Swaziland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Swaziland
Swaziland – Bandiera Swaziland - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Siyinqaba
("Noi siamo la fortezza")
Swaziland - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Regno dello Swaziland
Nome ufficiale (SWZ) Umbuso weSwatini
(EN) Kingdom of Swaziland
Lingue ufficiali swati
inglese[1]
Capitale Mbabane: amministrativa
Lobamba, reale e legislativa  (70 000 ab. / 2003)
Politica
Forma di governo monarchia assoluta
Re Mswati III dello Swaziland
Capo di Governo Barnabas Sibusiso Dlamini
Indipendenza 6 settembre 1968
Ingresso nell'ONU 1968
Superficie
Totale 17 363 km² (153º)
 % delle acque 0,9 %
Popolazione
Totale 1 104 343 ab. (2001) (151º)
Densità 65 ab./km²
Tasso di crescita 1,195% (2012)[2]
Geografia
Continente Africa
Confini Sudafrica, Mozambico
Fuso orario UTC +2
Economia
Valuta Lilangeni
PIL (nominale) 3 751[3] milioni di $ (2012) (157º)
PIL pro capite (nominale) 3 475 $ (2012) (117º)
PIL (PPA) 6 174 milioni di $ (2012) (157º)
PIL pro capite (PPA) 5 719 $ (2012) (119º)
ISU (2011) 0,522 (medio) (140º)
Fecondità 3,3 (2011)[4]
Varie
Codici ISO 3166 SZ, SWZ, 748
TLD .sz
Prefisso tel. +268
Sigla autom. SD
Inno nazionale Nkulunkulu Mnikati wetibusiso temaSwati
Festa nazionale 19 aprile
Swaziland - Mappa
 

Coordinate: 26°29′S 31°26′E / 26.483333°S 31.433333°E-26.483333; 31.433333

Il Regno dello Swaziland (Ngwana) è una nazione dell'Africa del Sud. È situata sul fianco orientale dei monti Drakensberg e confina con il Sudafrica a nord, ad ovest e a sud e con il Mozambico a est; non ha sbocco sul mare. Dista 80 km dall'Oceano Indiano. Il paese ha un basso livello di sviluppo economico.

Il nome[modifica | modifica sorgente]

Il nome significa "terra degli Swazi", dal nome della principale etnia del paese, gli swazi. In lingua italiana esiste, ma è poco usata, la traduzione Suazilandia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Storia antica[modifica | modifica sorgente]

Nello Swaziland sono stati rinvenuti resti umani e manufatti risalenti a oltre 100 000 anni fa. Le prime popolazioni dell'area, come del resto dell'Africa del Sud, furono boscimani e ottentotti.

La colonizzazione bantu e la nascita degli swazi[modifica | modifica sorgente]

Apparsi probabilmente già prima dell'anno 1000, i bantu provenienti dall'Africa centrale iniziarono nei secoli successivi una lenta ma continua migrazione verso est e verso sud, giungendo anche nello Swaziland, da cui nel XVII secolo cacciarono definitivamente i boscimani. I primi gruppi bantu a colonizzare l'area furono ngoni e sotho. Gli odierni swazi discendono dal gruppo ngoni, da cui si diversificarono a partire dal XVIII secolo, con la fondazione del primo regno swazi da parte di re Ngwane III. In questo periodo iniziò ad affermarsi il potentissimo clan Dlamini, tuttora molto potente.

Le guerre contro gli zulu[modifica | modifica sorgente]

Il Re Sobhuza I, succeduto a Ngwane III, dovette fronteggiare l'espansionismo zulu. Il conflitto si concluse con un netto ridimensionamento del regno swazi, limitato alla valle dell'Ezulwini. L'alleanza stretta tra boeri e zulu fece sì che gli swazi si alleassero coi britannici. Dopo ulteriori rovinosi scontri con boeri e zulu, nel 1877 il clan Dlamini assunse il potere invocando la protezione della Gran Bretagna, che nel 1881 proclamò ufficialmente il protettorato.

Il protettorato britannico e la prima fase del regno di Sobhuza II[modifica | modifica sorgente]

Protetti dai britannici, gli swazi poterono consolidare il loro regno nei confini attuali. Alla fine del XIX secolo re Mbadzeni promosse una politica di riavvicinamento ai boeri, e nel 1894 firmò un patto con la repubblica boera del Transvaal. Nonostante questo ravvicinamento, allo scoppio delle guerre anglo-boere lo Swaziland si schierò nettamente coi britannici, godendo anche dei frutti della vittoria inglese.

Nel 1921, il nuovo re Sobhuza II (1899-1982) inaugurò una fase di investimenti economici, aprendo in maniera netta il paese agli investimenti stranieri (soprattutto inglesi e sudafricani). Sobhuza promosse inoltre lo sviluppo agricolo, sulla base di vere e proprie economie di scala, incentivando la grande proprietà terriera.

Negli anni sessanta iniziò a svilupparsi nel paese un movimento antibritannico guidato dal principe Dumisa Dlamini, lo Ngwane National Liberatory Congress (NNLC). Questo movimento risultò tuttavia sempre sconfitto alle elezioni dal partito costituzionalista filobritannico Imbokodvo National Movement (INM).

L'indipendenza e la seconda fase del regno di Sobhuza II[modifica | modifica sorgente]

Nel 1968 Sobhuza II dichiarò l'indipendenza dalla Gran Bretagna nell'ambito del Commonwealth e modificò la costituzione, introducendo la monarchia costituzionale. A questo mutamento politico si oppose un forte partito assolutista, e la conseguente tensione politica portò a gravi scontri nel paese. Dopo cinque anni di crisi, nel 1973 Sobhuza II decise di sciogliere il parlamento e i partiti politici. Nel giro di cinque anni, la successiva "dittatura reale" riuscì a disarmare le fazioni e pacificare il regno.

Nel 1978, risolta la crisi, Sobhuza II tornò a elaborare una nuova costituzione, che conferiva al parlamento il potere amministrativo ma non quello legislativo.

Nell'ultima fase del suo regno Sobhuza II definì anche la politica estera dello Swaziland come fortemente filosudafricana, stringendo un'alleanza economica e militare con Pretoria e segnalandosi anche per la persecuzione di fuoriusciti dell'African National Congress nel suo territorio.

La reggenza e il regno di Mswati III[modifica | modifica sorgente]

Sobhuza II morì nel 1982. In base alle norme dinastiche vigenti nel paese, la sua morte diede inizio a un periodo di reggenza nell'attesa che il Liqoqo (il "Consiglio della Corona") designasse il successore. La reggenza venne inizialmente affidata alla regina Dzeliwe ("La grande elefantessa", titolo riservato alla prima moglie del sovrano), e dal 1983 alla regina Ntombi. Nel frattempo, le elezioni del 1983 premiarono gli assolutisti del Tibiyo.

Nel 1986 vene incoronato il nuovo re, il diciottenne Makhosetive, che assunse il nome di Mswati III. Questi iniziò il proprio governo con l'avvicinamento al clan Dlamini, formalizzato dall'incarico di primo ministro a Sotja Dlamini, sostituito nel 1989 da Obert Dlamini.

Con la caduta dell'apartheid in Sudafrica, lo Swaziland modificò la propria posizione in politica estera, prendendo le distanze dal nuovo Sudafrica. Fra le conseguenze di questa nuova situazione vi fu la rivendicazione da parte di Mswati III di alcuni territori limitrofi allo Swaziland e appartenenti al Sudafrica (2000).

Nel 2001, in parte con motivazioni legate alla lotta all'AIDS, Mswati III ha introdotto la legge della castità, che impone la castità femminile fino al compimento del ventiquattresimo anno di età. Recentemente sono state concesse deroghe per alcune giovani spose.

Nel 2006 il re ha promulgato una nuova costituzione che introduce la monarchia assoluta. Il parlamento ha ora solo poteri consultivi. I partiti politici sono sciolti: la costituzione ammette solo l'associazionismo apartitico.

