Bernard Lewis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bernard Lewis

Bernard Lewis (Stoke Newington, 31 maggio 1916) è uno storico e orientalista britannico. Considerato uno dei massimi studiosi del Vicino Oriente, è stato professore nella School of Oriental and African Studies dell'Università di Londra e professore emerito di Studi sul Vicino Oriente alla Princeton University, arabista e turcologo specializzato sulla storia dei popoli islamici e sui rapporti tra l'Islam e l'Occidente.

È stato tra i curatori della Cambridge History of Islam, strumento di riferimento fondamentale per gli studiosi.

Le sue prese di posizioni assai critiche verso certe forme di pensiero dell'Islam moderno e contemporaneo gli sono valse alcune aspre contestazioni, specialmente in ambiente islamico.

In Francia, negli anni novanta, la sua visione critica delle violenze perpetrate dai Giovani Turchi ai danni della minoranza armena (che egli dubitava potessero essere bollate come "genocidio", limitandosi a qualificarle come "massacri" in quanto non mossi dalla precisa volontà di eliminare tutti gli armeni) gli valsero una causa civile e la condanna alla simbolica multa di un franco.

Il tribunale in prima istanza non volle infatti tener conto della libertà d'indagine e di pensiero dello storico. Ad intentargli causa fu un'organizzazione che si batteva contro l'antisemitismo, evidentemente non condizionata dal fatto che il grande studioso britannico (che all'epoca già insegnava nella prestigiosa sede accademica di Princeton) fosse di estrazione ebraica.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 61548760 LCCN: n79119221

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie