Saladino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Saladino (disambigua).
Miniatura di Saladino (ms. arabo del XII secolo)

Saladino, in arabo: صلاح الدين يوسف بن أيوب بن شادى بن مروان , Ṣalāḥ al-Dīn Yūsuf b. Ayyūb b. Shādī b. Marwān, o più sinteticamente, in in arabo: صلاح الدّين الأيّوبي, Ṣalāḥ al-Dīn al-Ayyūbi e in turco Selahaddin Eyyubi (Tikrit, 1137/1138 – Damasco, 3/4 marzo 1193), è stato un Sultano d'Egitto e Siria e Hijaz, dal 1174 alla sua morte, col laqab di al-Malik al-Nāṣir ("il sovrano vittorioso"). Ha fondato la dinastia degli Ayyubidi ed è annoverato tra i più grandi strateghi di tutti i tempi.

Musulmano sunnita di origine curda, Saladino ha rappresentato l'opposizione musulmana alle crociate europee nel Levante. Al culmine del suo potere, il suo sultanato incluse Egitto, Siria, Mesopotamia, Hijaz, Yemen e altre parti del Nordafrica.

Inviato presso i Fatimidi egiziani dal suo signore zengide Nūr al-Dīn Zengī nel 1163, Saladino scalò presto i ranghi del governo fatimide, diventando loro visir, anche in virtù dei suoi successi militari contro gli assalti dei crociati nel territorio egiziano e la sua intimità con l'Imam fatimide al-ʿĀḍid.

Quando lo zio di Saladino Shīrkūh morì nel 1169, al-ʿĀḍid nominò Saladino visir: evento non tanto straordinario quello di nominare visir un sunnita, vista la consuetudine fatimide di nominare non occasionalmente anche cristiani o ebrei alla guida dell'Imamato sciita ismailita. Durante il suo mandato come visir, Saladino cominciò a minare l'istituzione fatimide e dopo la morte di al-ʿĀḍid nel 1171 assunse il governo in nome del suo signore zengide, proclamando la fedeltà dei territori già fatimidi al califfato abbaside di Baghdad.
Negli anni successivi, condusse incursioni contro i crociati in Palestina, ordinò la fortunata campagna di conquista dello Yemen e scongiurò ribellioni pro-fatimidi in Egitto.

Non molto tempo dopo la morte di Nūr al-Dīn nel 1174, Saladino avviò la conquista della Siria, entrando pacificamente a Damasco su richiesta del sovrano buyide della città. Entro la metà del 1175, Saladino aveva conquistato Ḥamā e Homs, attirandosi l'ostilità dei vari zengidi, per nulla favorevoli all'ascesa del loro antico vassallo. Saladino sconfisse però l'esercito zengide in battaglia e fu successivamente proclamato "Sultano di Egitto e Siria" dal califfo abbaside al-Mustaḍīʾ. Portò a termine ulteriori conquiste nel nord della Siria e della Jazira, sfuggendo a due attentati alla sua vita perpetrati dagli Assassini, prima di tornare in Egitto nel 1177 per affrontare problemi interni al suo regno. Nel 1182, Saladino consolidò la conquista della Siria con la cattura di Aleppo, anche se non riuscì a conquistare la roccaforte zengide di Mossul.

Sotto la guida personale di Saladino, l'esercito ayyubide sconfisse i crociati nella decisiva battaglia di Hattin nel 1187, aprendo la strada alla riconquista musulmana della Palestina dai crociati, che vi si erano insediati 88 anni prima. Anche se il Regno di Gerusalemme, come regno crociato, avrebbe continuato ad esistere per un periodo prolungato, la sconfitta subita ad Hattin segnò una svolta nel suo conflitto con i poteri musulmani della regione. Saladino è diventato una figura di spicco nella cultura musulmana, araba, turca e curda. Nel 1193 morì a Damasco, dopo aver devoluto gran parte della sua ricchezza ai suoi sudditi. Saladino è sepolto in un mausoleo adiacente alla Moschea degli Omayyadi.

Etnia[modifica | modifica wikitesto]

Gli storici più accreditati indicano in quella curda la sua etnia d'origine.[1] [2] [3] [4] [5] [6] Non manca tuttavia chi, mosso probabilmente da pulsioni campanilistiche, afferma che la sua etnia fosse turca[7][8]

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Saladino nacque a Tikrīt, in Mesopotamia (attuale Iraq).

Il suo nome era "Yūsuf", mentre "Ṣalāḥ al-Dīn" è un laqab, un epiteto descrittivo cioè che, nel suo caso, significa "restauratore della religione".

La sua famiglia aveva avuto origine dalla città di Dvīn in Armenia. Il clan Rawwādī della tribù dei Hadhbānī, dal quale proveniva, s'era parzialmente arabizzato al periodo della sua nascita.

Nel 1132 l'esercito sconfitto di ʿImād al-Dīn Zangī, che governava Mossul, durante la sua ritirata si trovò bloccato dal fiume Tigri, di fronte alla fortezza di Tikrīt, dove il padre di Saladino, Najm al-Dīn Ayyūb, serviva come guardiano. Ayyūb fornì traghetti per l'esercito, consentendo che esso trovasse rifugio a Tikrīt.

Mujāhid al-Dīn Bihrūz, un ex schiavo greco nominato governatore militare della Mesopotamia settentrionale grazie al servizio da lui reso ai suoi signori Selgiuchidi, rimproverò Ayyūb per aver dato rifugio a Zengī. Nel 1137 lo bandì da Tikrīt, dopo che il fratello di Ayyūb, Asad al-Dīn Shīrkūh, aveva ucciso un amico di Bihrūz in un delitto d'onore. Secondo Badr al-Din ibn Shaddad, Saladino nacque la notte stessa in cui la sua famiglia lasciò Tikrit.

Nel 1139 Ayyūb e la sua famiglia si trasferirono a Mossul, dove ʿImād al-Dīn Zengī riconobbe il suo debito, nominando Ayyūb comandante della fortezza di Baalbek.

Dopo la morte di Zengī nel 1146, il figlio Nūr al-Dīn divenne il governatore di Aleppo e il capo degli Zengidi.

Si racconta che Saladino, che viveva a Damasco, avesse una particolare predilezione per quella città, ma sono assai scarse altre informazioni sulla sua gioventù, anche se sappiamo che studiò a lungo e con brillanti risultati tanto le materie giuridiche quanto quelle letterarie. Chi era chiamato a governare doveva presentarsi infatti con un ottimo corredo conoscitivo ai propri sudditi. Secondo uno dei suoi biografi, al-Wahrānī, Saladino era in grado di rispondere a domande su Euclide, sull’Almagesto, sull'aritmetica e sulla Sharīʿa. Lo studio del Corano e delle "scienze religiose" (ʿulūm al-dīn) completava infatti il suo bagaglio conoscitivo.

Con suo zio Shīrkūh, acquisì un'ottima preparazione anche militare, seppure sembra che egli preferisse lo studio, dal quale si sentiva particolarmente attratto. Diverse fonti riferiscono che, nel periodo degli studi, Saladino fosse più interessato alla religione che a unirsi all'esercito.

Saladino conosceva la materia storica (taʾrīkh), biografie (siyar), genealogie degli arabi (ansāb), ma anche le genealogie dei cavalli arabi (khayl). In particolare conosceva a memoria la raccolta di poesie della Ḥamāsa di Abū Tammām.

Oltre all'arabo e al curdo, parlava, molto probabilmente, anche il turco.

In Egitto[modifica | modifica wikitesto]

La carriera militare di Saladino iniziò sotto la tutela di suo zio Shīrkūh, divenuto un importante comandante militare di Norandino, l'Emiro di Damasco e Aleppo di cui Saladino era vassallo.
Nel 1163 Shāwar, il visir del califfo fatimide al-ʿĀḍid, fu cacciato dall'Egitto dal rivale Dirghām, un membro della potente tribù dei Banū Ruzzīk. Chiese il sostegno militare di Norandino, che acconsentì, e nel 1164 inviò Shīrkūh per aiutare Shāwar nella sua spedizione contro Dirghām. Saladino, all'età di 26 anni, andò con loro.

Reintegrato con successo come visir, Shāwar chiese a Shīrkūh di ritirare il suo esercito dall'Egitto, offrendo una somma di 30.000 dīnār, ma Shīrkūh non volle, insistendo che la volontà di Norandino fosse di farlo rimanere.
Il ruolo di Saladino in questa spedizione fu minore. Si sa che gli fu ordinato dallo zio Shīrkūh di raccogliere provviste dalla città di Bilbays prima che venisse assediata dalle forze congiunte di Crociati e truppe di Shāwar.

Dopo il saccheggio di Bilbays, la forza egiziano-crociata e l’esercito di Shīrkūh dovevano impegnarsi in una battaglia sul confine desertico del Nilo, appena ad ovest di Giza.

Saladino ha svolto un ruolo importante, comandando l'ala destra dell'esercito zengide, mentre una forza di curdi comandavano quella sinistra e Shīrkūh era di stanza nel centro. Fonti musulmane, al momento, però, mettono Saladino nel "gruppo del centro", con l'ordine di attirare il nemico in una trappola mettendo in scena una falsa ritirata. La forza crociata all’inizio ebbe successo contro le truppe di Shīrkūh, ma il terreno era troppo ripido e sabbioso per i suoi cavalli, e il comandante Ugo di Cesarea venne catturato mentre attaccava l’unità di Saladino. Dopo aver combattuto sparsi in piccole valli a sud della posizione principale, la forza centrale zengide restituì l'offensiva; Saladino si unì agli altri dalle retroguardie.

La battaglia si concluse con la vittoria zengide. Secondo Ibn al-Athir, a Saladino è attribuito il merito di aver aiutato Shīrkūh in un quella che alcuni storici musulmani definiscono una delle "più straordinarie vittorie che si ricordino nella storia", anche se molti uomini di Shīrkūh vennero uccisi e la battaglia è considerata dalla maggior parte delle fonti come una vittoria non totale.

Saladino e Shīrkūh si spostarono verso Alessandria d'Egitto dove furono accolti, gli furono dati denaro e armi.

Di fronte a una forza crociato-egiziano superiore, che tentò di assediare la città, Shīrkūh divise il suo esercito. Con la maggior parte della sua forza egli si ritirò da Alessandria, mentre Saladino rimase col compito di custodire la città.

Shīrkūh si impegnò in una lotta di potere sull'Egitto con Shāwar e Amalrico I del Regno di Gerusalemme, in cui Shāwar chiese l'assistenza di Amalrico. 