Cascate Mantega

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Lo Swaziland è un piccolo stato (17.363 km²) dell'Africa australe privo di sbocchi al mare. Il suo territorio ha forma quasi circolare e confina in gran parte col Sudafrica (340 km), salvo un tratto di 105 km ad est col Mozambico.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Il paese si distende su un altopiano che digrada leggermente da ovest verso est, salvo risalire leggermente presso il confine col Mozambico. Il territorio si suddivide in tre aree geografiche ben distinte, chiamate localmente Veld (in afrikaans "campi"). Esse sono:

  • Alto Veld, a ponente, zona montuosa con vette che salgono fino a 1.860 m (Monte Emlemle). Esso è attraversato da profonde valli ricoperte da foreste. In quest'area si trovano le capitali (Mbabane e Lobamba) e la valle di Ezulwini;
  • Medio Veld, al centro del regno, area collinare (700 m circa) con praterie ubertose. Manzini ne è il centro più importante;
  • Basso Veld, a est, zona piana costituita da savane e piantagioni che, presso il confine col Mozambico, si eleva in dolci colline.

Idrografia[modifica | modifica sorgente]

I fiumi dello Swaziland provengono tutti dal Transvaal e attraversano il paese da ovest verso est per gettarsi poi nell'Oceano Indiano. I fiumi principali sono il Komati, lo Mbuluzi (Umbuluzi), lo Nggwavuma (Ingwavama) e lo Mkondo-Usutu.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Il clima è temperato caldo, con un'umidità e una piovosità che diminuiscono radicalmente spostandosi dall'Alto al Basso Veld. La media annuale delle precipitazioni ammonta infatti ad ovest a quasi 2 000 mm e ad est a 500 mm. Le temperature si mantengono piuttosto stabili senza raggiungere usualmente valori estremi. Durante la stagione calda, la temperatura media è di 23 °C (febbraio) mentre durante i mesi più freddi, può scendere sino a 12 °C (luglio).

Popolazioni[modifica | modifica sorgente]

Demografia[modifica | modifica sorgente]

La popolazione totale è stata stimata in 1 130 000 di abitanti nel 2006, per una densità di 65 abitanti per km quadrato. Il vero flagello del paese è l'AIDS: lo Swaziland è il paese più colpito del mondo, con una percentuale di sieropositivi sulla popolazione adulta pari al 40%. Ciò ha causato un'aspettativa di vita estremamente bassa, di 31 anni per gli uomini e 32 per le donne. La mortalità infantile supera l'88%. L'analfabetismo nel 2005 era al 20,8%, mentre due anni prima si attestava al 23,3%, segnando quindi un miglioramento.

Etnie[modifica | modifica sorgente]

Gli swazi, una popolazione del gruppo bantu, costituiscono circa l'84% della popolazione. A questi si aggiungono altri gruppi bantu (soprattutto zulu e sotho), che complessivamente rappresentano circa il 12%. Il resto è da suddividersi tra bianchi di origine anglosassone, boeri, indiani, meticci (incroci tra bianchi e asiatici) e mulatti (incroci tra bianchi e bantu).

Le diverse etnie dello Swaziland sono da sempre assai ben integrate tra loro, come dimostrano le feste per il genetliaco del re (19 aprile), durante le quali anche i non swazi, bianchi compresi, si uniscono alle danze tradizionali.

Lingue[modifica | modifica sorgente]

Le lingue ufficiali sono l'inglese e lo swati (siswati),[1] parlati da gran parte della popolazione. D'uso comune è anche l'afrikaans.

Religioni[modifica | modifica sorgente]

Le religioni più praticate sono: il Protestantesimo (35%) l'amaZioni (30%), il Cattolicesimo (25%). Seguono minoranze come l'Islam, (1%), i testimoni di Geova (0,3%) e l'Induismo (0,15%).[5][6]

Ordinamento dello Stato[modifica | modifica sorgente]

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica sorgente]

Lo Swaziland è diviso in 4 distretti:

  1. Hhohho
  2. Lubombo
  3. Manzini
  4. Shiselweni
Alture nei pressi di Piggs Peak

Città principali[modifica | modifica sorgente]

- Mbabane

- Lobamba

- Manzini

- Piggs Peak

- Mhlume

- Siteki

- Mankayane

- Hlatikulu

- Nhlangano

- Lavumisa

Istituzioni[modifica | modifica sorgente]

