Le cinque giornate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le cinque giornate
Le cinque giornate - Adriano Celentano.png
Adriano Celentano in una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno1973
Durata120 min
Generecommedia
RegiaDario Argento
SoggettoDario Argento, Luigi Cozzi, Enzo Ungari
SceneggiaturaDario Argento, Nanni Balestrini
ProduttoreSalvatore Argento per SEDA
Produttore esecutivoClaudio Argento
Distribuzione (Italia)Euro International Film
FotografiaLuigi Kuveiller
MontaggioFranco Fraticelli
MusicheGiorgio Gaslini
ScenografiaGiuseppe Bassan
Interpreti e personaggi

Le cinque giornate è un film del 1973 di Dario Argento con Adriano Celentano.

È ispirato ad un fatto storico realmente accaduto, noto come le cinque giornate di Milano, ed è tuttora l'unico film di Argento a non appartenere al genere thriller o horror.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Milano, durante la rivolta antiaustriaca del 1848, un piccolo delinquente, Cainazzo, ed un panettiere, Romolo, si trovano coinvolti involontariamente nei moti di quel periodo, constatando di persona le grosse contraddizioni dell'epoca. Assistono, in mezzo agli idealisti ed ai patrioti, ad una esemplare galleria di personaggi: aristocratici, opportunisti, sanguinari, avventurieri, traditori. Loro malgrado, i due popolani vengono travolti dagli avvenimenti. Ma di fronte a tanta ingiustizia e violenza, Romolo reagisce, indicando istintivamente quale sia il punto di vista del popolo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola venne realizzata principalmente a Pavia, dove si ricordano luoghi come: piazza Borromeo e l'inerente collegio, il Salone teresiano alla Biblioteca Universitaria, piazza Antoniotto Botta Adorno, piazza Collegio Ghislieri e la Chiesa di San Teodoro.

Altra location è Milano, dove si possono riconoscere: via Palazzo Reale e piazza Belgioioso col suo Palazzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Film decisamente atipico nella filmografia di Argento, al botteghino guadagnò 1 miliardo e 280 milioni di lire. Inizialmente per la regia si era pensato a Nanni Loy, e ad Ugo Tognazzi come attore protagonista.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]