Nel 1169 si disse che Shāwar fosse stato assassinato da Saladino e Shīrkūh morì in quello stesso anno. Norandino scelse un successore per Shīrkūh mentre al-ʿĀḍid non poté fare altro che nominare come vizir Saladino in sostituzione di Shāwar. 
L'Imām ismailita al-ʿĀḍid "dovette" scegliere Saladino come visir, nella speranza che le sue capacità concedessero alla dinastia fatimide di sopravvivere alla profonda crisi che l'aveva colpita da tempo. Al-Wahrānī scrisse che Saladino era stato scelto a causa della reputazione della sua famiglia e della sua "generosità e valore militare." ʿImād al-Dīn al-Iṣfahānī scrisse più realisticamente nel suo al-Barq al-Shāmī che, dopo il breve periodo di lutto per la morte di Shīrkūh, durante il quale "le opinioni erano divergenti", gli emiri fatimidi decisero per Saladino e costrinsero l'Imām a "investire lui del visirato". La maggior parte dei governanti siriani sostenne Saladino a causa del suo ruolo nella spedizione egiziana, in cui si era conquistato l'ammirazione dei militari.

Investito dell’emirato il 26 marzo, Saladino si pentì "di bere vino e trasformò la sua frivolezza fino ad assumere l'abito della religione". Avendo guadagnato potere e indipendenza, più di quanto ne avesse mai avuto nella sua carriera, affrontò quindi la questione della propria lealtà, se cioè scegliere in definitiva al-ʿĀḍid o Norandino. Girarono voci secondo le quali lo zengide sarebbe stato sospettoso circa le inconfessate ambizioni del suo sottoposto e che fosse anzi clandestinamente ostile verso la nomina di Saladino. Il Sultano zengide scrisse diverse lettere a Saladino, che le ignorò di fatto, pur senza mai abbandonare la sua formale fedeltà nei confronti del suo signore zengide. 

Più tardi, nel corso dell'anno, un gruppo di soldati egiziani e di emiri tentò di assassinare Saladino, ma conoscendo le loro intenzioni, grazie al capo delle sue spie, ʿAlī b. Safyān, Saladino arrestò e uccise il capo della cospirazione, Naji, il sovrintendente civile (Muʾtamin al-khilāfa) del palazzo fatimide. Il giorno dopo 50.000 soldati africani neri, provenienti dai reggimenti dell'esercito fatimide, si opposero al governo di Saladino mentre un certo numero di emiri egiziani e di gente comune inscenarono una rivolta. Entro il 23 agosto Saladino sedò però in maniera decisiva la rivolta, e non dovette affrontare mai più una simile sfida militare dal Cairo.

Verso la fine del 1169 Saladino, con rinforzi giuntigli da Norandino, sconfisse una massiccia forza crociato-bizantina nei pressi di Damietta. In seguito, nella primavera del 1170, Nūr al-Dīn Zengī inviò il padre di Saladino in Egitto in ottemperanza alla richiesta del visir, così come fece pervenire l’incoraggiamento dal califfo abbaside di Baghdad, al-Mustanjid, che mirava a che Saladino deponesse l'Imam fatimide suo rivale, al-ʿĀḍid. Saladino stesso aveva rafforzato la sua presa sull’Egitto e aveva ampliato la sua base di consenso. Iniziò ad assegnare posizioni di rilievo nella regione egiziana ai membri della sua stessa famiglia e a garantirsi una maggiore influenza sunnita al Cairo; ordinò la costruzione in città di una madrasa per il madhhab malikita, così come, nella città di al-Fusṭāṭ, di una shafi'ita, al quale egli stesso apparteneva.

Dopo essersi stabilizzato in Egitto, Saladino lanciò una campagna contro i crociati, assediando Darum, l'odierna Dayr al-Balah, nel 1170. Amalrico richiamò la sua guarnigione di cavalieri templari da Gaza per aiutarlo nella difesa di Darum, ma Saladino eluse la loro forza e piombò su Gaza. Distrusse la città costruita al di fuori del castello e uccise la maggior parte dei suoi abitanti dopo che fu da loro rifiutato il suo ingresso nel castello. Non è chiaro esattamente quando (probabilmente nello stesso anno) egli abbia attaccato e catturato il castello crociato di Eilat, costruito su di un'isola al largo della testa del Golfo di Aqaba. Eilat non rappresentava certo una minaccia per il passaggio di una flotta militare musulmana, ma avrebbe potuto molestare i piccoli gruppi di navi musulmane e Saladino decise di cancellarlo dal suo cammino. 

Secondo ʿImād al-Dīn al-Iṣfahānī, Norandino scrisse a Saladino nel giugno 1171, ingiungendogli di restaurare in Egitto l'obbedienza formale al califfato abbaside: cosa che Saladino organizzò due mesi più tardi, dopo l'incoraggiamento di Najm al-Dīn al-Khabushānī, il faqīh sciafeita che si era opposto con veemenza al dominio sciita-ismailita nel paese. 
Molti emiri egiziani furono così uccisi da Saladino durante questa lotta, ma ad al-ʿĀḍid fu detto che essi erano morti per essersi ribellati contro l'Imām. Poi quest'ultimo si ammalò, o fu avvelenato, secondo un’altra versione. Mentre era malato, chiese a Saladino di fargli visita per affidargli i suoi figli, ma Saladino rifiutò, temendo di commettere un tradimento contro gli Abbasidi, e si dice che abbia rimpianto la sua azione dopo aver realizzato ciò che al-ʿĀḍid avrebbe voluto. L'Imām morì il 13 settembre e cinque giorni più tardi, la khutba in nome degli Abbasidi fu pronunciata nelle moschee del Cairo e di al-Fusṭāṭ, riconoscendo come califfo al-Mustaḍiʿ.

Saladino depose lo stesso Imām del Cairo, ponendo fine alla dinastia ismailita che aveva regnato dal X secolo. L'Egitto divenne così, anche ai vertici, di nuovo ufficialmente sunnita. Saladino ne divenne il sultano e avviò una dinastia che, dal nome di suo padre, prese il nome di ayyubide.

Il 25 settembre, Saladino lasciò Il Cairo per partecipare ad un attacco congiunto su Kerak e Montreal, i castelli del deserto del Regno di Gerusalemme, alleato con Norandino, che avrebbe attaccato dalla Siria. Prima di arrivare a Montreal, Saladino si ritirò, rendendosi conto che se avesse incontrato Norandino a Shawbak, questi non gli avrebbe permesso di ritornare in Egitto. Norandino non avrebbe accettato di buon grado che Saladino controllasse un territorio così ampio. Inoltre, c'era la possibilità che il regno crociato, che agì come stato cuscinetto tra la Siria e l'Egitto, avrebbe potuto crollare con i due leader che lo attaccavano da est e dalla costa. Ciò avrebbe dato a Norandino l'opportunità di annettere l'Egitto. Saladino motivò il suo ritiro con la necessità di stroncare complotti fatimidi contro di lui, ma Norandino non accettò di buon grado la sua giustificazione.   Durante l'estate del 1172, venne segnalata la presenza di un esercito proveniente dalla Nubia alleato ad un contingente di Armeni rifugiati al confine con l'Egitto. I nubiani si preparavano per un assedio contro Aswān. L'emiro della città chiese l'assistenza di Saladino, che gli mandò rinforzi comandati dal figlio Turan Shah. Di conseguenza i Nubiani fuggirono, ma tornarono nel 1173 e vennero di nuovo cacciati. Questa volta le forze egiziane avanzarono da Aswān e catturarono la città nubiana di Ibrim .

Diciassette mesi dopo la morte di al-ʿĀḍid, Norandino non aveva intrapreso alcuna azione per quanto riguardava l'Egitto, ma attendeva un qualche ritorno economico per i 200.000 dinar che aveva stanziato per l'esercito di Shīrkūḥ. Saladino pagò questo debito con 60.000 dinar, "meravigliosi manufatti", alcuni gioielli, un asino della migliore razza e un elefante. Mentre trasportava questi beni a Damasco, Saladino colse l'occasione per devastare il territorio crociato. Egli non portò un attacco contro i castelli del deserto, ma tentò di scacciare i beduini musulmani che vivevano in territorio crociato con l'obiettivo di privare gli Ifranj di guide.
Il 31 luglio 1173, il padre di Saladino, Ayyūb, rimase ferito in un incidente a cavallo e la ferita causò in ultima analisi alla sua morte il 9 agosto. 

Nel 1174, Saladino mandò il figlio Tūrān-Shāh per conquistare lo Yemen (fatimide) e annettere il suo porto di Aden ai territori della dinastia ayyubide. Lo Yemen era visto anche come un territorio d'emergenza, nel quale Saladino avrebbe potuto fuggire in caso di un'azione ostile nei suoi riguardi di Norandino.

In Siria[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio dell'estate del 1174, Norandino era occupato nel radunare un esercito, inviare messaggi a Mossul, Diyarbakir, e al-Jazira. Apparentemente stava preparando un attacco contro Saladino in Egitto. La dinastia ayyubide, scoperti i suoi preparativi, tenne un consiglio, per discutere della possibile minaccia. Saladino raccolse le sue truppe al di fuori del Cairo.

Il 15 maggio, Norandino morì, dopo essere stato avvelenato la settimana precedente e il suo potere passò a suo figlio al-Malik al-Ṣāliḥ Ismāʿīl, di appena undici anni.  La sua morte determinò l'indipendenza politica di Saladino. In una lettera ad al-Malik al-Ṣāliḥ, promise di "agire come una spada" contro i nemici del giovane e si riferì alla morte di suo padre come a una "scossa di terremoto". 

Sulla scia della morte di Norandino, Saladino dovette affrontare una difficile decisione; poteva muovere il suo esercito contro i crociati dall'Egitto o attendere fino a quando non fosse stato invitato da al-Malik al-Ṣāliḥ in Siria per venire in suo aiuto e lanciare una guerra da lì. Poteva anche decidere di annettersi la Siria, prima che fosse caduta, con molta possibilità, nelle mani di un rivale, ma temeva che attaccare una terra che precedentemente apparteneva al suo padrone, lo poteva far passare per un traditore ipocrita. Quindi, non adatto a guidare la guerra contro i crociati. Saladino capì che, al fine di acquisire la Siria, egli aveva bisogno di un invito in tal senso da parte di al-Malik al-Ṣāliḥ. Altra mossa che poteva aiutarlo nella conquista della Siria era mettere in guardia il giovane sovrano sui due pericoli cui andava incontro: l'anarchia interna e gli attacchi dei crociati.

Quando al-Malik al-Ṣāliḥ fu trasferito ad Aleppo nel mese di agosto, Gumushtigin, l'emiro della città e uno dei capitani veterani di Norandino, assunse la tutela su di lui in veste di Atabeg. L'emiro si preparò a scalzare tutti i suoi rivali in Siria e al-Jazira, a cominciare da Damasco. In questa emergenza, l'emiro di Damasco si appellò a Sayf al-Dīn (un cugino di Gumushtigin) di Mossul per ricevere aiuto contro Aleppo. Ma Mossul rifiutò, costringendo i siriani a richiedere l'aiuto di Saladino che soddisfece invece la richiesta.  Saladino guidò attraverso il deserto 700 cavalieri scelti, passò per al-Kerak e poi raggiunse Bosra. Secondo il suo racconto, si unirono a lui "emiri, soldati e beduini, le emozioni dei loro cuori si vedevano sui loro volti". Il 23 novembre, arrivò a Damasco, tra le acclamazioni generali e riposò nella vecchia casa di suo padre, fino a quando le porte della Cittadella di Damasco si aprirono per lui quattro giorni dopo senza colpo ferire. Si installò nel castello e ricevette l'omaggio e i saluti dei cittadini. 