In base alla nuova costituzione del 2006 lo Swaziland è una monarchia assoluta. Il Re esercita i supremi poteri con l'ausilio del Consiglio supremo dello Stato e della Corona (Liqoqo), di nomina regia, composto dal Primo Ministro e da un numero imprecisato di Ministri. Il Parlamento ha funzione consultiva ed è bicamerale, composto da: Assemblea Nazionale, di 65 membri, tra cui 10 di nomina regia e 55 eletti sulla base di candidature individuali (non sono riconosciuti partiti politici); Senato, di 30 membri tra cui 20 di nomina regia e 10 cooptati dall'Assemblea Nazionale. Un'Assemblea generale tribale (Libanda) viene inoltre convocata annualmente dal re per ascoltare le esigenze e le richieste dei vari clan.

Politica[modifica | modifica sorgente]

Politica interna[modifica | modifica sorgente]

L'attuale politica interna del Re Mswati III si fonda sul radicamento dei princìpi tradizionali etnici e dell'assolutismo monarchico. Da segnalare la lotta all'AIDS, vero flagello di questo stato.

Politica estera[modifica | modifica sorgente]

In politica estera lo Swaziland si è recentemente allontanato dalla tradizionale alleanza col Sudafrica a favore di maggiori legami da un lato col Regno Unito, dall'altro col Mozambico.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Il PIL complessivo, a parità di potere d'acquisto, è ammontato nel 2012 a 6 174 milioni di dollari, 157º posto nel mondo, pari a 5 719 dollari pro capite. Lo Swaziland ha dunque un reddito pro capite superiore alla media africana. L'agricoltura può disporre dell'11% del territorio nazionale ed è favorita da un suolo fertile; il settore primario occupa il 40% della popolazione attiva e contribuisce per il 12% alla formazione del PIL nazionale, una parte non alta se si considera il numero di addetti. Buona parte delle terre sono organizzate infatti secondo i costumi tribali e sono scarsamente produttive: esse vengono messe in comune e la suddivisione del loro frutto spetta ai capitribù. Diverso il discorso delle grandi proprietà terriere, costituite sovente da piantagioni monocolturali di canna da zucchero o mais: esse sono gestite con metodi molto avanzati e professionali. L'estrazione mineraria occupa da tempo un ruolo rilevante nell'apparato economico degli swazi, ma oggi risulta meno importante di un tempo. Esauritesi le miniere di ferro, si estraggono principalmente amianto, diamanti e carbone. Altra importante forma di reddito è offerta dal turismo, alimentato quasi solo da turisti sudafricani; e proprio il Sudafrica è il maggior partner commerciale, con l'88% delle importazioni e il 52% delle esportazioni. Pochi i rapporti economici con altri Stati, salvo delle piccole importazioni dal Giappone, l'1,7% di quelle totali, e delle consistenti esportazioni, quasi il 20%, verso l'Unione Europea, in particolare Regno Unito. Questo quadro delinea una bilancia commerciale in passivo, al contrario di quella dei pagamenti, in attivo.

Ambiente[modifica | modifica sorgente]

Lo Swaziland possiede numerosi parchi e riserve naturali. In questo paese è forte il principio di compartecipazione tra pubblico e privato nella gestione dei beni floro-faunistici.

Un primo tipo di parco naturale è costituito dalla riserva statale che ha al suo interno una o più proprietà private di dimensioni variabili (possono anche coincidere con l'intero parco), che si occupano di gestire direttamente il patrimonio naturalistico e il turismo relativo, sulla base però delle direttive dello Stato, che mantiene sulla riserva pieno potere decisionale. La proprietà terriera si fa carico delle spese di controllo e gestione degli animali, del mantenimento in buone condizioni di strade e piste, dell'accoglienza dei turisti. In cambio, essa riceve i proventi del turismo e le sovvenzioni statali. Tra i parchi più interessanti di questa tipologia si hanno lo Hlane Game Reserve, ove si può osservare il raro rinoceronte bianco, lo Malolotja Nature Reserve Mkhaya e lo Mlawula Nature Reserve, ove trovansi vari serpenti particolari, come il mamba nero o il cobra sputante, oltre a 350 specie di uccelli, tra cui la rondine blu, il rarissimo ibis calvo, la gru blu, varie aquile e avvoltoi.

Un secondo tipo di parco è invece la riserva privata, ove l'intera organizzazione gestionale spetta al proprietario terriero, solitamente unico (più raramente in consorzio). Lo stato si limita a riscuoterne una modesta tassazione e a svolgere controlli. Sovente questo tipo di parco presenta residenze molto lussuose che prevedono per i turisti attrattive non solo di natura paesaggistico-ambientale, ma anche sociale (gare sportive, convegni, concerti, banchetti e simili). Tra le riserve private più importanti si hanno: Singita, Motswari, Londolozi, Inyati, Sabi Sabi, Makalali.

Arte[modifica | modifica sorgente]

La vena artistica degli swazi si esprime soprattutto attraverso la musica e la danza, di cui essi sono maestri, costituendo quasi il paradigma di suoni e movimenti di tipo tribale bantu. Non mancano tuttavia notevoli scuole artigianali di manifatture e utensileria di un certo prestigio, ma forse ciò che più caratterizza l'artigianato locale è la fabbricazione di monili e armi, in particolare scudi e frecce. Esiste un Consiglio Nazionale (Swaziland National Council of Arts and Culture) che si cura di preservare le arti swazi e promuove numerose iniziative tra cui mostre e congressi.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Molto diffusi gli sport tradizionali, di derivazione guerresca, come il tiro del giavellotto o il tiro con l'arco. Recentemente si è assistito altresì al diffondersi del rugby, insegnato con successo da allenatori sudafricani. Diffusi inoltre, tra i ceti sociali abbienti, il cricket e il golf. Poco praticata invece la pallavolo. Il calcio che nonostante in Africa negli ultimi anni si è molto sviluppato, in questo paese ancora non ha raggiunto un livello abbastanza professionale. Il 22 marzo 2013 la Nazionale dello Swaziland ha perso per 10-0 l'amichevole contro l'Egitto.

Tradizioni[modifica | modifica sorgente]

Tra le tradizioni popolari più importanti degli swazi si ha il vero e proprio culto delle feste nazionali, durante le quali il popolo esprime la maggior parte delle proprie più antiche usanze. Oltre al Genetliaco del Re (19 aprile), si hanno: il Genetliaco del Re Padre, ossia del re precedente all'attuale (22 luglio), l'Umhlanga ("danza del giunco", 1 settembre) che si protrae per più giorni. In questa occasione, decine di migliaia di giovani donne in età da matrimonio, sfilano in abiti tradizionali (che le lasciano quasi nude) di fronte al re, cercando di attirare la sua attenzione. In queste occasioni il sovrano sceglie di norma almeno una moglie da aggiungere al suo harem (nel paese è infatti ammessa e talora favorita la poligamia). Altra importante cerimonia è l'Incwala ("primi frutti", 16 dicembre). In quest'occasione i bemanti ("uomini istruiti") portano piante, acqua di fiume e spuma alla reggia. Il re accoglie questi uomini, danza innanzi a loro e, se lo ritiene opportuno, mangia una zucca, segno che indica l'inizio del raccolto. Infine si hanno la Festa della Bandiera (25 aprile), il Somhlolo (ovvero la Festa dell'Indipendenza, 6 settembre) e il Natale (25 dicembre), da tempo acquisito nelle usanze swazi come festa nazionale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Swaziland in The World Factbook, Central Intelligence Agency. URL consultato il 18-12-2012.
  2. ^ (EN) Population growth rate in CIA World Factbook. URL consultato il 28-2-2013.
  3. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  4. ^ Tasso di fertilità nel 2011. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  5. ^ (EN) Religious Intelligence - Country Profile: Swaziland (Kingdom of Swaziland). URL consultato il 5-12-2011.
  6. ^ Annuario dei Testimoni di Geova 2013, pagina 186 ISBN non esistente

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA.VV., South Africa, Lesotho & Swaziland, Lonely Planet, 2007.
  • C.Maroleng, The King's Constitution, in African Security Review, 2003.
  • C.P.Potholm, Swaziland: the Dynamics of Political Modernization, Berkeley, University of California Press, 1972.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

africa Portale Africa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di africa