Cavallo arabo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stallone arabo
Stallone arabo in lavoro

Il cavallo arabo è una fra le razze equine più antiche e utilizzate.

Cavallo molto nobile dal busto fine; pelle sottile ed elastica ricoperta da peli corti e lucenti. Gli zoccoli sono piccoli e durissimi; gli appiombi sono perfetti. L'arabo è il cavallo esteticamente più tipico. È una razza a sangue caldo originaria della Penisola arabica, utilizzato per creare o per migliorare alcune razze, fra cui anche il purosangue inglese. Pionieri tra gli altri dell'inoltro in Europa dei purosangue arabi (psa) furono l'italiano Carlo Claudio Camillo Guarmani e l'inglese Lady Anne Blunt, capace e appassionata intenditrice che organizzò il Crabbet Arabian Stud.

Ottimo per trekking e gare di resistenza è spesso utilizzato anche come tiro leggero rapido. Il cavallo arabo è anche adatto alla monta, essendo un cavallo molto veloce, vivace e abbastanza nevrile ha bisogno di un padrone esperto. Inoltre è un cavallo leale, coraggioso, generossissimo che può anche essere impiegato come monta di campagna con buonissimi risultati. E anche utilizzato come tiro rapido e anche come attacco

Origini e attitudini[modifica | modifica wikitesto]

La sua origine risale al 3000 a.C. Nel VI secolo d.C. i beduini praticavano l'allevamento selettivo, secondo criteri di selezione validi ancora oggi. Si formarono inizialmente sette tipologie principali, che successivamente si ridussero alle tre che ancora oggi conosciamo:

  • l'arabo beduino (asil) rappresenta il tipo originario e si divide a sua volta in tre sottotipi: kuhailan, resistente e potente; siglavy, bello ed elegante; muniqi, leggero e velocissimo.
  • l'arabo di pura razza è il discendente dei tre tipi appena citati, ed è quello che noi conosciamo come arabo (diffuso in tutto il mondo).
  • la razza araba comprende cavalli di sangue orientale che, pur rispettando per morfologia e carattere il tipo arabo, hanno nel loro albero genealogico parentele con il berbero, con l'arabo-persiano e con il siriano.

È stato impiegato per creare o migliorare altre razze in ogni angolo della terra, primo fra tutte il Purosangue inglese.

Aspetti morfologici[modifica | modifica wikitesto]

Un purosangue arabo
  • Tipo: Mesomorfo
  • Altezza al garrese: 145 - 160 cm circa; in alcuni casi scende al di sotto del limite minimo.
  • Peso: 350 - 450 kg
  • Mantello: Grigio, Sauro (rossiccio), Baio (marrone con criniera e coda neri e garretti bianchi), Morello (completamente nero).
Purosangue arabo

La caratteristica fisica che distingue il cavallo di razza araba rispetto alle altre razze è che le vertebre della sua colonna spinale sono più corte e quindi la schiena è più corta rispetto agli altri cavalli; da ciò deriva la compattezza del suo fisico, lasciando inalterati gli altri organi vitali. Da qui il suo impiego negli sport di resistenza come l'endurance (gare che arrivano anche a 160 km da percorrere) in cui il cuore (delle stesse dimensioni di un qualsiasi altro cavallo) deve sostenere ed irrorare un fisico più compatto di un altro cavallo, dando all'arabo una resistenza maggiore in uno sforzo minore del cuore.


Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi