Hama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Hama (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Hama
città
in arabo: حماة
Hama – Veduta
Localizzazione
Stato Siria Siria
Governatorato Hama
Distretto Hama
Territorio
Coordinate 35°08′N 36°45′E / 35.133333°N 36.75°E35.133333; 36.75 (Hama)Coordinate: 35°08′N 36°45′E / 35.133333°N 36.75°E35.133333; 36.75 (Hama)
Altitudine 289 m s.l.m.
Abitanti 546 604[1] (2006)
Altre informazioni
Prefisso 33
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Siria
Hama
Sito istituzionale

Ḥamā (in in arabo: حماة) è una città della Siria centrale, di circa 350 000 abitanti (al censimento 2004), a poco più di 50 km a settentrione di Homs e a poco più di 150 km a meridione di Aleppo. In antichità era conosciuta per molto tempo come Epifania di Siria

Storia[modifica | modifica sorgente]

Attraversata dal fiume Oronte (in arabo Nahr al-'Āī ), Ḥamā fu dominata nell'XI secolo a.C. dagli Hittiti prima di diventare un importante centro arameo. È ricordata dall'Antico Testamento col nome di Hamath.

Annessa dall'Assiria nell'VIII secolo a.C., nel II secolo a.C. Ḥamā vide trasformato il suo nome in Epiphania da Antioco IV Epifane.
Conquistata nel VII secolo dagli Arabi musulmani, la città riprese il suo antico nome, entrando a far parte del jund di Homs, l'area preferita d'insediamento delle popolazioni sud-arabiche.

La città cadde sotto il controllo hamdanide nel periodo in cui l'autorità califfale abbaside cominciava a scemare ed entrò quindi fra i possedimenti dei Mirdasidi e infine dei Selgiuchidi nell'XI secolo.

Nel periodo dei confronti susseguenti alla morte del sultano selgiuchide Malik Shah I, Ḥamā fu occupata dall'atabeg Toghtigin e successivamente dalla dinastia buride di Damasco.

Inglobata quindi da Norandino, la città divenne infine ayyubide nel 1174 per merito di Saladino, entrando nel gioco dei confronti armati fra Crociati e musulmani per il controllo della Terra Santa.

Dopo il trapasso dei poteri fra Ayyubidi e Mamelucchi, la città seguì le vicende della regione siriana e della Mezzaluna Fertile dopo la caduta del sultanato mamelucco ad opera degli Ottomani, quando divenne capitale di liwā' dipendente dall'eyalet di Tripoli del Libano.

Gli abitanti di Hamā, quasi tutti sunniti, sono tra i più conservatori di tutta la Siria, e questo nel 1982 portò la città a essere il centro di una rivolta organizzata dai Fratelli musulmani contro il regime autoritario di Hafiz al-Asad, di religione alauita e di tendenze laicheggianti.

La rivolta fu stroncata nel sangue dal fratello del Presidente, Rifāʿat al-Asad, con l'uso di carri armati che circondarono Ḥamā. I morti furono tra i 10.000 e i 25.000, mentre i danni devastanti al patrimonio architettonico (a causa delle artiglierie usate senza alcuna remora dall'esercito) non sono perfettamente quantificabili.

Fra essi l'antica e grande moschea di età omayyade, che conservava uno dei più bei minbar lignei d'età mamelucca, e il cenotafio del sultano ayyubide al-Malik al-Muzaffar III (1284-1298). Non va dimenticata neppure la moschea al-Nūrī, fondata da Norandino, e la moschea al-Hayyāt, detta "dei serpenti" a causa della curiosa forma delle colonne della musalla (sala di preghiera), nei cui pressi è sepolto il grande storico siriano Abulfeda (Abū l-Fidā’).

Una delle famose "norie" in primo piano.

Nessun danno di rilievo ricevettero invece le famose "norie" che, dall'epoca seleucide, sollevano le acque dell'Oronte per condurle con apposite condotte aeree alle abitazioni della città e destinate anche all'irrigazione degli orti urbani.

Le norie oggi funzionano esclusivamente per il diletto dei turisti, essendo da tempo pressoché distrutte le strutture murarie che consentivano l'inoltro dell'acqua alle abitazioni e ai giardini, ma il loro spettacolo costituisce ancora un motivo di diletto e di fascino per i visitatori, grazie anche al caratteristico cigolio delle ruote ad acqua che viene poeticamente definito "canto".

Fra le attività economiche della città continua ad avere una certa importanza la produzione artigianale di prodotti tessili di alto livello (sete, manufatti di cotone, ecc.). Negli ultimi decenni ha avuto un notevole sviluppo la metallurgia e l'industria dei materiali da costruzione (cemento in particolare).

Persone legate a Hama[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ stima World Gazetteer

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Claude Cahen, La Syrie du Nord à l'époque des Croisades et la principauté franque d'Antioche, Parigi, P. Geuthner, 1940
  • K.A.C. Creswell, "The Great Mosque of Hamā", in: Aus der Welt der islamischen Kunst (Festschrift E. Kühnel), Berlino, 1959, pp. 48–53

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]