Orientalistica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'orientalistica è lo studio scientifico delle civiltà dell'Oriente, principalmente dal punto di vista storico, filologico-linguistico, antropologico e filosofico-religioso. Storicamente la disciplina studia le culture extra-europee, dai paesi dell'Asia a quelli dell'Africa settentrionale, quali Egitto ed Etiopia.[1]

Lo studio europeo delle regioni asiatiche, genericamente definite "l'Oriente" (anche quando ciò riguardava quello che fino al XIX secolo era chiamato il Levante, come la Grecia, parte dell'allora Impero ottomano), ebbe una motivazione essenzialmente religiosa, rimasta in auge fino ai tempi relativamente più recenti (Seconda guerra mondiale). L'acquisizione delle conoscenze della medicina araba (che aveva progressivamente inglobato il sapere medico dell'antica Grecia, delle aree mediterranee ellenizzate, della Persia e dell'India, reso possibile dalle traduzioni curate da studiosi musulmani, ebrei e cristiani arabofoni, fu un importante fattore di sviluppo di tali studi nel Medioevo.

Il primo passo fu obbligatoriamente lo studio delle lingue veicolari delle regioni asiatiche e africane da cui provenivano tali traduzioni, nella speranza di ampliare ulteriormente i propri orizzonti conoscitivi. Ciò era oltretutto reso necessario al fine di approdare a una conoscenza meno raffazzonata dei testi sacri delle varie religioni asiatiche che, come l'Islam, facevano grande e sgradita concorrenza al Cristianesimo, e dunque per contestarne i valori.

Dopo lo studio delle lingue e delle religioni orientali fu poi il turno della storia, dell'arte e del diritto. Il fine abbastanza scoperto non era che in minima parte determinato dall'ansia di conoscenza, prevalendo invece la volontà di confronto e di sottomissione materiale e morale delle popolazioni che ad altri credo religiosi ed etici si rifacevano. A commissionare gli studi "orientalistici" non fu solo la Chiesa, bensì anche gli Stati nazionali europei, spinti da una precisa volontà di assoggettare il mondo alla loro fede e a sottomettere le varie popolazioni orientali, al fine di creare mercati sempre più ampi, in grado di assorbire i loro prodotti e di cedere a basso prezzo le materie prime necessarie allo sviluppo economico.

Dal fine del XVIII secolo l'archeologia orientale conobbe crescente attenzione da parte del pubblico colto europeo, fornendo materiale di enorme rilevanza storica ai musei che andavano sorgendo un po' in tutto il continente europeo e in quello statunitense. La fascinazione delle culture asiatiche e del cosiddetto "esotico" influenzò l'arte europea, facendo nascere un genere letterario e pittorico che tenne a battesimo le opere di un Pierre Loti da un lato e di un Eugène Delacroix dall'altro[senza fonte].

Sottoposta a una severa opera di rifondazione dopo il II conflitto mondiale, agli studi sulle culture dei paesi asiatici - ma, evidentemente, anche del Nordafrica arabo e berbero - hanno cominciato a fornire il loro importante e qualificato contributo anche gli studiosi degli stessi Paesi asiatici e africani. L'"Orientalismo", che indubbiamente ebbe oscuri natali, svolge oggi la fondamentale opera di diffusione di conoscenza, correttamente condotta sulle fonti letterarie primarie, delle culture extra-europee, senza più intenti prevaricatori, salvo eccezioni del tutto residuali.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Orientalistica nell'Enciclopedia Treccani. URL consultato il 22-07-2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

antropologia Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia