Adriano Celentano con Giulio Libano e la sua orchestra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adriano Celentano con Giulio Libano e la sua orchestra
ArtistaAdriano Celentano
Tipo albumStudio
Pubblicazionemarzo 1960
Durata21:30
Dischi1
Tracce12
GenereRock
Rock and roll
Swing
Musica leggera
Pop
EtichettaJolly LPJ 5008
ProduttoreWalter Guertler
ArrangiamentiGiulio Libano
Registrazionemono
FormatiLP, CD
Adriano Celentano - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1960)
Singoli
  1. Personality/Il mondo gira
    Pubblicato: 1960

Adriano Celentano con Giulio Libano e la sua orchestra è considerato l'album d'esordio dell'artista italiano Adriano Celentano, pubblicato su vinile dalla Jolly (catalogo LPJ 5008) nel 1960, anticipato dal singolo Il tuo bacio è come un rock (1959) presentato al Festival di Ancona.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È ritenuto il primo album della discografia di Celentano,[1] sia perché in precedenza erano stati pubblicati solo singoli o EP contenenti cover, sia perché soltanto con la Jolly ha inizio la produzione di materiale inedito originale cantato in italiano, come il singolo Hoola Hop Rock/La febbre dell'hoola hop (catalogo J 20045 del 1958) e l'EP Il tuo bacio è come un rock/Il ribelle/Nessuno crederà/I ragazzi del juke-box (EPJ 1053 del settembre 1959).[2]

La discografia ufficiale inizia invece con l'album Non mi dir del 1965,[3] in quanto considera solo i lavori pubblicati dall'etichetta discografica indipendente Clan Celentano di proprietà della famiglia dello stesso artista.

Del disco, spesso ristampato interamente o parzialmente con il titolo del suo brano più conosciuto: Il tuo bacio è come un rock (nella prima edizione LPJ 5008 riportato solo sull'etichetta e non in copertina),[1] sono note svariate edizioni della stessa Jolly, di altre etichette come Stella Records e Joker, e di serie economiche come Niagara (venduta per corrispondenza); senza contare le innumerevoli compilation che ne contengono molti o solo alcuni brani.
Nel 1995 la Mercury Records ristampa l'originale su CD in tiratura limitata, allegandolo alla rivista Raro! (catalogo 526 883-2).

Come suggerito dal titolo originale, tutte le canzoni dell'album sono arrangiate dal maestro Giulio Libano, uno dei direttori d'orchestra che in quegli anni lavorava presso la Jolly, apprezzato anche come trombettista.

La copertina raffigura Celentano con un berretto e la chitarra a tracolla mentre balla.[1][4]

L'album è al decimo posto nella classifica dei 100 album italiani più belli di sempre stilata dalla rivista Rolling Stone Italia nel 2012.[5]

La ristampa del 2011[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 luglio 2011, la Jolly ha pubblicato l'album originale in edizione limitata sia su CD (catalogo CD 5008, 8 00488 3 94998 4), sia su LP in vinile colorato da 180 grammi (LPJ 5008, 8 00488 3 21517 1). Insieme all'LP anche un nuovo singolo 7" con l'inedita versione alternativa di Happy Days Are Here Again e il brano mai pubblicato Who's Sorry Now; entrambi aggiunti come bonus track alla fine del CD.

I brani[modifica | modifica wikitesto]

  • Il tuo bacio è come un rock e Il ribelle
    Sono i soli pezzi firmati anche da Celentano.
    Nel testo di Il ribelle e di Blue Jeans Rock si accenna alla ribellione degli adolescenti verso i genitori.
  • Desidero te
    Cover della canzone di Giorgio Gaber (singolo - 1959) con lo stesso titolo.
  • Piccola e Ritorna lo Shimmy
    Presenti nella versione cantata in coppia con la cantante svizzera Anita Traversi.
  • Il mondo gira e Personality
    Unici inediti, sono stati pubblicati lo stesso anno nell'unico singolo estratto dall'album.
  • Personality
    Cover del singolo originale del 1959, disco d'oro negli USA per il suo autore/interprete Lloyd Price.
    In Italia, con titolo Personalità e testo di Giuseppe Perotti, nell'interpretazione di Caterina Valente (singolo Personalità/Till e album Personalità) raggiunge il vertice della classifica nel 1960 e ottiene un disco d'oro.
    Sarà poi incisa da Mina e inserita nel suo album Il cielo in una stanza (1960), infine verrà pubblicata da Celentano.
  • Nikita Rock
    Prima canzone di Celentano con riferimenti politici.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

L'anno indicato è quello di pubblicazione del singolo.

1960 e 2011 - LP originale, 1995 e 2011 - CD

Lato A

  1. Il tuo bacio è come un rock (testo: Piero Vivarelli, Lucio Fulci – musica: Ezio Leoni, Adriano Celentano) – 1959
  2. Desidero te (testo: Luciano Beretta – musica: Ezio Leoni) – 1959
  3. Adriano Celentano e Anita TraversiPiccola (testo: Gian Carlo Testoni – musica: Alberto Pizzigoni) – 1960
  4. Pronto pronto (testo: Luciano Beretta – musica: Ezio Leoni) – 1959
  5. Il mondo gira (testo: Cadam – musica: Mansueto De Ponti) – inedito
  6. Blue Jeans Rock (testo: Piero Vivarelli, Lucio Fulci – musica: Ezio Leoni) – 1960

Lato B

  1. Personality (testo: Pinchi – musica: Lloyd Price, Harold Logan) – inedito
  2. Idaho (testo: Alberto Testa – musica: Monegasco) – 1959
  3. Adriano Celentano e Anita TraversiRitorna lo Shimmy (testo: Biri – musica: Pino Massara, Vittorio Buffoli) – 1960
  4. Teddy Girl (testo: Luciano Beretta – musica: Ezio Leoni) – 1959
  5. Nikita Rock (testo: Piero Vivarelli, Lucio Fulci – musica: Giulio Libano) – 1960
  6. Il ribelle (testo: Gian Carlo Testoni – musica: Ezio Leoni, Adriano Celentano) – 1959
2011 - Singolo 7" e bonus track del CD

Lato A

  1. Happy Days Are Here Again (versione alternativa) (testo: Jack Yellen – musica: Milton Ager)

Lato B

  1. Who's Sorry Now? (inedito) (testo: Bert Kalmar, Harry Ruby – musica: Ted Snyder)

Le registrazioni sono del 6 ottobre 1958: sul lato A una versione inedita senza coro e con diverso assolo di sassofono di Eraldo Volontè, rispetto al singolo ufficiale di Celentano del 1958; sul lato B un brano mai pubblicato. Entrambe sono cover di canzoni americane, rispettivamente del 1929 e del 1923, utilizzate poi in colonne sonore di film: la prima in Chasing Rainbows (1930), l'altra in A Night in Casablanca (1946) dove è cantata dai Fratelli Marx.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Il tuo bacio è come un rock, su Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  2. ^ Discografia di Adriano Celentano, su Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 31 agosto 2014.
  3. ^ Discografia album, in sito ufficiale, Clan Celentano S.r.l. URL consultato il 10 settembre 2014.
  4. ^ Celentano vince causa sull'immagine, in archivio storico, Corriere della Sera, 11 giugno 2008, p. 42. URL consultato il 7 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2014).
  5. ^ Bilbo, I 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone, in Cantanti italiani/Classifiche, LaMusicaRock.it, 6 febbraio 2012. URL consultato il 31 agosto 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]