Gustavo Poyet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Gustavo Poyet
Poyet alla guida del Brighton nel 2010
Nazionalità Bandiera dell'Uruguay Uruguay
Altezza 188 cm
Peso 83 kg
Calcio
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Bandiera della Grecia Grecia
Termine carriera 2005 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1985-1988River Plate (M)? (?)
1988-1989Grenoble37 (8)
1989-1990Bella Vista? (?)
1990-1997Real Saragozza239 (63)
1997-2001Chelsea105 (36)
2001-2004Tottenham82 (18)
2004-2006Swindon Town0 (0)
Nazionale
1993-2000Bandiera dell'Uruguay Uruguay26 (3)
Carriera da allenatore
2006Swindon TownVice
2006-2007Leeds UtdVice
2007-2008TottenhamVice
2009-2013Brighton
2013-2015Sunderland
2015-2016AEK Atene
2016Betis
2016-2017Shanghai Shenhua
2018Bordeaux
2021Universidad Católica
2022-Bandiera della Grecia Grecia
Palmarès
 Copa América
Oro Uruguay 1995
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gustavo Augusto Poyet Domínguez, detto Gus Poyet[1] (Montevideo, 15 novembre 1967), è un allenatore di calcio ed ex calciatore uruguaiano, di ruolo centrocampista, commissario tecnico della nazionale greca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È il padre di Diego Poyet, suo assistente tecnico nella nazionale greca.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

La carriera da professionista in Europa di Poyet inizia nella stagione 1988-1989 nel club francese del Grenoble. La stagione successiva è nelle file della compagine uruguaiana del Bella Vista di Montevideo. Poyet si trasferisce quindi in Spagna, dove si afferma nel Real Saragozza. Nei sette anni trascorsi nella Liga spagnola Poyet vince una Coppa del Re (1994) e una Coppa delle Coppe (1994-1995, in finale contro l'Arsenal), collezionando in tutto 239 presenze e 39 reti, diventando così il giocatore straniero con più presenze nella storia del club aragonese.

Le convincenti prestazioni del "motorino" di centrocampo uruguagio inducono il Chelsea ad acquistarlo nel 1997. Il giocatore (che pure subisce un grave infortunio ai legamenti di un ginocchio) non tradisce le attese, mettendo a segno 36 gol in 105 incontri disputati e conquistando, nel 1997-1998, la sua seconda Coppa delle Coppe, in finale contro lo Stoccarda. A questo trofeo seguono la conquista della Supercoppa europea contro il Real Madrid nell'agosto del 1998, vinta grazie ad un suo gol, e, nel 1999-2000, la FA Cup.

La sua carriera inglese prosegue tra le file del Tottenham Hotspur, dove realizza 18 reti in 3 anni (a fronte delle 82 presenze totalizzate). Chiude la carriera da calciatore nello Swindon Town, squadra che gli permette di fare la prima esperienza da viceallenatore.

Con la maglia della Nazionale uruguaiana Poyet ha totalizzato 26 presenze e messo a segno 3 reti. Nel 1995, battendo in finale il Brasile, ha vinto la Coppa America.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dal 22 maggio 2006 al 24 ottobre 2006 è vice-allenatore di Dennis Wise allo Swindon Town e dal 24 ottobre 2006 al 29 ottobre 2007 al Leeds United. Dal 29 ottobre 2007 al 26 ottobre 2008 è vice allenatore di Juande Ramos al Tottenham Hotspur.

Il 10 novembre 2009 ottiene il suo primo incarico di primo allenatore assumendo la guida del Brighton & Hove, formazione militante nella League One, chiamando come suo vice l'ex compagno Mauricio Taricco.[3] Inizia subito con una bella vittoria ai danni del Southampton per 3-1.

Nella stagione 2010-2011 Brighton & Hove raggiunge un'inaspettata promozione, facendo balzare la squadra dalla terza divisione alla Championship, campionato cadetto inglese. All'improvviso il 23 giugno 2013 viene esonerato in diretta tv.[4]

L'8 ottobre 2013 sostituisce Paolo Di Canio sulla panchina del Sunderland.[5] Conquista la salvezza durante il recupero contro il West Bromwich Albion prima dell'ultima giornata. Durante la prima stagione arriva in finale di League Cup, poi persa contro il Manchester City. Il 16 marzo 2015 viene esonerato dopo la sconfitta interna per 0-4 dall'Aston Villa.[6]

Il 29 ottobre subentra al dimissionario Traïanos Dellas sulla panchina dell'AEK Atene, club militante nella massima serie Greca, firmando fino a giugno 2016.[7] Il 20 aprile 2016 viene licenziato dopo aver manifestato il suo addio al termine della stagione sportiva.

Il 9 maggio 2016 viene ufficializzato come nuovo tecnico del Betis Siviglia, per sostituire l'esonerato Juan Merino. Il 12 novembre viene sollevato dall'incarico.

Il 29 novembre 2016 viene nominato tecnico del club cinese del Shanghai Shenhua.[8] L'11 settembre 2017, dopo la sconfitta contro l'Henan Jianye, si dimette lasciando il club al dodicesimo posto in campionato.[9]

Il 20 gennaio 2018 subentra sulla panchina del Bordeaux, in Ligue 1, per poi chiudere il campionato 2017-2018 al sesto posto. Nell'agosto seguente è esonerato dopo aver criticato pubblicamente la dirigenza per la cessione del calciatore Gaëtan Laborde al Montpellier[10].

Il 3 febbraio 2022 viene nominato commissario tecnico della Grecia, prima sua esperienza alla guida di una nazionale.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 13 giugno 2022. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
nov. 2009-2010 Bandiera dell'Inghilterra Brighton FL1 31 12 9 10 FACup+CdL 4+0 3+0 0+0 1+0 - - - - - - - - - - 35 15 9 11 42,86 Sub., 13°
2010-2011 FL1 46 28 11 7 FACup+CdL 7+1 4+0 2+0 1+1 - - - - - EFL 1 0 0 1 55 32 13 10 58,18
2011-2012 FLC 46 18 14 14 FACup+CdL 4+3 1+2 2+0 1+1 - - - - - - - - - - 53 21 16 16 39,62 10°
2012-2013 FLC 46+2[11] 19+0 18+1 9+1 FACup+CdL 2+1 1+0 0+0 1+1 - - - - - - - - - - 51 20 19 12 39,22
Totale Brighton 171 77 53 41 22 11 4 7 - - - - - - - - 193 88 57 48 45,60
ott. 2013-2014 Bandiera dell'Inghilterra Sunderland PL 31 10 7 14 FACup+CdL 5+4 3+3 1+0 1+1 - - - - - - - - - - 41 16 8 16 39,02 Sub., 14°
2014-mar. 2015 PL 29 4 14 11 FACup+CdL 4+2 2+1 1+0 1+1 - - - - - - - - - - 35 7 15 13 20,00 Eson.
Totale Sunderland 60 14 21 25 15 9 2 4 - - - - 1 0 0 1 75 23 23 29 30,67
nov. 2015-apr. 2016 Bandiera della Grecia AEK Atene SLE 22 12 5 5 CG 6 6 0 0 - - - - - - - - - - 28 18 5 5 64,29 Sub., Eson.
ago.-nov. 2016 Bandiera della Spagna Betis PD 11 3 2 6 CR - - - - - - - - - - - - - - 11 3 2 6 27,27 Eson.
2017 Bandiera della Cina Shanghai Shenhua CSL 23 6 6 11 CC 5 4 0 1 ACL 1[12] 0 0 1 - - - - - 29 10 6 13 34,48 Dim.
gen.-mag. 2018 Bandiera della Francia Bordeaux L1 16 9 2 5 - - - - - - - - - - - - - - - 16 9 2 5 56,25 Sub, 6°
ago. 2018 L1 1 0 0 1 CF+CdL 0+0 0+0 0+0 0+0 UEL 4[12] 4 0 0 - - - - - 5 4 0 1 80,00 Eson.
Totale Bordeaux 17 9 2 6 0 0 0 0 4 4 0 0 - - - - 21 13 2 6 61,90
2021 Bandiera del Cile Universidad Católica PD 18 9 2 7 - - - - - CL 8 3 0 5 SC 1 1 0 0 27 13 2 12 48,15 Eson.
Totale Carriera 322 130 91 101 48 30 6 12 5 4 0 1 1 0 0 1 376 164 97 115 43,62