Lasciando il fratello Toghtigin come governatore di Damasco, Saladino procedette nella conquista di altre città che erano appartenuti a Norandino, ma ora erano praticamente indipendenti. Il suo esercito conquistò Ḥamā con relativa facilità, ma evitò di attaccare Homs, temendo la resistenza della sua cittadella. 
Saladino si spostò a nord verso Aleppo, assediandola il 30 dicembre, dopo che Gumushtigin rifiutò di abdicare al suo trono. Al-Malik al-Ṣāliḥ, temendo di essere catturato da Saladino, uscì dal suo palazzo e si appellò agli abitanti di non consegnare lui e la città alla forza d'invasione. Uno dei cronisti di Saladino affermò "il popolo cadde sotto il suo incantesimo". Gumushtigin chiese a Rashīd al-Dīn Sinān (ibn Salmān al-Baṣrī), Gran Maestro degli Assassini di Masyaf (Siria), che erano già in contrasto con Saladino, da quando aveva soppiantato i Fatimidi d'Egitto, di assassinare il suo rivale nel suo campo.
L'11 maggio 1175 un gruppo di tredici Assassini facilmente penetrò nel campo di Saladino, ma venne immediatamente scoperto, prima che avesse effettuato l'attacco, dalla morte del signore curdo di Abū Qubays, Nāṣiḥ al-Dīn Khumartekin, che aveva raggiunto Saladino e che, allarmato dalla presenza di sconosciuto vicino alla tenda del suo nuovo signore, aveva chiesto loro cosa facessero in quel posto, cadendo pugnalato a morte. Uno degli assassini fu eliminato da un generale di Saladino e gli altri furono uccisi mentre cercavano di fuggire. 
Per scoraggiare i progressi di Saladino, Raimondo di Tripoli raccolse le sue forze a Nahr al-Kabīr, dove erano in posizione per un attacco in territorio musulmano. Saladino si mosse invece verso Homs, ma si ritirò dopo aver saputo che Sayf al-Dīn stava inviando alla città dei soccorsi. 
Nel frattempo, i rivali di Saladino in Siria e Jazira condussero una guerra di propaganda contro di lui, affermando che "dimenticata la propria condizione [di servitore di Nūr al-Dīn]" non aveva mostrato alcun segno di gratitudine per il suo vecchio maestro, assediando suo figlio, che si era levato "in ribellione contro suo signore". 
Saladino mirava a contrastare questa propaganda ponendo fine all'assedio, affermando di aver difeso l'Islam dai crociati. Il suo esercito tornò a Ḥamā per impegnare in uno scontro una forza crociata e i guerrieri cristiani si ritirarono in anticipo e Saladino proclamò questa vittoria, in grado "di aprire le porte del cuore degli uomini". 
Poco dopo, Saladino entrò a Homs e catturò la sua cittadella nel marzo 1175, dopo un'ostinata resistenza dei suoi difensori.  I successi di Saladino allarmarono Sayf al-Dīn. Come capo degli Zengidi, tra cui Gumushtigin, egli considerava la Siria e la Mesopotamia come il suo feudo di famiglia e si adirò, quando Saladino tentò di usurpare le proprietà della sua dinastia.  Sayf al-Dīn raccolse un grande esercito e lo inviò a Aleppo, dove i difensori della città lo avevano atteso con ansia. Le forze combinate di Mossul e Aleppo marciarono contro Saladino a Ḥamā. 
In condizione di pesante inferiorità numerica, Saladino inizialmente tentò di venire a patti con gli zengidi, rinunciando a tutte le conquiste a nord della provincia di Damasco. Ma essi rifiutarono, insistendo sul suo ritorno in Egitto. Vedendo che il confronto era inevitabile, Saladino si preparò per la battaglia, prendendo una posizione in alto sulle colline vicino alla gola del fiume Oronte. Il 13 aprile 1175, le truppe zengidi marciarono per attaccare le sue forze, ma ben presto si trovarono circondati da veterani ayyubidi di Saladino, che li schiacciarono. 
La battaglia si concluse con una vittoria decisiva per Saladino, che inseguì i fuggitivi zengidi alle porte di Aleppo, costringendo i consiglieri di al-Malik al-Ṣāliḥ a riconoscergli il controllo delle province di Damasco, Homs e Ḥamā, così come un certo numero di paesi al di fuori Aleppo come Maʿarrat al-Nuʿmān.
Dopo la sua vittoria contro gli zengidi, Saladino si proclamò re e soppresse il nome di al-Malik al-Ṣāliḥ nelle preghiere del venerdì e nelle monete islamiche. Da allora, ordinò preghiere in tutte le moschee della Siria e dell'Egitto, come re sovrano, e fece battere monete d'oro (dīnār) dalla zecca del Cairo, in cui figurava il suo nuovo laqab di al-Malik al-Nāṣir Yūsuf ibn Ayyūb: "il Sovrano vincitore, Yūsuf figlio di Ayyūb".

La conquista di Gerusalemme[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte di Norandino (maggio 1174), Saladino ne sposò la vedova e iniziò la sua personale opera di conquista dell'area siro-palestinese: riuscì a prendere il controllo di Damasco nel novembre 1174.

Nel marzo 1175 conquistò la cittadella di Homs e il 21 giugno Azaz. L'anno successivo mise sotto assedio Aleppo; mentre era accampato fuori dalle mura della città, il 22 maggio 1176, scampò a un tentativo di assassinio da parte di tredici appartenenti alla setta dei Nizariti. Dopo un'inutile spedizione (forse solo di facciata) sulle montagne dove avevano rifugio gli Assassini, Saladino si ritirò al Cairo.

Nel 1177 si rivolse verso il Regno di Gerusalemme. Venuto a conoscenza dei piani di Saladino, Baldovino IV lasciò Gerusalemme con 500 cavalieri per tentare la difesa di Ascalona, ma venne bloccato sul posto da Saladino, forte di 30.000 uomini. I Cavalieri Templari cercarono di prestare soccorso a Baldovino ma vennero posti sotto assedio a Gaza. Saladino giustiziò i suoi prigionieri cristiani e continuò la sua marcia verso Gerusalemme, conquistò Ramla e prese d'assedio Lidda e Arsuf, ma poiché non considerava più Baldovino come una minaccia, permise al suo esercito di sparpagliarsi in una vasta area, per razziare e riposare. Nel frattempo, sia Baldovino sia i Templari riuscirono a liberarsi dai rispettivi assedi, e marciarono lungo la costa, nella speranza di intercettare Saladino prima che raggiungesse Gerusalemme. Il 25 settembre 1177 si scontrarono con Saladino a Montgisard, nei pressi di Ramla, cogliendolo del tutto di sorpresa.

I musulmani furono messi in rotta. Molti vennero uccisi e Saladino stesso riuscì a fuggire solo perché cavalcava un cammello da corsa. Saladino tornò in Egitto, subendo continui attacchi dalle tribù di beduini lungo il tragitto. Soltanto un decimo del suo esercito riuscì a tornare in Egitto con lui. Anni dopo, avrebbe definito quella sconfitta “grande come una catastrofe”. Baldovino tallonò Saladino fino nella penisola del Sinai, ma non riuscì a trarne vantaggio e in seguito Saladino tentò un nuovo attacco nel 1179.

Saladino quindi si impegnò nella conquista di Aleppo (1183) e di Mossul (1186), grandi empori commerciali.

Nel 1187 inviò a Tiberiade una piccola armata guidata da suo figlio al-Afdal, per rappresaglia nei confronti di un precedente attacco ad una carovana musulmana da parte di Rinaldo di Chatillon. Raimondo III di Tripoli nutriva la speranza che Saladino si potesse alleare con lui contro Guido di Lusignano e per questo permise alla spedizione di attraversare Tiberiade il 30 aprile; ma Gerardo di Ridefort, maestro dei Cavalieri Templari, radunò velocemente un piccolo contingente di soli 140 cavalieri in tutto; la forza di Saladino era composta da 7000 uomini. Si scontrarono a Cresson, presso Nazaret il 1º maggio. Narra l'Itinerarium Peregrinorum et Gesta Regis Ricardi:

Così Saladino radunò il suo esercito e marciò velocemente verso la Palestina. Egli inviò l'emiro di Edessa, Manafaradin (al-Muzaffar), a capo di 7.000 Turchi per razziare la Terra Santa. Ora, quando questo Manafaradin giunse nella regione di Tiberiade, si scontrò con il maestro del Tempio, Gerardo de Ridefort, e con il maestro dell'Ospedale, Ruggero des Moulins. Nello scontro inaspettato che seguì, egli mise in fuga il primo ed uccise il secondo.

I musulmani finsero una ritirata, Gerardo ordinò una carica, nonostante il parere contrario di Ruggero, ed i cavalieri si separarono così dalla fanteria. I musulmani riuscirono a contrastare facilmente la carica diretta dei cristiani, uccidendo prima i cavalieri esausti e poi la fanteria. Gerardo sopravvisse ma tutti gli altri cavalieri vennero uccisi. Saladino raccolse un esercito ancora più potente, forte di 20.000 uomini, e invase il regno a giugno: ebbe strada facile anche grazie alla insipiente smania aggressiva del Reggente del regno, Guido di Lusignano, di Rinaldo di Chatillon, di Umfredo II di Toron e del nuovo Patriarca Eraclio, arcivescovo di Cesarea (che erano riusciti a vanificare l'assennata linea strategica del defunto re lebbroso di Gerusalemme, Baldovino IV, orientata a un accordo con le forze musulmane dell'area).

L'esercito del Regno di Gerusalemme, mossosi dalla Città Santa in direzione nord per contrattaccare, fu distrutto nella battaglia di Hattin (4 luglio 1187), durante la quale vennero catturati sia il re Guido, sia il Gran Maestro templare, che vennero usati da Saladino come ostaggi da rilasciare in cambio della consegna di piazzeforti. La reliquia della vera Croce, portata in battaglia dai crociati come miracolosa insegna, fu presa e di essa si persero le tracce. Saladino decapitò di propria mano Rinaldo di Châtillon, adempiendo al voto solenne che aveva espresso in precedenza di vendicare una carovana di pellegrini musulmani diretti alla Mecca e spietatamente trucidati da Rinaldo. Tutti gli Ospitalieri e i Templari catturati vennero uccisi, perché la loro regola vietava di pagar riscatti per la loro liberazione e imponeva ai guerrieri liberati di tornar subito a combattere.

Il 10 luglio Saladino otteneva anche la città e il porto di San Giovanni d'Acri; il sultano voleva mantenere intatto questo centro commerciale che portava ricchezza ai suoi domini e infatti nei termini della resa concedeva che gli abitanti cristiani avrebbero avuto salva la vita e conservate le loro proprietà, ma, per la maggior parte, rifiutarono di restare ed emigrarono senza essere molestati.

Saladino partì poi alla conquista di altri centri costieri, di Giaffa e Beirut. La strada per Gerusalemme era ormai aperta per Saladino ed egli pose l'assedio alla città, ma non ebbe bisogno di espugnarla: il suo difensore, Baliano di Ibelin, ebbe la saggezza di negoziare una resa onorevole in cambio di un'evacuazione ordinata dei circa 16.000 abitanti cristiani che vi erano asserragliati, i quali vennero fatti uscire e imbarcare senza subire perdite. Saladino entrò trionfante nella città il 2 ottobre 1187. Ai Crociati rimase solo il controllo di Tiro, Tripoli ed Antiochia, che pure Saladino attaccò nel 1188, ma senza successo. Il regno crociato si riduceva così a una sottile striscia costiera.

La terza crociata e lo scontro con Riccardo Cuor di Leone[modifica | modifica wikitesto]

La notizia della perdita di Gerusalemme e della Palestina fu sconvolgente per l'Europa cristiana e vi fu presto la richiesta di una nuova Crociata, proclamata da Papa Gregorio VIII e dal suo successore Papa Clemente III. Nel 1189 giunsero numerosi contingenti militari per la liberazione della Terrasanta.

Il 4 ottobre 1189 Saladino mosse ad est della città di San Giovanni d'Acri verso il campo di Guido di Lusignano e schierò le sue truppe in un semicerchio ad oriente della città; l'esercito crociato era in mezzo e mantenne la sua posizione di fronte alle forze di Saladino, con i balestrieri dotati di corazza leggera in prima linea e la cavalleria pesante in seconda. Nello scontro i Templari prevalsero sui musulmani a tal punto che Saladino dovette richiedere rinforzi da altre parti del campo di battaglia; ma i balestrieri cristiani prepararono la strada per la carica della cavalleria pesante crociata e la costante avanzata del centro cristiano contro le truppe di Saladino non incontrò grande resistenza. Il centro ed il fianco destro di Saladino furono messi in fuga. Ma i vincitori cristiani si sparsero per saccheggiare, allora Saladino radunò i suoi uomini e quando i cristiani cominciarono a ritirarsi con il bottino, scatenò la sua cavalleria leggera su di loro. I crociati dovettero ritirarsi soffrendo gravi perdite, ma alla fine sconfissero le truppe di Saladino al costo della perdita di 7.000 uomini.

Nel 1191 Riccardo Cuor di Leone giunse in Terrasanta per tentare la riconquista di Gerusalemme. Con lo scopo di prevenire la presa di Giaffa da parte dei Crociati, Saladino attese l'esercito nemico ad Arsuf, a nord di Giaffa, per bloccarne il passaggio. Lo schieramento musulmano era superiore numericamente e la cavalleria era dotata di armamenti leggeri; al contrario, i cavalieri crociati montavano cavalcature massicce e robuste, e portavano armamenti pesanti. La battaglia si aprì con una carica della fanteria di Saladino, che effettuò una serie di lanci ripetuti di lance e giavellotti contro lo schieramento serrato dei crociati; poi la fanteria musulmana si aprì per lasciare spazio alla cavalleria, che caricò a ondate le file cristiane. Nonostante i ripetuti inviti di attaccare da parte dei suoi comandanti, Riccardo continuava a tenere serrato lo schieramento, finché si pose al comando della carica e spezzò le file dei musulmani, stanchi dall'attacco sferrato senza esito.
La battaglia durò solo pochi minuti e l'esercito musulmano fu messo in rotta e costretto alla fuga.

Saladino non subì perdite eccessivamente pesanti, anzi riuscì a riorganizzare il suo esercito subito dopo; ma nel campo crociato le conseguenze psicologiche per il morale furono enormi, poiché questo era il primo vero e proprio scontro diretto con l'invincibile Saladino dopo il disastroso massacro di Hattin. Saladino ebbe col sovrano plantageneto rapporti di stima, ma il re d'Inghilterra non rimase in Terra Santa abbastanza a lungo per mettere a frutto le sue indubbie qualità guerriere.

La morte e l'eredità politica[modifica | modifica wikitesto]

La tomba (non originale) di Saladino nel mausoleo di Damasco

Saladino governò con energia ed efficienza l'Egitto, la Siria e lo Hijaz, tenendo sotto il proprio controllo anche le due principali città sante dell'Islam: Mecca e Medina.

Morì nel marzo 1193, appena due anni dopo la partenza del suo grande antagonista, il re d'Inghilterra Riccardo Cuor di Leone.

A ereditare i suoi possedimenti, che andavano dall'Eufrate alla Terrasanta al Sudan, non furono tuttavia ovunque i suoi figli perché, se al Cairo, a Damasco e ad Aleppo regnarono rispettivamente al-ʿAzīz ʿUthmān, al-Afḍal ʿAlī e al-Zāhir Ghāzī, la Jazīra fu governata invece dal fratello Safedino (al-Malik al-ʿĀdil Sayf al-Dīn), i territori al di qua del fiume Giordano dal nipote al-Muʿaẓẓam ʿĪsà, figlio di Safedino, e Ḥimṣ dai discendenti di Shīrkūh. Con essi si compì il frazionamento di un territorio così vasto conquistato da Saladino, che inizialmente era composto solo dai due sultanati di Damasco e di Cairo; il primo si frammentò all'inizio del XIII secolo, il secondo venne acquisito nel 1250 dai mamelucchi (schiavi) dell'ultimo Sultano ayyubide, al-Ṣāliḥ Ayyūb, morto senza eredi.

I Mamelucchi regneranno fino al 1517, anno in cui le forze ottomane del sultano Selim II avranno la meglio sui loro avversari.

Letteratura europea su Saladino[modifica | modifica wikitesto]

Dante Alighieri porrà, oltre un secolo più tardi, Saladino tra i valorosi non cristiani del Limbo, a testimoniare la sua duratura fama di uomo retto ed esempio di virtù cavalleresca. Questo non vuol dire, naturalmente, che Saladino non operasse con la durezza tipica dei suoi tempi verso i suoi avversari, senza però scadere nell'efferatezza fine a se stessa o nella crudeltà gratuita.

Saladino valentissimo signore e allora soldano di Babilonia è protagonista della Novella nona della Decima Giornata del Decamerone di Boccaccio. Del pari, il suo nome, talvolta nascosto dietro l'espressione fantasiosa di "Soldano di Baghdad", appare sovente nel Novellino, come esempio di rettitudine, di saggezza e di buon governo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stanley Lane-Poole, Saladin and the Fall of the Kingdom of Jerusalem, Heroes of the Nations, Londra, G. P. Putnam's Sons, 1906.
  • Henri Massé, ʿImâd ad-Dîn al-Iṣfahânî (519-597 / 1125-1201): Conquête de la Syrie et de la Palestine par Saladin (al-Fatḥ al-qussî fî l-fatḥ al-Qudsî), (Documents relatifs à l'Histoire des Croisades publiés par l'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres) Parigi, Paul Geuthner, 1972.
  • Giuseppe Ligato, La croce in catene. Prigionieri e ostaggi cristiani nelle guerre di Saladino (1169-1193), Spoleto, Centro italiano di studi sull'alto medioevo, 2005.
  • Geoffrey Hindley, Saladino eroe dell'Islam, Bruno Mondadori, 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oltre alle numerosissime fonti arabo-islamiche, si può leggere l'incipit del lemma sugli Ayyubidi, scritto da Claude Cahen per l'The Encyclopaedia of Islam - la ben nota summa delle conoscenze orientalistiche - che letteralmente afferma: «The eponym of the family, Ayyūb b. Shādhī b. Marwān, born in the village of Adjdanaqān near Dvin (Dabīl) in Armenia, belonged to the Rawwādī clan of the Kurdish tribe of the Hadhbānī».
  2. ^ Cfr. ciò che scrive Bernard Lewis, islamista e turcologo di fama internazionale, sulla ben nota Cambridge History of Islam (P.M. Holt, Ann K.S. Lambton e Bernard Lewis eds., Cambridge, C.U.P., 4 voll., 19954, p. 201): «...Shāwar (i.e. il vizir fatimide d'Egitto) now returned to Egypt with a Sirian army, commanded by the Kurdish general Shīrkūh; the latter was accompanied by his nephew Ṣalāḥ al-Dīn b. Ayyūb».
  3. ^ M. Chamberlain riprende quasi alla lettera le frasi di Lewis sulla Cambridge History of Egypt (Carl F. Petry ed.), 2 voll., Cambridge, C.U.P., 1998, I, p. 213: «...Nūr al-Dīn dispatched a small army under the command of his Kurdish amīr Asad al-Dīn Shīrkūh. Shīrkūh, possibly accompanied by his nephew Ṣalāḥ al-Dīn Ibn Ayyūb (known to the west as Saladin)...».
  4. ^ Il noto autore di biografie di uomini illustri, Ibn Khallikān, nelle sue Wafayāt al-aʿyān (Il Cairo, Maktaba al-nahḍa al-miṣriyya, 1948, VI, p. 139), nel parlare della sua famiglia, scriveva: «...wa annahum akrād», che significa "...ed essi erano Curdi...".
  5. ^ Cfr. anche Carl Brockelmann, Histoire des peuples et des États islamiques, Parigi, Payot, 1949, pp. 193-94: «Deux frères, Ayyoub et Chirkouh, fils du Kurde Chadhi... Chirkouh reparut en Egypte, mais après une première victoire retentissante, son neveau Saladin, fils d'Ayyoub...».
  6. ^ C. Lo Jacono, Storia del mondo islamico (VII-XVI secolo). I. Il Vicino Oriente, Torino, Einaudi, 2003, p. 317: «Il deposto Shāwar pensò di chiedere allora aiuto al sunnita Nūr al-Dīn b. Zenjī, teoricamente soggetto al califfo abbaside, che inviò il suo aiutante, il curdo Shīrkūh (zio di Ṣalāḥ ad-Dīn b. Ayyūb, il futuro Saladino...».
  7. ^ Dr. Mehmet Sılay, "Ortadoğu Barışının Mimarı Selahaddin Eyyubi", İstanbul, 2009.
  8. ^ The chronicle of the kings of England from William the Norman to the death of George III, California Digital Library, (Basım: 1821, Yazar: J. Fairburn, Dil: İngilizce) (Sayfa 33, "Saladin the Turk") (http://www.archive.org/stream/chronicleofkings00dods#page/32/mode/2up )"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vizir d'Egitto Successore
Shirkuh (1169) 1169 – 1171 Uthman ibn Yusuf ibn Ayyub (1193- 1198)
Predecessore Sultano ayyubide Successore
-- 1171 – 1193 Al-Adil I (1200- 1218)

Controllo di autorità VIAF: 90040943 LCCN: n82165288