede al centro è stata spostata verso la chiesa durante i lavori di costruzione della metropolitana nel 1959
Largo San Babila tra il 1930 e il 1939
Lavori di realizzazione di piazza San Babila a Milano all'angolo tra via Bagutta e corso Venezia (1934-1935)
Via Bagutta sventrata dopo le prime demolizioni
Gli edifici in stile neogotico veneziano, le cosiddette "Case Veneziane", che vennero demolite per lasciare spazio alla Galleria San Babila e a piazza Umberto Giordano
Paninare in piazza San Babila a Milano nel 1986
La Torre Snia Viscosa, primo grattacielo realizzato a Milano, da piazza San Babila

In origine lo spazio antistante alla basilica di San Babila era un semplice sagrato che si apriva verso corso Vittorio Emanuele II[1].

All'inizio del XX secolo la popolazione di Milano iniziò ad avere un cospicuo tasso di crescita[1]. Nell'ottica di avere un centro storico più adatto alla nuova situazione, fu deciso di collegare meglio alcune vie storiche di Milano (piazza della Scala con corso Vittorio Emanuele) con la costruzione di piazza Meda (all'epoca denominata "piazza Crispi") e di corso Matteotti (all'epoca "corso Littorio")[1].

Questi lavori, che ebbero luogo nei primi decenni del XX secolo e che terminarono nel 1928, portarono all'abbattimento di molti edifici storici, tra cui diverse abitazioni nell'area di fronte alla storica basilica, grazie ai quali venne creato un nuovo spiazzo, largo San Babila[1]. Tra i nuovi edifici, il primo che venne eretto fu un complesso edilizio che si trova ancora oggi a fianco della Casa degli Omenoni[1].

Nel 1931 fu deciso di ampliare ulteriormente largo San Babila per farne una vera e propria piazza[1]. Pertanto, vennero programmate altre demolizioni[1]. Il lato nord della futura piazza San Babila venne completato in breve tempo, tant'è che fu pronto alla fine del 1931, visto che non necessitò di lavori invasivi[1]. Al contrario, i lati est e sud furono oggetto di radicali cambiamenti, con i lavori che iniziarono nel 1935[1]. L'antica Galleria De Cristoforis, che si trovava a sud, fu abbattuta venendo sostituita dalla Galleria Ciarpaglini e dal Teatro Nuovo, mentre a est furono demoliti gli edifici in stile neogotico veneziano (che erano conosciute come "Case Veneziane") per lasciare spazio alla Galleria San Babila e a Piazza Umberto Giordano[1].

Tutti questi lavori ebbero termine nel 1948, fermo restando che i bombardamenti del 1943, avvenuti durante la seconda guerra mondiale, resero necessari altri interventi[1]. Gli ultimi lavori effettuati nell'ormai piazza San Babila furono eseguiti nel 1957, con la costruzione della Galleria Passarella[1]. Fra la fine degli anni cinquanta e l'inizio degli anni sessanta piazza San Babila venne interessata dagli scavi per la realizzazione della metropolitana di Milano, durante i quali fu creata l'omonima stazione[1].

Nel dopoguerra piazza San Babila iniziò ad essere frequentata dall'alta borghesia milanese, la cosiddetta "Milano bene"[1]. Negli anni sessanta, in seguito all'apertura, nei suoi pressi, della sede della Giovane Italia e della sede del Raggruppamento giovanile, entrambi gravitanti, da un punto di vista politico, intorno alla destra di ispirazione neofascista, piazza San Babila diventò luogo di aggregazione per gruppi di questo schieramento politico[1]. Negli anni settanta nacque un neologismo dispregiativo nei confronti di questo fenomeno, sanbabilini, che veniva usato per definire i gruppi di destra di ispirazione neofascista che stazionavano in piazza San Babila.

Dalle sedi di partito i gruppi di destra di ispirazione neofascista iniziarono a frequentare e a riunirsi in esercizi pubblici della zona. Quello più noto è il Motta (oggi divenuto un negozio della marca Diesel), sotto i portici all'angolo con corso Vittorio Emanuele. Venivano frequentati anche il Borgogna (oggi Victory) di via Borgogna, mentre alcuni preferivano il Pedrinis, che si trova dalla parte di corso Matteotti, e altri ancora I Quattro Mori, ora non più esistenti. In queste sedi fu pianificata la serie di atti criminosi compiuti da militanti di gruppi neofascisti e del Movimento Sociale Italiano a Milano giovedì 12 aprile 1973, strage che è conosciuta come "giovedì nero di Milano".

Nel 1976 il regista Carlo Lizzani, impegnato politicamente a sinistra, realizzò San Babila ore 20: un delitto inutile, film liberamente ispirato a un fatto di cronaca nera che ha coinvolto i frequentatori della piazza. Si trattava dell'uccisione, da parte di una squadra di fascisti di San Babila, di uno studente di sinistra, Alberto Brasili, che insieme alla sua fidanzata, Lucia Corna, studentessa del liceo Volta, il 25 maggio 1975 aveva strappato un manifesto missino vicino alla piazza. Una banda se ne accorse, li seguì ed in un posto isolato li aggredì a colpi di coltello. Il leader della banda era il sanbabilino Antonio Bega, mentre gli uccisori furono Giorgio Invernizzi e Fabrizio De Michelis, anch'essi sanbabilini[2].

Negli anni successivi piazza San Babila vedrà la nascita di numerosi fenomeni di costume e di sottocultura giovanile, completamente slegati dalla politica, e per molti versi all'antitesi dalle idee di destra. Degni di menzione sono i "fioruccini" (dal nome del negozio Fiorucci di corso Vittorio Emanuele II: cercavano il cosiddetto "sballo" ed erano caratterizzati da un abbigliamento trasgressivo), i paninari (nati al bar Il panino della vicina piazzetta Liberty: erano contraddistinti da un abbigliamento griffato e dall'adesione a uno stile di vita fondato sul consumismo) e gli yuppie (ovvero giovani professionisti "rampanti" che abbracciavano la comunità economica capitalista trovando in essa la loro completa realizzazione).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La piazza, a pianta rettangolare, presenta la Torre Snia Viscosa, che rappresenta il primo grattacielo costruito a Milano (realizzato da Alessandro Rimini, 1937). Analoga è l'impostazione di piazza San Babila sul fronte interno, nel quale spicca l'imponente palazzo del Toro (di Emilio Lancia e Raffaele Merendi, 1939), concepito come complesso polifunzionale[3], comprendente tra l'altro il Teatro Nuovo e il Teatro San Babila. Negli anni, pur permanendo la struttura, gli edifici hanno via via mutato proprietà e destinazione. Molteplici sono le attività commerciali che hanno occupato i fondi di vendita al pubblico (altezza terra) e gli uffici dei palazzi che danno sulla piazza.

Per quanto riguarda gli edifici, anch'essi hanno subito modifiche. Un esempio di conservazione al di là delle logiche di mercato appartiene all'ex garage Traversi, dismesso da anni. Dopo una serie di ipotesi anche di demolizione, è stato sottoposto a vincolo nonostante si trattasse di un edificio non direttamente affacciato sulla piazza, e dovrebbe essere internamente trasformato in polo multifunzionale[4][5].

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

San Babila è una stazione della Linea 1 della metropolitana di Milano. La fermata fu inaugurata nel 1964.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1961 piazza San Babila e corso Vittorio Emanuele II, sventrati per i lavori della metropolitana, appaiono varie volte nel film Il posto di Ermanno Olmi

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Piazza San Babila: dalle origini ai giorni nostri, su milanofree.it. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  2. ^ Luca Steffenoni, Manuela Alessandra Filippi. 2014. op. cit. pag 76
  3. ^ Un monumentale palazzo per uffici nella nuova piazza San Babila a Milano, Edilizia Moderna, 30, gennaio-giugno 1939, pp. 32-35
  4. ^ Piscina coperta, solarium, bar con i fondi del garage Traversi
  5. ^ 3

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]