Shanghai Lüdi Shenhua Zuqiu Julebu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Shanghai Lüdi Shenhua Z.J.
Calcio Football pictogram.svg
The Flower of Shanghai (il fiore di Shanghai)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px vertical Blue HEX-0434B1 Red HEX-F6002F White.svg Blu, rosso, bianco
Dati societari
Città Shanghai
Nazione Cina Cina
Confederazione AFC
Federazione Flag of the People's Republic of China.svg CFA
Campionato Chinese Super League
Fondazione 1951
Rifondazione1993
Presidente Cina Wu Xiaohui
Allenatore Corea del Sud Choi Kang-hee
Stadio Hongkou Stadium
(33 060 posti)
Sito web www.shenhuafc.com.cn
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato cinese
Trofei nazionali 4 Coppe della Cina
3 Supercoppe di Cina
Trofei internazionali 1 A3 Champions Cup
Si invita a seguire il modello di voce

Lo Shanghai Lüdi Shenhua Zuqiu Julebu (上海绿地申花足球俱乐部S, Shànghǎi Lǜdì Shēnhuā Zúqiú JùlèbùP), a volte tradotto come Shanghai Greenland Shenhua Football Club, è una società calcistica cinese con sede a Shanghai, militante nella Chinese Super League. Gioca le partite casalinghe all'Hongkou Stadium di Shanghai (33 060 posti). I colori sociali sono blu, rosso e bianco.

Già noto come Shanghai F.C., il 10 dicembre 1993 si diede un'organizzazione professionistica completa in modo da poter essere uno dei membri fondatori della Jia-A League nel 1994. Da allora ha vinto 1 campionati cinesi, 3 Coppe della Cina e 3 Supercoppe di Cina, oltre a una A3 Champions Cup.

Secondo Forbes, nel 2015 era il sesto club più ricco di Cina[1].

Denominazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 1951 al 1953: East China Football Club
  • Dal 1953 al 1993: Shanghai Shi Zuqiu Dui (上海市足球队S; Shanghai Football Club)
  • Dal 1993 al 2001: Shanghai Shenhua Zuqiu Julebu (上海申花足球俱乐部S; Shanghai Shenhua Football Club)
  • Nel 2001: Shanghai Shenhua Tuo Pu Zuqiu Julebu (上海申花托普足球俱乐部S)
  • Dal 2001 al 2007: Shanghai Shenhua SVA Wen Guang Zuqiu Julebu (上海申花SVA文广足球俱乐部S; Shanghai Shenhua SVA SMEG Football Club)
  • Dal 2007 al 2013: Shanghai Shenhua Liancheng Zuqiu Julebu (上海申花联盛足球俱乐部S)
  • Nel 2014: Shanghai Lüdi Zuqiu Julebu (上海绿地足球俱乐部S; Shanghai Greenland Football Club)
  • Dal 2014: Shanghai Lüdi Shenhua Zuqiu Julebu (上海绿地申花足球俱乐部S; Shanghai Greenland Shenhua Football Club)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ante-Shanghai Shenhua[modifica | modifica wikitesto]

Prima dello Shanghai Shenhua esisteva un altro club, che si chiamava East China, con sede a Shanghai (che, appunto, si trova nella parte Est della Cina), il quale nacque nell'ottobre 1951. Il governo locale, poi, propose al team cinese di entrare a far parte della massima serie del campionato cinese di calcio. La proposta fu accettata ben volentieri, e l'East China arrivò subito secondo in campionato (il quale vide trionfare il Liaoning). Dopodiché, essendosi il calcio cinese molto ampliato, alla squadra fu concesso di chiamarsi Shanghai, proprio perché risiedevano nella città omonima. Successivamente, nel 1957, il nome divenne Shanghai Football Club.

Nel campionato del 1961 la Shanghai Football Club riuscì a imporsi in tutta la Cina come una delle maggiori squadre del calcio cinese, grazie anche alla vittoria del titolo nazionale. Anche il campionato del 1962 fu vinto dalla squadra di Shanghai, ma poi fin dopo il campionato del 1966 non riuscì più a ottenere titoli nazionali, continentali e internazionali. La crisi continuerà fino al 1991, anno nel quale lo Shanghai riesce a vincere la Coppa della Cina, la seconda dopo quella del 1951.

Gli anni 90[modifica | modifica wikitesto]

Nel periodo degli anni 90, gli allenatori cinesi e anche i presidenti delle squadre chiedevano più competizione e professionismo dai giocatori, e allora lo Shanghai F.C., dopo aver ricevuto e accettato una richiesta di sponsorizzazione da Yu Zhifei, cambia il nome in Shanghai Shenhua Football Club il 10 dicembre 1993 (tra l'altro, Shanghai Shenhua, in cinese, significa Fiore di Shanghai). Alla gestione tecnica del club passò poi Xu Genbao (ex-allenatore della Nazionale calcistica cinese), che aveva come obiettivo e traguardo il secondo scudetto della Jia-A League, dopo quello ottenuto nel 1995. Egli, però, non vi riuscì e allora venne licenziato. Al suo posto arrivarono numerosi allenatori di varia etnia, per aggiungere ai giocatori nuovi stili e tecniche di gioco. Il tecnico Muricy Ramalho è riuscito a vincere la Coppa della Cina del 1998.

Il nuovo secolo nella Jia-A League[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2001, lo Shanghai Shenhua rescisse il contratto del team sponsorizzante Shanghai, e quindi la squadra firmò un contratto con ben due team sponsorizzanti: la SVA e la Shanghai Media & Entertainment Group. Perciò lo Shanghai Shenhua cominciò a farsi chiamare anche Shanghai SVA SMEG Football Club, conservando però anche il nome che aveva ottenuto affiliandosi con il team sponsorizzante Shanghai. Inoltre, nella sua rosa avrebbe rilevato anche nuove speranze del calcio cinese, provenienti dallo Shanghai 02.

Proprio dalla squadra giovanile dello Shanghai Shenhua venne promosso da allenatore delle giovanili a allenatore della prima squadra Wu Jingui, che fece prendere parte nella rosa della prima squadra numerosi giocatori giovani, legati allo Shanghai 02. Nella sua stagione di debutto, quella del 2003, l'allenatore cinese riesce a far conquistare alla squadra di Shanghai il suo 2º titolo in Jia-A League, il 4° complessivamente. Tuttavia, nel 2011 si venne a sapere che l'arbitro Lu Jun era stato corrotto con 350.000 yuan dal capo della federazione arbitrale cinese, Zhang Jianqiang, per essere propenso allo Shanghai Shenhua nel derby che la squadra avrebbe disputato contro lo Shanghai International, partita di vitale importanza per lo Shanghai Shenhua, vinta da quest'ultima per 4-1.[2] Lu Jun e Zhang Jianqiang furono duramente puniti dalla Federcalcio cinese e, successivamente, si scoprì che anche il manager generale dello Shanghai Shenhua aveva corrotto il presidente della federazione arbitrale cinese con 350.000 yuan. Nonostante in un primo momento la squadra fosse stata graziata (in quanto erano stati ritenuti colpevoli solo i singoli responsabili della combine e non l'intero club), il 18 febbraio 2013 la Federcalcio cinese cambiò parere e punì retroattivamente lo Shanghai Shenhua revocandogli il titolo vinto nel 2003, comminandogli una multa di un milione di yuan ed infliggendogli una penalità di 6 punti da scontare nella Chinese Super League 2013 dopo aver scoperto che sempre nel campionato del 2003 era stato truccando anche l'incontro tra lo Shanghai Shenhua e lo Shaanxi Guoli.[3][4]

Lo Shanghai Shenhua nella Chinese Super League[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007, dopo aver vinto l'ultima edizione della A3 Champions Cup, il presidente della squadra rivale dello Shanghai Shenhua, lo Shanghai United F.C., comprò la maggioranza delle azioni del club principale di Shanghai. Quindi fuse le due squadre, lasciando come nome ufficiale il seguente: Shanghai Shenhua Football Club. Il suo primo lavoro fu quello di licenziare l'allenatore dello Shanghai Shenhua ante-2007, sostituendolo con l'allenatore dello Shanghai United F.C. ante-2007, ossia Osvaldo Giménez. Tuttavia, a capo dell'area tecnica dello Shanghai Shenhua F.C. ritornò, dopo 6 mesi, Wu Jingui, che però fu licenziato il 9 settembre 2008. Al suo posto venne invece assunto Xiuquan Jia, che lo sostituì lo stesso giorno.

Nel 2009, lo Shanghai Shenhua fece la storia del calcio cinese. Fu infatti il primo club ad assumere un direttore generale e estero che, in precedenza, era stato lui stesso allenatore della squadra. Fu infatti Osvaldo Giménez a diventare il nuovo direttore generale della squadra di Shanghai. Come allenatore venne assunto, invece, l'ex-PSV Stan Valkx, ma con cattivi risultati. Dopo la prestazione del 2011, il presidente Zhu Jun decise di acquistare un giocatore abbastanza forte da fare anche l'allenatore. Un cosiddetto calciatore-allenatore. Il 12 dicembre 2011, allora, la squadra comunicò, tramite la stampa e il sito ufficiale, che aveva appena acquistato questo tanto famigerato calciatore-allenatore: Nicolas Anelka, prelevato dal Chelsea. Tuttavia, la squadra guidata da Nicholas non andava tanto bene, tanto che il presidente decise di ingaggiare un allenatore, Sergio Batista, a supporto della squadra, dando a Anelka solo il ruolo di calciatore. Dopodiché, lo Shanghai Shenhua decise di acquistare un altro giocatore proveniente dal Chelsea. Si tratta di Didier Drogba, autore di una stagione perfetta alla squadra londinese, con la quale ha vinto praticamente tutto. Il contratto che il giocatore ivoriano ha firmato con la squadra di Shanghai è della durata di due anni e mezzo.

Il 31 gennaio 2014 il club viene acquistato dal Greenland Holding Group Company Limited. Il successivo 6 febbraio Greenland Holding Group Company Limited annuncia che il nome della squadra sarebbe diventato Shanghai Greenland Shenhua Football Club.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

(1961)[5], (1962)[5], 1995, 2003[6][4]
(1956)[5], 1991, 1998, 2017, 2019
1996, 1999, 2002

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2007

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1951, 1956, 1964, 1973, 1991, 1996, 1997, 1998, 2000, 2001, 2005, 2006, 2008
Terzo posto: 1953, 1954, 1960, 1987, 1989, 1994, 2010
Finalista: 1995, 1997, 2015
Semifinalista: 1999, 2004, 2011, 2014, 2016
Finalista: 2003, 2018
Terzo posto: 2004

Rosa Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 14 novembre 2020[7].

N. Ruolo Giocatore
1 Cina P Ma Zhen
3 Cina D Bi Jinhao
5 Cina D Zhu Chenjie
6 Cina D Feng Xiaoting
7 Cina C Alexander N'Doumbou
8 Cina C Zhang Lu
10 Colombia C Giovanni Moreno
11 Cina C Yu Hanchao
13 Cina D Zhao Mingjian
14 Cina D Sun Kai
15 Ecuador C Fidel Martínez
19 Cina P Zeng Cheng
20 Corea del Sud A Kim Shin-wook
21 Cina C Zhu Baojie
22 Italia A Stephan El Shaarawy
23 Cina D Bai Jiajun
N. Ruolo Giocatore
25 Cina C Peng Xinli
26 Cina C Qin Sheng
27 Cina P Li Shuai
28 Cina C Cao Yunding
30 Camerun C Stéphane M'Bia
31 Ecuador C Miller Bolaños (capitano)
32 Cina D Aidi Fulangxisi
33 Cina C Wang Haijian
34 Cina D Lü Pin
35 Cina D Zhu Yue Xiaoting
37 Cina C Sun Shilin
38 Cina D Wen Jiabao
Cina C Liu Ruofan
Cina A Zhou Junchen
Cina A Zhu Jianrong
Cina C Wang Wei
Cina A Gao Di

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Staff dell'area tecnica

Club affiliati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chinese Soccer's Most Valuable Teams, Forbes. URL consultato il 14 agosto 2016.
  2. ^ (EN) Details of referee investigation released to public, su Chinadaily.com.cn, 31 marzo 2011. URL consultato il 16 agosto 2020.
  3. ^ (EN) Breaking News: Shenhua and Tianjin face 6-point deduction; Xu Hong barred from football for 5 years, su wildeastfootball.net, 18 febbraio 2013. URL consultato il 16 agosto 2020.
  4. ^ a b (EN) China Strips Shenhua of 2003 League Title, Bans 33 People for Life, su english.cri.cn, 18 febbraio 2013. URL consultato il 16 agosto 2020.
  5. ^ a b c Non professionistico.
  6. ^ Titolo revocato.
  7. ^ 申花官方发布新赛季大名单:新援到位 莫雷诺配银靴, Sina, 28 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio