Khoi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Khoi
Khoi
Foto di un Khoikhoi (o Ottentotto), prima pubblicazione negli USA, 1923
Nomi alternativi khoekhoen, khoikhoi, boscimani
Luogo d'origine Africa sudoccidentale
Lingua
Tribù Khoikhoi, Africa Sud-Occidentale, 1904
Esempio di arte rupestre Khoikhoi, graffiti a Twyfelfontein, Namibia.

I khoekhoen o khoikhoi (letteralmente "veri uomini"), o semplicemente khoi, sono un gruppo etnico dell'Africa sudoccidentale. Insieme ai san (o "boscimani") formano il gruppo khoisan, caratterizzato da elementi linguistici e culturali comuni. I khoikhoi furono anche noti come ottentotti, termine che deriva da hottentots che nel dialetto olandese del capo sta per "balbuziente". Il termine si riferisce a un peculiare insieme di suoni delle lingue khoisan, caratterizzate da consonanti clic, simili a schiocchi, e trascritte con segni come "|" o "/". Attualmente, il termine "ottentotto" rimane nell'uso soprattutto nella denominazione di piante e animali, come il fico degli ottentotti (Carpobrotus edulis). Fra i gruppi etnici moderni khoikhoi il principale è quello costituito dal popolo nama (o namaqua).

A differenza dei san, i khoikhoi sono un popolo dedito alla pastorizia. Il nome "vere persone" deve essere probabilmente letto come "uomini che possiedono animali domestici", in opposizione ai San (anche questo un nome coniato dai khoikhoi), i "diversi da noi" nel senso di "coloro che non possiedono animali".

Genocidio[modifica | modifica sorgente]

Dal 1904 al 1907 i namaqua, assieme agli herero, insorsero in armi contro i tedeschi che avevano colonizzato la Namibia, e 10000 nama, il 50% della popolazione, perirono nella repressione.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]