Nazionale nel dettaglio[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 21 novembre 2023.

Stagione Squadra Campionato Piazzamento Andamento Reti
Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte % vittorie GF GS DR
2022 Bandiera della Grecia Grecia UEFA Nations League 1º nel gruppo 2 della Lega C, promosso 6 5 0 1 83,33 10 2 +8
2023 Qual. Euro 2024 3º nel gruppo B, accede ai play-off 8 4 1 3 50,00 14 8 +6
2022 Amichevoli 6 2 2 2 33,33 6 5 +1
Totale Grecia 20 10 3 6 50,00 30 15 +15

Panchine da commissario tecnico della nazionale greca[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Grecia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
25-3-2022 Bucarest Romania Bandiera della Romania 0 – 1 Bandiera della Grecia Grecia Amichevole Andreas Bouchalakis Cap: P.Mantalos
28-3-2022 Podgorica Montenegro Bandiera del Montenegro 1 – 0 Bandiera della Grecia Grecia Amichevole - Cap: A.Bakasetas
2-6-2022 Belfast Irlanda del Nord Bandiera dell'Irlanda del Nord 0 – 1 Bandiera della Grecia Grecia UEFA Nations League 2022-2023 - Lega C Anastasios Bakasetas Cap: A.Bakasetas
5-6-2022 Pristina Kosovo Bandiera del Kosovo 0 – 1 Bandiera della Grecia Grecia UEFA Nations League 2022-2023 - Lega C Anastasios Bakasetas Cap: A.Bakasetas
9-6-2022 Volos Grecia Bandiera della Grecia 3 – 0 Bandiera di Cipro Cipro UEFA Nations League 2022-2023 - Lega C Anastasios Bakasetas
Vangelis Pavlidis
Dīmītrīs Limnios
Cap: A.Bakasetas
12-6-2022 Volos Grecia Bandiera della Grecia 2 – 0 Bandiera del Kosovo Kosovo UEFA Nations League 2022-2023 - Lega C Giōrgos Giakoumakīs
Petros Mantalos
Cap: A.Bakasetas
24-9-2022 Larnaca Cipro Bandiera di Cipro 1 – 0 Bandiera della Grecia Grecia UEFA Nations League 2022-2023 - Lega C - Cap: A.Bakasetas
27-9-2022 Atene Grecia Bandiera della Grecia 3 – 1 Bandiera dell'Irlanda del Nord Irlanda del Nord UEFA Nations League 2022-2023 - Lega C Dīmītrios Pelkas
Giōrgos Masouras
Petros Mantalos
Cap: A.Bakasetas
17-11-2022 Ta' Qali Malta Bandiera di Malta 2 – 2 Bandiera della Grecia Grecia Amichevole Anastasios Bakasetas
Taxiarchis Fountas
Cap: A.Bakasetas
20-11-2022 Budapest Ungheria Bandiera dell'Ungheria 2 – 1 Bandiera della Grecia Grecia Amichevole Anastasios Bakasetas (rig.) Cap: A.Bakasetas
24-3-2023 Faro Gibilterra Bandiera di Gibilterra 0 – 3 Bandiera della Grecia Grecia Qual. Euro 2024 Giōrgos Masouras
Manolis Siopis
Anastasios Bakasetas
Cap: A.Bakasetas
27-3-2023 Atene Grecia Bandiera della Grecia 0 – 0 Bandiera della Lituania Lituania Amichevole - Cap: A.Bakasetas
16-6-2023 Atene Grecia Bandiera della Grecia 2 – 1 Bandiera dell'Irlanda Irlanda Qual. Euro 2024 Anastasios Bakasetas (rig.)
Giōrgos Masouras
Cap: A.Bakasetas
19-6-2023 Saint-Denis Francia Bandiera della Francia 1 – 0 Bandiera della Grecia Grecia Qual. Euro 2024 - Cap: A.Bakasetas
7-9-2023 Eindhoven Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 0 Bandiera della Grecia Grecia Qual. Euro 2024 - Cap: A.Bakasetas
10-9-2023 Atene Grecia Bandiera della Grecia 5 – 0 Bandiera di Gibilterra Gibilterra Qual. Euro 2024 Dīmītrios Pelkas
2 Kōnstantinos Mavropanos
2 Giōrgos Masouras
Cap: A.Bakasetas
13-10-2023 Dublino Irlanda Bandiera dell'Irlanda 0 – 2 Bandiera della Grecia Grecia Qual. Euro 2024 Giōrgos Giakoumakīs
Giōrgos Masouras
Cap: A.Bakasetas
16-10-2023 Atene Grecia Bandiera della Grecia 0 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2024 - Cap: A.Bakasetas
17-11-2023 Atene Grecia Bandiera della Grecia 2 – 0 Bandiera della Nuova Zelanda Nuova Zelanda Amichevole Giannīs Kōnstantelias
Giōrgos Giakoumakīs
Cap: A.Bakasetas
21-11-2023 Atene Grecia Bandiera della Grecia 2 – 2 Bandiera della Francia Francia Qual. Euro 2024 Anastasios Bakasetas
Fōtīs Iōannidīs
Cap: A.Bakasetas
Totale Presenze 20 Reti 30

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Real Saragoza: 1993-1994
Chelsea: 1997-1998
Chelsea: 1999-2000
Chelsea: 2000

Competizioni Internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Real Saragoza: 1994-1995
Chelsea: 1997-1998
Chelsea: 1998

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

1995

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Brighton: 2010-2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tom Hopkinson, Gus Poyet sends Champions League message to Spurs - and makes final prediction, su mirror.co.uk, 1º giugno 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  2. ^ (EN) John Cross, Diego Poyet targeted by Championship clubs after West Ham exit, 2 settembre 2016. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  3. ^ Ufficiale: Poyet sulla panchina del Brighton, su m.tuttomercatoweb.com, tuttomercatoweb.com, 10 novembre 2009.
  4. ^ Gus Poyet learns of Brighton sacking while on BBC TV, su theguardian.com, 23 giugno 2013.
  5. ^ Ufficiale: Sunderland, Poyet è il nuovo tecnico, su m.tuttomercatoweb.com, tuttomercatoweb.com, 8 ottobre 2013.
  6. ^ Ufficiale: Sunderland, esonerato Gus Poyet, su m.tuttomercatoweb.com, tuttomercatoweb.com, 16 marzo 2015.
  7. ^ Ufficiale: AEK Atene, annunciato l'arrivo di Gus Poyet, su m.tuttomercatoweb.com, tuttomercatoweb.com, 29 ottobre 2015.
  8. ^ Ufficiale: Shanghai Shenhua, Poyet è il nuovo allenatore, su tuttomercatoweb.com, 29 novembre 2016.
  9. ^ Ufficiale: Shanghai Shenhua, lascia il tecnico Poyet, su tuttomercatoweb.com, 11 settembre 2017.
  10. ^ Costa caro lo sfogo di Poyet: subito esonerato dal Bordeaux, Il Mattino, 17 agosto 2018. URL consultato il 22 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2018).
  11. ^ Play-Off Promozione
  12. ^ a b Nei turni preliminari

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]